Gazzetta Ufficiale n. 163 del 14-07-1999

DELIBERAZIONE 9 giugno 1999
Contratti d'area: integrazione direttive e criteri. (Deliberazione n. 81/99).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Visto l'art. 2, commi 203 e seguenti, della legge 23 dicembre 1996,
n. 662 e successive modificazioni ed integrazioni, recanti
disposizioni, tra l'altro, in materia di contratti d'area;
Vista la legge 30 giugno 1998, n. 208, che, per assicurare la
prosecuzione degli interventi nelle aree depresse, autorizza la spesa
complessiva di 12.200 miliardi di lire per il periodo 1999-2004
demandando a questo Comitato il riparto delle risorse stesse, sentite
le indicazioni di priorita' della conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e
Bolzano;
Vista la legge 23 dicembre 1998, n. 449 (legge finanziaria 1999)
che, nel rifinanziare la predetta legge n. 208/1998, prevede,
autorizzazioni di spesa per complessive lire 11.100 miliardi,
finalizzate alla prosecuzione degli interventi nelle aree depresse;
Vista la delibera CIPE n. 29 del 21 marzo 1997, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 105 dell'8 maggio 1997, che ha disciplinato in
modo organico la programmazione negoziata, cosi' come modificata
dalla delibera n. 127 dell'11 novembre 1998, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 4 del 7 gennaio 1999;
Viste le delibere CIPE n. 86 del 23 aprile 1997, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 163 del 15 luglio 1997; n. 32 del 17 marzo
1998, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 98 del 29 aprile 1998;
n. 70 del 9 luglio 1998, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 195
del 22 agosto 1998 e n. 4 del 22 gennaio 1998, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 1999, con le quali si e'
provveduto alla complessiva assegnazione delle risorse per il
finanziamento dei contratti d'area;
Vista la delibera CIPE n. 19 del 26 febbraio 1998, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale n. 109 del 13 maggio 1998, che ha indicato i
criteri per il finanziamento dei patti territoriali e dei contratti
d'area;
Ritenuto che in considerazione dei contratti d'area e dei
protocolli aggiuntivi gia' stipulati alla data della presente
delibera sono stati avviati interventi considerevoli a fronte delle
situazioni di crisi ed emergenze individuate;
Tenuto conto delle disponibilita' finanziarie nell'ambito delle
risorse gia' destinate ai contratti d'area con delibera CIPE n. 4 del
22 gennaio 1999, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26
febbraio 1999;
Considerate le istruttorie bancarie in corso e in via di
definizione, nonche' quelle gia' concluse in relazione a contratti
d'area proposti;
Considerato l'accordo tra Governo e parti sociali indicate all'art.
2, comma 203, lettera f) della legge 23 dicembre 1996, n. 662, con le
quali le parti hanno convenuto sulla necessita' di indicare nuovi
criteri, piu' selettivi, per l'attivazione di altri contratti d'area;
Ritenuto necessario dettare direttive per la definizione delle
situazioni in corso e criteri di massima per regolare la
presentazione di eventuali protocolli aggiuntivi;
Su proposta del Ministro del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica;
Delibera:
1. Ferma restando la stipula dei contratti d'area previsti nelle
aree industriali realizzate ai sensi dell'art. 32 della legge n.
219/1981, la stipula dei contratti d'area e' consentita nei soli casi
in cui, alla data della presente delibera, l'istruttoria bancaria sia
conclusa e la stessa sia pervenuta al Ministero del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, nonche' nelle aree
individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
15 aprile 1998 in cui siano presenti le condizioni previste dall'art.
4, comma 3, della legge 23 dicembre 1998, n. 448.
2. Dalla data di emanazione della presente delibera, nell'ambito
delle risorse finanziarie che si rendessero disponibili, sara'
consentito eccezionalmente il finanziamento di protocolli aggiuntivi
a contratti d'area gia' stipulati o a contratti in via di stipula ai
sensi del punto 1., in presenza di richiesta motivata che esplicitile
effettive necessita' nonche' le finalita' e gli obiettivi del
protocollo che devono essere coerenti con le finalita' del contratto
d'area, previa valutazione del "Comitato peril coordinamento delle
iniziative per l'occupazione", sentite le parti sociali, sulla base
di un monitoraggio relativo allo stato di attuazione del contratto
d'area principale. Nella valutazione e nel finanziamento di detti
protocolli aggiuntivi sara' data priorita' alle aree di cui
all'obiettivo 1.

Roma, 9 giugno 1999

Il Presidente delegato: Amato

Registrato alla Corte dei conti il 2 luglio 1999
Registro n. 3 Tesoro, bilancio e programmazione economica, foglio
n. 370