Gazzetta Ufficiale n. 193 del 18-08-1999

MINISTERO DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA
DECRETO 5 agosto 1999
Istituzione dell'Universita' degli studi di Foggia.

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITA' E DELLA
RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA
Visto il testo unico delle leggi sull'istruzione superiore,
approvato con regio decreto 31 agosto 1933, n. 1592;
Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168;
Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662, ed in particolare l'art.
1, commi 90, 91 e 92;
Visto il decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca
scientifica e tecnologica del 30 marzo 1998, con il quale, in
attuazione del predetto art. 1, commi 90 e successivi, sono stati
individuati gli atenei sovraffollati e sono stati determinati i
criteri per la loro graduale separazione organica;
Considerato che, in attuazione delle predette disposizioni, il
Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica
e' autorizzato a provvedere con propri decreti alla graduale
separazione organica degli atenei sovraffollati;
Considerato che, a norma degli articoli 2 e 3 del decreto
ministeriale 30 marzo 1998, l'Ateneo di Bari e' ricompreso tra quelli
sovraffollati su cui occorre intervenire con priorita';
Visto il progetto di decongestionamento predisposto
dall'Universita' degli studi di Bari nel quale viene richiesta
l'istituzione, per separazione organica, dell'Universita' degli studi
di Foggia;
Visto l'accordo per la regolamentazione della iniziativa di
istituzione dell'Universita' degli studi di Foggia;
Vista la relazione dell'Osservatorio per la valutazione del sistema
universitario;
Uditi i pareri delle competenti commissioni parlamentari della
Camera e del Senato resi, rispettivamente, nelle sedute del 16 e del
22 giugno 1999;
Decreta:
Art. 1.
A decorrere dalla data del presente decreto e' istituita
l'Universita' degli studi di Foggia, mediante lo scorporo delle
facolta' e dei corsi istituiti dall'Universita' degli studi di Bari
presso la sede di Foggia nonche' l'istituzione di nuove facolta' e
corsi, con le modalita' indicate nell'accordo richiamato nelle
premesse ed allegato al presente decreto, di cui costituisce parte
integrante, salvo quanto previsto dai successivi articoli.
L'Universita' degli studi di Foggia e' compresa tra quelle previste
dall'art. 1, n. 1, del testo unico delle leggi sull'istruzione
superiore, approvato con regio decreto 31 agosto 1933, n. 1592 e
successive modificazioni ed integrazioni.

Art. 2.
L'Universita' degli studi di Foggia e' composta dalle seguenti
facolta', corsi di laurea e corsi di diploma, istituiti, nel rispetto
di quanto disposto dall'art. 17, comma 95 e seguenti, della legge 15
maggio 1997 n. 127 e successive modificazioni, con le modalita'
accanto a ciascuno indicate:
Facolta' di agraria (scorporo):
c.l. scienze e tecnologie alimentari (scorporo);
c.d. produzioni vegetali (San Severo) (scorporo);
c.d. tecnologie alimentari (Cerignola) (nuova iniziativa);
Facolta' di economia (scorporo):
c.l. economia e commercio (scorporo);
c.l. economia aziendale (nuova iniziativa);
c.d. economia e amministrazione delle imprese (scorporo);
c.d. economia e gestione dei servizi turistici (scorporo);
c.d. economia, gestione e tutela dell'ambiente (Manfredonia) (nuova
iniziativa);
c.d. scienze bancarie (San Severo) (nuova iniziativa).
Facolta' di giurisprudenza (scorporo):
c.l. giurisprudenza (scorporo);
c.d. consulente del lavoro (nuova iniziativa);
c.d. operatore giudiziario (nuova iniziativa).
Facolta' di lettere e filosofia (nuova iniziativa):
c.l. lettere (nuova iniziativa);
c.d. operatore dei beni culturali (Lucera) (nuova iniziativa).
Facolta' di medicina e chirurgia (nuova iniziativa):
c.l. medicina e chirurgia (scorporo);
c.d. scienze infermieristiche (ad esaurimento) (scorporo);
c.d. infermiere (scorporo);
c.d. ostetrica/o (nuova iniziativa);
c.d. fisioterapista (nuova iniziativa);
c.d. dietista (nuova iniziativa);
c.d. tecnico sanitario di laboratorio biomedico (nuova iniziativa).
L'Universita' degli studi di Foggia comprende anche le scuole di
specializzazione ed i corsi di perfezionamento afferenti alle
predette facolta', istituiti dall'Universita' degli studi di Bari
presso la sede di Foggia.
Le facolta' e i corsi cosi' scorporati sono conseguentemente
soppressi nell'Universita' degli studi di Bari.
La facolta' di lettere e filosofia, con i relativi corsi, potra'
essere attivata dall'anno accademico 2000-2001.
Nel rispetto di quanto disposto dall'art. 17, comma 95 e seguenti,
della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni,
potranno essere istituiti; presso la facolta' di agraria, il corso di
diploma universitario in viticoltura ed enologia a San Severo e la
scuola di specializzazione in gestione della qualita' nelle filiere
agroalimentari.
Le iniziative di cui al precedente comma potranno essere attivate
previa positiva valutazione del Ministero dell'universita' e della
ricerca scientifica e tecnologica, sentito l'Osservatorio per la
valutazione del sistema universitario, in ordine alla disponibilita'
delle dotazioni necessarie.

Art. 3.
Sono trasferiti all'Universita' degli studi di Foggia, che subentra
altresi' nella titolarita' dei relativi rapporti giuridici facenti
capo alla Universita' degli studi di Bari, alla data del presente
decreto, tutti i beni immobili e mobili, ivi comprese le dotazioni
scientifiche, didattiche, strumentali e finanziarie gia' destinate al
funzionamento delle facolta' e dei corsi di laurea e di diploma
universitario nonche' delle scuole di specializzazione e dei corsi di
perfezionamento scorporati dalla Universita' degli studi di Bari.

Art. 4.
I fondi corrispondenti ai posti di ruolo del personale docente,
ricercatore, tecnico e amministrativo, in servizio presso la sede di
Foggia, ed ai posti vacanti e disponibili comunque destinati per i
corsi di cui all'art. 2 e per le strutture amministrative della
stessa sede passano all'Universita' degli studi di Foggia.

Art. 5.
Tutti i docenti di ruolo, i ricercatori di ruolo ed il personale
tecnico e amministrativo di ruolo, in servizio presso la sede di
Foggia anche per effetto delle opzioni per i corsi delle nuove
facolta' di medicina e chirurgia e di lettere e filosofia, da
esercitare entro l'anno accademico 1999-2000, nei limiti indicati al
precedente art. 4, sono inquadrati nelle relative dotazioni organiche
dell'Universita' degli studi di Foggia e continuano a svolgere le
stesse funzioni, sino all'adozione di successivi provvedimenti.

Art. 6.
Gli studenti iscritti ai corsi di cui all'art. 2 del presente
decreto passano all'Universita' degli studi di Foggia.

Art. 7.
Sino alla costituzione degli organi di governo dell'Universita'
degli studi di Foggia il responsabile del procedimento ai sensi e per
gli effetti della legge 7 agosto 1990, n. 241, di cui all'accordo di
programma allegato al presente decreto, presiede il senato accademico
e provvede agli adempimenti connessi all'attivita' dell'Universita',
adottando tutti gli atti necessari per assicurare la gestione delle
strutture didatticoscientificoamministrative.

Art. 8.
In via transitoria, e sino a quando non saranno costituiti nella
composizione prevista dalla normativa richiamata dall'art. 9 del
presente decreto, sono confermati nella attuale composizione i
consigli di facolta', di dipartimento e di istituto.
I comitato ordinatori, ove necessari, vengono costituiti ai sensi
dell'art. 2, comma 5, del decreto del Presidente della Repubblica 27
gennaio 1998, n. 25.

Art. 9.
Sino all'adozione dello statuto di autonomia e dei regolamenti di
Ateneo di cui alla vigente normativa trovano applicazione, nei
riguardi dell'Universita' degli studi di Foggia, le norme previste
dal testo unico sull'istruzione superiore, approvato con regio
decreto 31 agosto 1933, n. 1592 e successive modificazioni ed
integrazioni.
Fermo restando quanto previsto dal presente decreto, e salvo
diverso avviso dei propri organi di governo, sino all'adozione dello
statuto di autonomia e dei regolamenti di Ateneo, al fine di
garantire la continuita' del funzionamento delle strutture
didatticoscientificoamministrative in atto esistenti, l'Universita'
degli studi di Foggia applica, in quanto compatibili, quelli
dell'Universita' degli studi di Bari.

Art. 10.
Entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione del presente
decreto nella Gazzetta Ufficiale il decano dei professori ordinari in
servizio presso l'Universita' degli studi di Foggia provvede
all'attivazione delle procedure per le elezioni degli organi di
governo dell'Universita', nella composizione prevista dalla normativa
richiamata dall'art. 9 del decreto stesso.
L'elezione del rettore puo' avvenire soltanto dopo quella della
componente elettiva negli organi dell'Universita' degli studi di
Foggia che devono partecipare alla elezione dello stesso.

Art. 11.
Entro centottanta giorni dalla loro costituzione, i competenti
organi di governo adotteranno, in conformita' alle vigenti norme
sull'ordinamento universitario, lo statuto e i regolamenti di Ateneo
dell'Universita' degli studi di Foggia.

Art. 12.
L'osservatorio per la valutazione del sistema universitario
svolgera' attivita' di monitoraggio sulle fasi di realizzazione delle
iniziative previste nel presente decreto.
Al termine del secondo, quarto e sesto anno accademico di attivita'
dell'Universita' degli studi di Foggia l'osservatorio per la
valutazione del sistema universitario provvedera' ad effettuare una
valutazione dei risultati conseguiti, anche sulla base dei rapporti
annuali del nucleo di valutazione interna dell'Universita', previsto
dall'art. 5, comma 22, della legge 24 dicembre 1993, n. 537.

Art. 13.
Il presente decreto sara' inviato al Ministero di grazia e
giustizia per la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Roma, 5 agosto 1999
Il Ministro: Zecchino

ALLEGATI

UNIVERSITA' DI BARI
Accordo per l'istituzione dell'universita' degli studi di Foggia
tra:
il Ministero dell'Universita' e della ricerca scientifica e
tecnologica, nella persona del sen. prof. Ortensio Zecchino e nella
sua qualita' di Ministro dell'Universita' e della ricerca scientifica
e tecnologica;
l'Universita' degli studi di Bari, nella persona del prof. Aldo
Cossu e nella sua qualita' di rettore (autorizzato alla
sottoscrizione del presente accordo con delibera del senato
accademico del 3 agosto 1999 e del consiglio di amministrazione del 4
agosto 1999);
la provincia di Foggia, nella persona del prof. Antonio Pellegrino,
e nella sua qualita' di presidente, autorizzato alla sottoscrizione
del presente accordo con delibera n. 630 del 2 agosto 1999 del
consiglio provinciale;
il comune di Foggia, nella persona dell'on. avv. Paolo
Agostinacchio e nella sua qualita' di sindaco, autorizzato alla
sottoscrizione del presente accordo con delibera n. 898 del 4 agosto
1999 della giunta comunale;
l'azienda ospedaliera mista ospedaleuniversita', nella persona del
dott. Francesco Orfino e nella sua qualita' di direttore generale;
il comune di Cerignola, nella persona del sig. Rocco Mario Musto e
nella sua qualita' di sindaco, autorizzato con deliberazione della
giunta comunale n. 1146 del 23 settembre 1998, e per suo conto della
prof.ssa Rosa Rinaldi, assessore alla cultura, giusta delega speciale
prot. n. 26066 del 4 agosto 1999;
il comune di Lucera, nella persona del dott. Domenico Bonghi e
nella sua qualita' di sindaco, autorizzato con deliberazione della
giunta comunale n. 887 del 18 settembre 1998;
il comune di Manfredonia, nella persona dell'avv. Gaetano Prencipe
e nella sua qualita' di sindaco, autorizzato alla sottoscrizione del
presente accordo con delibera n. 608 del 4 agosto 1999 della giunta
comunale;
il comune di San Severo, nella persona del sig. Giuliano Giuliani e
nella sua qualita' di sindaco, autorizzato alla sottoscrizione del
presente accordo con delibera n. 779 del 20 novembre 1998 della
giunta comunale;
la camera di commercio, industria, artigianato ed agricoltura di
Foggia, nella persona del dott. Luigi Lepri e nella sua qualita' di
presidente, autorizzato con deliberazione di giunta n. 204 del 3
agosto 1999;
il consorzio per l'Universita' di Foggia, nella persona del dott.
Agostino Ricucci e nella sua qualita' di commissario prefettizio
dello stesso;
la BancApulia, nella persona del dott. Vincenzo Chiro' e nella sua
qualita' di presidente, autorizzato alla sottoscrizione del presente
accordo con delibera del 25 febbraio 1999;
per la regolamentazione della iniziativa di istituzione della nuova
Universita' di Foggia, con sede in Foggia.
Premesso che:
il decreto ministeriale 30 marzo 1998, n. 331, attuativo dell'art.
1, commi 90, 91 e 92 della legge 23 dicembre 1996, n. 662, ha
individuato gli obiettivi degli interventi di graduale separazione
organica degli atenei (art. 1), le istituzioni universitarie
sovraffollate, tra le quali l'Universita' di Bari (art. 2), ed i
criteri e le modalita' degli interventi (art. 3);
in particolare l'art. 3 dispone che il progetto di
decongestionamento che l'Ateneo proponente trasmette al Ministro
dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica, previa
valutazione tecnica dell'Osservatorio per la valutazione del sistema
universitario sulla plausibilita' ed efficacia delle proposte,
costituira' la base per l'adozione dei decreti previsti dall'art. 1,
commi 90 e seguenti, della legge n. 662/1996, e per la definizione e
la stipulazione di specifici accordi tra i soggetti interessati, che
prevedano le azioni necessarie, i soggetti responsabili delle stesse,
le modalita' di reperimento delle risorse occorrenti, i metodi per la
riequilibrata distribuzione degli studenti, le procedure di controllo
e verifica dell'attuazione delle iniziative e dei risultati
conseguiti, che in caso non fossero adeguati, potranno richiedere
interventi correttivi;
l'Universita' di Bari ha predisposto e inoltrato al Ministro
dell'Universita' e della ricerca scientifica e tecnologica il
progetto di separazione organica dello stesso Ateneo, il quale
prevede l'istituzione dell'Universita' di Foggia;
l'osservatorio per la valutazione del sistema universitario, cui
tale progetto e' stato sottoposto, ha reso il parere di competenza
previsto dall'art. 3 del predetto decreto ministeriale;
per il raggiungimento dell'obiettivo inerente l'attivazione di tale
iniziativa tramite i necessari interventi infrastrutturali,
organizzativi e finanziari funzionalmente connessi alla realizzazione
ed allo sviluppo della iniziativa stessa, vanno individuate, in
particolare, le dotazioni didattiche scientifiche, strumentali,
finanziarie ed edilizie gia' assegnate per le esigenze delle facolta'
e dei corsi decentrati, le dotazioni organiche del personale docente,
ricercatore e non docente, con indicazione di quello gia' in servizio
presso le stesse sedi nonche' le risorse necessarie e quelle
acquisite o da acquisire, anche mediante convenzione, da enti
pubblici e privati;
al fine di accelerare e semplificare l'iter procedurale delineato
dal decreto ministeriale 30 marzo 1998, in particolare quello di
spesa, nonche' di evitare, tra l'altro, passaggi superflui e
provvedimenti adottati in sede diversa da quella direttamente
interessata, occorre definire gli adempimenti di rispettiva
competenza dei soggetti sottoscrittori, gli obblighi e gli impegni,
gli atti e le determinazioni con caratteri di definitivita';
risulta nominato con decreto rettorale in data 30 luglio 1999 il
prof. Antonio Muscio, quale prorettore delegato, responsabile ai
sensi e per gli effetti della legge 7 agosto 1990, n. 241, del
procedimento di attivazione della nuova Universita' in
contraddittorio del quale e' operata la ricognizione ed
individuazione dei beni e delle risorse da scorporare
dall'Universita' gemmata.
Tutto cio' premesso i predetti componenti, nelle loro qualita',
convengono e stipulano quanto segue;
Art. 1.
P r e m e s s a
Le premesse di cui sopra formano parte integrante e sostanziale del
presente accordo.
I presupposti normativi e programmatici per la specificazione dei
contenuti del presente accordo stesso sono da individuarsi
essenzialmente nelle seguenti fonti:
il regio decreto 31 agosto 1933, n. 1592, che approva il testo
unico delle leggi sull'istruzione superiore e successive
modificazioni;
il decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382,
sul riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di
formazione nonche' sperimentazione organizzativa e didattica, e
successive modificazioni;
la legge 9 maggio 1989 n. 168, sulla istituzione del Ministero
dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica;
la legge 19 novembre n. 341, sulla riforma degli ordinamenti
didattici universitari, e successive modificazioni;
la legge 24 dicembre 1993, n. 537, art. 5 sulla autonomia delle
universita';
la legge 23 dicembre 1996, n. 662 sulla razionalizzazione della
finanza pubblica;
la legge 15 marzo 1997, n. 59, sulla riforma della pubblica
amministrazione;
la legge 15 maggio 1997 n. 127, sullo snellimento dell'attivita'
amministrativa;
il decreto del Presidente della Repubblica 27 gennaio 1998, n. 25
sulla programmazione del sistema universitario;
il decreto ministeriale 30 marzo 1998, che da' attuazione all'art.
1, commi 90, 91 e 92 della legge 23 dicembre 1996, n. 662;
lo statuto dell'Universita' di Bari.
Art. 2.
Oggetto dell'accordo
Le parti firmatarie concordano sulla necessita' delle azioni di
seguito indicate e si impegnano ad attuarle secondo i termini e le
modalita' precisate negli articoli successivi.
Le parti medesime si impegnano, altresi', a compiere con
sollecitudine tutto quanto risulti necessario ed utile per
l'attivazione dell'Universita' degli studi di Foggia, in coerenza con
le finalita' e gli obiettivi del presente accordo.
Art. 3.
Modalita' operative
Al fine di rendere operativa l'attivazione dell'Universita' degli
studi di Foggia, in esecuzione delle disposizioni ed atti sopra
richiamati nonche' in adempimento dell'intesa innanzi precisata, le
parti istituzionali (Universita' degli studi di Bari e Ministero
dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica)
provvedono in particolare a:
A) l'Universita' degli studi di Bari:
attiva, sulla base delle risultanze del rapporto dell'Osservatorio
per la valutazione del sistema universitario, relativamente alle
facolta' ed ai corsi da scorporare, apposita gestione separata, con
relativo bilancio autonomo, cui confluiscono le risorse didattiche,
scientifiche, strumentali, finanziarie ed edilizie gia' assegnate, le
dotazioni organiche del personale docente, ricercatore, tecnico e
amministrativo in servizio o assegnato, nonche' le risorse stanziate,
promesse o da acquisire, anche mediante convenzione, da enti pubblici
e privati;
assicura la suddetta gestione separata, secondo le norme del
proprio ordinamento specifico, sino al subentro in tutti i rapporti
giuridici, patrimoniali, finanziari ed economici del nuovo Ateneo. In
vista di tale risultato e' operata la ricognizione ed individuazione
dei beni e delle risorse oggetto di scorporo in contraddittorio tra
il rettore e il prorettore delegato, che deve risultare in apposito
verbale firmato dagli stessi.
Per quanto riguarda i posti di professore di ruolo e di
ricercatore, oltre quelli assegnati alla sede di Foggia dai piani di
sviluppo, si impegna a trasferire dalla facolta' di lettere e
filosofia dell'Universita' di Bari alla istituenda facolta' di
lettere e filosofia dell'Universita' di Foggia, tre posti di docente
di prima fascia, due posti di docente di seconda fascia e tre posti
di ricercatore universitario, o alternativamente n. 5,846 posti di
docenti equivalenti, e dalla facolta' di medicina e chirurgia di Bari
alla istituenda facolta' di medicina e chirurgia di Foggia, quattro
posti di docente di prima fascia e diciassette posti di docente di
seconda fascia, o alternativamente n. 16,971 posti di docenti
equivalenti.
B) Il Ministero dell'universita' e della ricerca scientifica e
tecnologica:
si impegna, nell'ambito delle risorse disponibili sul fondo per la
programmazione del sistema universitario e su quello per l'edilizia,
ad assicurare una specifica assegnazione di fondi, tenendo conto
delle esigenze per l'avvio della nuova istituzione e delle
valutazioni tecniche formulate dall'Osservatorio per la valutazione
del sistema universitario;
determina ed eroga per l'accreditamento alla gestione separata le
quote di pertinenza del nuovo Ateneo, a valere sui fondi previsti
dall'art. 5 della legge 24 dicembre 1993, n. 537;
compensa in qualsiasi momento, sentite l'Universita' di origine e
il nuovo Ateneo, ogni importo che debba essere recuperato in base al
presente accordo dagli stessi, con l'importo di ogni altra erogazione
o contributo da versare ai medesimi in base ad ogni altro titolo;
vigila sull'attuazione del presente accordo e dirime ogni contrasto
che possa insorgere sulla validita', applicazione, interpretazione ed
esecuzione dell'accordo stesso.
L'organismo di conciliazione o il soggetto indipendente cui verra'
deferita la controversia con apposito decreto ministeriale, esperite
le procedure per un accordo bonario, decidera' secondo equita' dando
preferenza alla soluzione che assicuri il raggiungimento degli
obiettivi cui e' finalizzato il presente accordo.
Art. 4.
Obblighi degli enti locali
A) La provincia di Foggia:
conferma la concessione in comodato gratuito per 99 anni (contratto
di rep. n. 1139 del 10 giugno 1992), dell'immobile sito in Foggia
alla via Napoli (gia' sede IPPI) sul quale sono in corso di
ultimazione i lavori di costruzione della nuova sede della facolta'
di agraria;
conferma la concessione a favore dell'istituenda Universita' del
contributo per la realizzazione del piano di edilizia universitaria
con il versamento di L. 1.000.000.000 per l'esercizio 1998, a
completamento dei versamenti effettuati di L. 1.000.000.000 per
l'esercizio 1996 e di L. 1.000.000.000 per l'esercizio 1997;
si impegna, inoltre, a:
conferire la somma complessiva di L. 3.000.000.000, relativa alla
realizzazione del piano di edilizia universitaria per gli esercizi
1999/2000/2001, da corrispondere nella misura di L. 1. 000.000.000,
per ciascun esercizio;
a destinare, in tutto o in parte, a sede dell'istituenda facolta'
di lettere l'edificio attualmente adibito a sede del liceo
scientifico "Marconi" di Foggia.
B) Il comune di Foggia:
conferma la concessione in comodato gratuito, per anni 99
(contratto n. 1148 del 17 ottobre 1992), dell'immobile gia' adibito a
palazzo di giustizia sito in Foggia alla via IV Novembre, attuale
sede delle facolta' di giurisprudenza ed economia, degli uffici
amministrativi e futura sede del rettorato;
conferma l'impegno risultante dall'accordo di programma gia'
sottoscritto in data 5 giugno 1996 a contribuire alla realizzazione
del piano di edilizia universitaria con un contributo di L.
3.000.000.000 gia' disponibile, giusto quanto risulta dalla lettera
in data 6 aprile 1998 dell'assessore al bilancio del comune di
Foggia, con disponibilita' ad ulteriori finanziamenti da prevedersi
nei bilanci successivi;
si impegna a sottoporre alla valutazione degli organi competenti le
proposte di necessarie delibere per destinare il terreno gia'
identificato in adiacenza all'azienda "Ospedali riuniti" di Foggia,
all'edificazione del complesso didattico e delle scienze mediche
della facolta' di medicina e chirurgia di Foggia, fermi restando gli
impegni di cui all'accordo di programma del 5 giugno 1996 riguardanti
l'area del compendio immobiliare ex-IRIIP;
conferma gli impegni, assunti con atti deliberativi, a sostenere la
facolta' di giurisprudenza per gli istituendi corsi.
C) L'azienda ospedaliera mista ospedaleuniversita':
conferma la concessione in comodato gratuito a favore
dell'istituenda Universita' di:
piano seminterrato palazzina, gia' sede del diploma per infermieri
professionali;
primo piano palazzina, gia' sede del diploma per infermieri
professionali;
aula Turtur al piano interrato sotto la chiesa;
piano seminterrato (ex-SERT) palazzina dei poliambulatori;
si impegna, dopo l'ultimazione dei lavori in corso, a destinare il
3 lotto a strutture assistenziali a direzione universitaria;
si impegna a dare corso al protocollo d'intesa tra Universita' e
regione Puglia, pertinente l'azienda Ospedali riuniti di Foggia,
mediante accordo attuativo con l'istituenda Universita' di Foggia.
D) La camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di
Foggia:
si dichiara disponibile a conferire, mediante apposita convenzione
da stipularsi con la istituenda Universita', risorse e servizi che e'
in grado di fornire nell'ambito delle sue funzioni istituzionali;
si impegna a conferire all'istituenda Universita' per l'esercizio
1999 l'importo di L. 128.000.000 per finanziare assegni per dottorati
di ricerca, giusta quanto risulta dalla delibera del consiglio di
amministrazione del 1 marzo 1999, n. 5;
assicura, inoltre, per le medesime finalita', la disponibilita', da
definire con apposita convenzione da stipularsi con la istituenda
Universita', delle proprie banche dati, nonche' di ogni ulteriore
forma di collaborazione in tema di collegamento scuolaricercaimpresa.
E) Il consorzio per l'Universita' di Foggia:
si impegna a far svolgere le attivita' lavorative del personale
comandato presso di se' nelle strutture della istituenda Universita',
tranne tre unita', determinandone le modalita' di utilizzo mediante
apposita convenzione fra i due enti.
F) Il comune di Cerignola:
si e' impegnato a corrispondere all'Universita' di Foggia gli
importi di lire 200 milioni per l'esercizio 1999, lire 350 milioni
per l'esercizio 2000, lire 500 milioni per l'esercizio 2001 e lire
500 milioni a regime per ogni successivo esercizio, tutti destinati
al funzionamento dell'istituendo corso di diploma universitario in
tecnologie alimentari presso la facolta' di agraria;
si impegna a destinare, d'intesa con la provincia di Foggia, come
sede del diploma universitario in tecnologie alimentari, l'attuale
sede dell'Istituto tecnico agrario statale "G. Pavoncelli".
G) Il comune di Lucera:
si e' impegnato a corrispondere l'importo di:
L. 300.000.000, per il funzionamento, ove e quando sara' istituita,
della "Scuola di specializzazione per le professioni legali",
indicando nell'immobile dell'Istituto "S. Carlo e Pellegrino" (parte)
la sede della Scuola, per acquisirne la disponibilita' mediante
locazione;
L. 300.000.000, per il funzionamento dell'istituendo corso di
diploma universitario di operatore dei beni culturali presso la
facolta' di lettere e a fornire idonei locali per la sede del corso.
H) Il comune di Manfredonia:
si impegna, previa delibera degli organi competenti, a
corrispondere L. 250.000.000, annue, per il triennio 2000/2002 per il
funzionamento dell'istituendo corso di diploma universitario in
economia, gestione e tutela dell'ambiente, presso la facolta' di
economia, nonche' a fornire idonei locali.
I) Il comune di San Severo:
si e' impegnato per gli importi di lire 300 milioni per l'esercizio
1999, lire 500 milioni per l'esercizio 2000 e lire 700 milioni per
l'esercizio 2001, per il funzionamento dell'istituendo corso di
diploma universitario in produzioni vegetali e, ove e quando sara'
istituito, del corso di diploma universitario in viticoltura
enologia, presso la facolta' di agraria e dell'istituendo corso di
diploma universitario in scienze bancarie presso la facolta' di
economia, e a fornire idonei locali per la sede dei corsi.
L) La BancApulia:
si e' impegnata:
a corrispondere 50 milioni per l'esercizio 1999; 100 milioni per
l'esercizio 2000 e 150 milioni per l'esercizio 2001 per il
finanziamento triennale dell'istituendo corso di diploma
universitario in scienze bancarie, la cui sede in San Severo sara'
intitolata alla memoria del dott. Felice Chiro', gia' presidente
della Banca dal 1966 al 1998;
a mettere a disposizione la istituenda biblioteca ad indirizzo
economico finanziariobancario.
Art. 5.
Disposizioni generali
Le clausole del presente accordo possono essere modificate
esclusivamente mediante patto aggiuntivo.
Il presente accordo puo' dar luogo a successivi protocolli
applicativi tra uno o piu' soggetti sottoscrittori del medesimo, in
coerenza con le sue clausole, fatta salva la possibilita' di messa a
disposizione del nuovo Ateneo di ulteriori risorse aggiuntive.
Un successivo specifico accordo verra' stipulato tra l'Universita'
di Bari e la regione Puglia, dopo l'adozione da parte della giunta
regionale, della deliberazione necessaria.
Bari, 4 agosto 1999
p. Il Ministero dell'universita'
e della ricerca scientifica e tecnologica
Il Ministro
Zecchino
p. l'Universita' degli studi di Bari
Il rettore
Cossu
p. La provincia di Foggia
Il presidente
Pellegrino
p. Il comune di Foggia
Il sindaco
Agostinacchio
p. L'Azienda ospedaliera
mista ospedale-Universita'
Il direttore
Orfino
p. Il comune di Cerignola
Il sindaco
e per suo conto
L'assessore alla cultura
Rinaldi
p. Il comune di Lucera
Il sindaco
Bonghi
p. Il comune di Manfredonia
Il sindaco
Prencipe
p. Il comune di San Severo
Il sindaco
Giuliani
p. La camera di commercio
Il presidente
Lepri
p. Il consorzio per l'Universita' di Foggia
Il commissario prefettizio
Ricucci
p. La BancApulia
Il presidente
Chiro'