logorete.gif (5085 byte)
Gazzetta Ufficiale n. 244 del 19-10-2001
Comune di Jesi
Rete Civica Aesinet

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI

DECRETO 10 maggio 2001
Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei (Art. 150, comma 6, D.L. n.
112/1998).

IL MINISTRO
PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI
Vista la legge 15 marzo 1997 n. 59 recante "Delega al Governo per
il conferimento di funzioni e compiti alle regioni e enti locali, per
la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione
amministrativa";
Vista la legge 15 maggio 1997 n. 127 recante "Misure urgenti per
lo snellimento dell'attivita' amministrativa e dei procedimenti di
decisione e di controllo" ed in particolare l'art. n. 17, comma 131,
che autorizza il Governo a prevedere il trasferimento della gestione
di Musei statali alle regioni, alle province, ai comuni;
Visto il D.Lgs. 28 agosto 1997 n. 281 recante "Definizione ed
ampliamento delle attribuzioni della Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e
Bolzano ed unificazione, per le materie ed i compiti di interesse
comune delle regioni, delle province e dei comuni. cori la Conferenza
Stato-citta' ed autonomie locali";
Visto il D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 112 recante "Conferimento di
funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli
enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997 n.
59" ed in particolare l'art. 150, comma 1 che prevede
l'individuazione dei Musei o altri beni culturali statali la cui
Bestione rimane allo Stato e quelli per i duali essa e' trasferita,
secondo il principio di sussidiarieta', alle regioni, alle province.
ai comuni;
Visto il D.Lgs. 20 ottobre 1998 n. 368 recante "Istituzione del
Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali a norma dell'art. 11
della legge 15 marzo 1997 n. 59";
Visto il D.M. 11 maggio 1999 costitutivo della Commissione
paritetica prevista dall'art. 150 del D.Lgs. 37 marzo 1998 n. 112
sopra citato;
Visto il D.Lgs. 29 ottobre 1999 n. 490 concernente il Testo unico
delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e
ambientali a norma dell'art. 1 della legge R ottobre 1997 n. 352",
recante "Disposizioni sui beni culturali";
Visto il D.M. 25 luglio 2000 costitutivo del Gruppo Tecnico di
lavoro per l'elaborazione delle proposte atte a definire gli standard
qualitativi per i Musei la cui gestione viene trasferita alle
regioni, province e comuni;
Visto il D.P.R. 29 dicembre 20011 n. 441 concernente il
"Regolamento recante norme di organizzazione del Ministero per i Beni
e le Attivita' Culturali";
Visto il verbale della riunione dei 30 marzo 2001, nella quale la
predetta Commissione paritetica esprime il proprio parere.
favorevole;
Acquisito il parere della Conferenza Unificata ex art. 8 del
D.Lgs. 28 agosto 1997 n. 281 espresso nella seduta del 19 aprile
2001;

Decreta;

Sono approvati i criteri tecnico-scientifici e gli standard minimi
da osservare nell'esercizio delle attivita' trasferite, in modo da
garantire un adeguato livello di fruizione collettiva dei beni. la
loro sicurezza e la prevenzione dei rischi, come definiti nel volume
allegato al presente decreto (All. A), del quale costituisce parte
integrante e sostanziale.

Il presente decreto sara' inviato alla registrazione dei
competenti Organi di' controllo e sara' pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica Italiana.

Roma, 10 maggio 2001

Il Ministro: MELANDRI

Registrato alla Corte dei conti il 15 giugno 2001
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro u. 3, foglio n. 351


ALLEGATO A

Per l'allegato fare riferimento al supporto cartaceo da pag. 5 a 252


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato