Jesinrete
Gazzetta Ufficiale n. 89 del 17-04-2001
Comune di Jesi
Rete Civica Aesinet

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
DECRETO 13 febbraio 2001, n.123
Regolamento recante disciplina sull'uso di strumenti informatici e telematici nel processo
civile, nel processo amministrativo e nel processo dinanzi alle sezioni giurisdizionali della
Corte dei conti.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visto l'articolo 87, quinto comma, della Costituzione;
Visto il decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39;
Visto l'articolo 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997, n. 59;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 novembre 1997,
n. 513;
Visto l'articolo 17, commi 1, lettera c), e 4, della legge
23 agosto 1988, n. 400;
Consultato il Garante per la protezione dei dati personali;
Sentita l'Autorita' per l'informatica nella pubblica
amministrazione;
Uditi i pareri del Consiglio di Stato, espressi dalla sezione
consultiva per gli atti normativi nelle adunanze del 9 ottobre 2000 e
del 4 dicembre 2000;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 26 gennaio 2001;
Sulla proposta del Ministro della giustizia, di concerto con il
Ministro per la funzione pubblica;

E m a n a
il seguente regolamento:

Art. 1.
Definizioni
1. Agli effetti del presente regolamento si intende per:
a) "documento informatico": la rappresentazione informatica del
contenuto di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti ai sensi del
decreto del Presidente della Repubblica 10 novembre 1997, n. 513;
b) "duplicato del documento informatico": la riproduzione del
documento informatico effettuata su un qualsiasi tipo di supporto
elettronico facilmente trasportabile;
c) "documento probatorio": l'atto avente efficacia probatoria ai
sensi del codice civile e del codice di procedura civile;
d) "firma digitale": il risultato della procedura informatica
disciplinata dal decreto del Presidente della Repubblica 10 novembre
1997, n. 513;
e) "dominio giustizia": l'insieme delle risorse hardware e
software, mediante il quale l'amministrazione della giustizia tratta
in via informatica e telematica qualsiasi tipo di attivita', di dato,
di servizio, di comunicazione e di procedura;
f) "sistema informatico civile": e' il sottoinsieme delle risorse
del dominio giustizia mediante il quale l'amministrazione della
giustizia tratta il processo civile;
g) "gestore del sistema di trasporto delle informazioni": il
gestore indicato dall'articolo 13, comma 2, del decreto del
Presidente della Repubblica 10 novembre 1997, n. 513;
h) "indirizzo elettronico": l'indirizzo di posta elettronica come
definito dall'articolo 1, comma 1, lettera l), del decreto del
Presidente della Repubblica 10 novembre 1997, n. 513;
i) "ricevuta di consegna": il messaggio generato ed inviato
automaticamente al mittente dal gestore del sistema di trasporto
delle informazioni del destinatario nel momento in cui il messaggio
inviato e' reso disponibile al destinatario medesimo nella sua
casella di posta elettronica;
j) "certificatore della firma digitale": il soggetto previsto
dagli articoli 8, 9 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica
10 novembre 1997, n. 513.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto
dall'amministrazione competente per materia, ai sensi
dell'art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e' operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
- L'art. 87, comma quinto, della Costituzione
conferisce al Presidente della Repubblica il potere di
promulgare le leggi e di emanare i decreti aventi valore di
legge e i regolamenti.
- Il decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39, reca:
"Norme in materia di sistemi informativi automatizzati
delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma
1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421.
- Si trascrive il testo dell'art. 15, comma 2, della
legge 15 marzo 1997, n. 59 (Delega al Governo per il
conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti
locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per
la semplificazione amministrativa):
"2. Gli atti, dati e documenti formati dalla pubblica
amministrazione e dai privati con strumenti informatici o
telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme,
nonche' la loro archiviazione e trasmissione con strumenti
informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di
legge. I criteri e le modalita' di applicazione del
presente comma sono stabiliti, per la pubblica
amministrazione e per i privati, con specifici regolamenti
da emanare entro centottanta giorni dalla data di entrata
in vigore della presente legge ai sensi dell'art. 17, comma
2, della legge 23 agosto 1988, n. 400. Gli schemi dei
regolamenti sono trasmessi alla Camera dei deputati e al
Senato della Repubblica per l'acquisizione del parere delle
competenti commissioni".
- Il decreto del Presidente della Repubblica 10
novembre 1997, n. 513, reca: "Regolamento recante criteri e
modalita' per la formazione, l'archiviazione e la
trasmissione di documenti con strumenti informatici e
telematici, a norma dell'art. 15, comma 2, della legge 15
marzo 1997, n. 59.".
- Si trascrive il testo dell'articolo 17 della legge 23
agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell'attivita' di Governo e
ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri:
"17. (Regolamenti). - 1. Con decreto del Presidente
della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei
Ministri, sentito il parere del Consiglio di Stato che deve
pronunziarsi entro novanta giorni dalla richiesta, possono
essere emanati regolamenti per disciplinare:
a) l'esecuzione delle leggi e dei decreti
legislativi, nonche' dei regolamenti comunitari;
b) l'attuazione e l'integrazione delle leggi e dei
decreti legislativi recanti norme di principio, esclusi
quelli relativi a materie riservate alla competenza
regionale;
c) le materie in cui manchi la disciplina da parte di
leggi o di atti aventi forza di legge, sempre che non si
tratti di materie comunque riservate alla legge;
d) l'organizzazione ed il funzionamento delle
amministrazioni pubbliche secondo le disposizioni dettate
dalla legge;
e) (soppresso).
2. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa
deliberazione del Consiglio dei Ministri, sentito il
Consiglio di Stato, sono emanati i regolamenti per la
disciplina delle materie, non coperte da riserva assoluta
di legge prevista dalla Costituzione, per le quali le leggi
della Repubblica, autorizzando l'esercizio della potesta'
regolamentare del Governo, determinano le norme generali
regolatrici della materia e dispongono l'abrogazione delle
norme vigenti, con effetto dall'entrata in vigore delle
norme regolamentari.
3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
regolamenti nelle materie di competenza del Ministro o di
autorita' sottordinate al Ministro, quando la legge
espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
materie di competenza di piu' ministri, possono essere
adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
necessita' di apposita autorizzazione da parte della legge.
I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
del Consiglio dei Ministri prima della loro emanazione.
4. I regolamenti di cui al comma 1, ed i regolamenti
ministeriali ed interministeriali, che devono recare la
denominazione di "regolamento", sono adottati previo parere
del Consiglio di Stato, sottoposti al visto ed alla
registrazione della Corte dei conti e pubblicati nella
Gazzetta Ufficiale.
4-bis. L'organizzazione e la disciplina degli uffici
dei Ministeri sono determinate, con regolamenti emanati ai
sensi del comma 2, su proposta del Ministro competente
d'intesa con il Presidente del Consiglio dei Ministri e con
il Ministro del tesoro, nel rispetto dei princi'pi posti
dal decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e
successive modificazioni, con i contenuti e con
l'osservanza dei criteri che seguono:
a) riordino degli uffici di diretta collaborazione
con i Ministri ed i Sottosegretari di Stato, stabilendo che
tali uffici hanno esclusive competenze di supporto
dell'organo di direzione politica e di raccordo tra questo
e l'amministrazione;
b) individuazione degli uffici di livello
dirigenziale generale, centrali e periferici, mediante
diversificazione tra strutture con funzioni finali e con
funzioni strumentali e loro organizzazione per funzioni
omogenee e secondo criteri di flessibilita' eliminando le
duplicazioni funzionali;
c) previsione di strumenti di verifica periodica
dell'organizzazione e dei risultati;
d) indicazione e revisione periodica della
consistenza delle piante organiche;
e) previsione di decreti ministeriali di natura non
regolamentare per la definizione dei compiti delle unita'
dirigenziali nell'ambito degli uffici dirigenziali
generali".
Note all'art. 1:
- Si trascrive il testo degli articoli 1, 8, 9, 13 e
17 del decreto del Presidente della Repubblica 10 novembre
1997, n. 513 (Regolamento recante criteri e modalita' per
la formazione, l'archiviazione e la trasmissione di
documenti con strumenti informatici e telematici, a norma
dell'articolo 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997, n.
59):
"Art. 1. - 1. Ai fini del presente regolamento
s'intende:
a)-i) (Omissis);
l) per indirizzo elettronico, l'identificatore di una
risorsa fisica o logica in grado di ricevere e registrare
documenti informatici.
"Art. 8 (Certificazione). - 1. Chiunque intenda
utilizzare un sistema di chiavi asimmetriche di cifratura
con gli effetti di cui all'articolo 2 deve munirsi di una
idonea coppia di chiavi e rendere pubblica una di esse
mediante la procedura di certificazione.
2. Le chiavi pubbliche di cifratura sono custodite per
un periodo non inferiore a dieci anni a cura del
certificatore e, dal momento iniziale della loro validita',
sono consultabili in forma telematica.
3. Salvo quanto previsto dall'art. 17, le attivita' di
certificazione sono effettuate da certificatori inclusi,
sulla base di una dichiarazione anteriore all'inizio
dell'attivita', in apposito elenco pubblico, consultabile
in via telematica, predisposto tenuto e aggiornato a cura
dell'Autorita' per l'informatica nella pubblica
amministrazione, e dotati dei seguenti requisiti,
specificati nel decreto di cui all'art. 3:
a) forma di societa' per azioni e capitale sociale
non inferiore a quello necessario ai fini
dell'autorizzazione all'attivita' bancaria, se soggetti
privati;
b) possesso da parte dei rappresentanti legali e dei
soggetti preposti all'amministrazione, dei requisiti di
onorabilita' richiesti ai soggetti che svolgono funzioni di
amministrazione, direzione e controllo presso banche;
c) affidamento che, per competenza ed esperienza, i
responsabili tecnici del certificatore e il personale
addetto all'attivita' di certificazione siano in grado di
rispettare le norme del presente regolamento e le regole
tecniche di cui all'art. 3;
d) qualita' dei processi informatici e dei relativi
prodotti, sulla base di standard riconosciuti a livello
internazionale.
4. La procedura di certificazione di cui al comma 1,
puo' essere svolta anche da un certificatore operante sulla
base di licenza o autorizzazione rilasciata da altro Stato
membro dell'Unione europea o dello Spazio economico
europeo, sulla base di equivalenti requisiti".
"Art. 9 (Obblighi dell'utente e del certificatore). -
1. Chiunque intenda utilizzare un sistema di chiavi
asimmetriche o della firma digitale, e' tenuto ad adottare
tutte le misure organizzative e tecniche idonee ad evitare
danno ad altri.
2. Il certificatore e' tenuto:
a) identificare con certezza la persona che fa
richiesta della certificazione;
b) rilasciare e rendere pubblico il certificato
avente le caratteristiche fissate con il decreto di cui
all'art. 3;
c) specificare, su richiesta dell'istante, e con il
consenso del terzo interessato, la sussistenza dei poteri
di rappresentanza o di altri titoli relativi all'attivita'
professionale o a cariche rivestite;
d) attenersi alle regole tecniche di cui all'art. 3;
e) informare i richiedenti, in modo compiuto e
chiaro, sulla procedura di certificazione e sui necessari
requisiti tecnici per accedervi;
f) attenersi alle misure minime di sicurezza per il
trattamento dei dati personali emanate ai sensi dell'art.
15, comma 2, della legge 31 dicembre 1996, n. 675;
g) non rendersi depositario di chiavi private;
h) procedere tempestivamente alla revoca od alla
sospensione del certificato in caso di richiesta da parte
del titolare o del terzo dal quale derivino i poteri di
quest'ultimo, di perdita del possesso della chiave, di
provvedimento dell'autorita', di acquisizione della
conoscenza di cause limitative della capacita' del
titolare, di sospetti abusi o falsificazioni;
i) dare immediata pubblicazione della revoca e della
sospensione della coppia di chiavi asimmetriche;
l) dare immediata comunicazione all'Autorita' per
l'informatica nella pubblica amministrazione ed agli
utenti, con un preavviso di almeno sei mesi, della
cessazione dell'attivita' e della conseguente rilevazione
della documentazione da parte di altro certificatore e del
suo annullamento".
"Art. 13. - 2. Agli effetti del presente regolamento,
gli atti, i dati e i documenti trasmessi per via telematica
si considerano, nei confronti del gestore del sistema di
trasporto delle informazioni, di proprieta' del mittente
sino a che non sia avvenuta la consegna al destinatario".
"Art. 17. (Chiavi di cifratura della pubblica
amministrazione). - 1. Le pubbliche amministrazioni
provvedono autonomamente, con riferimento al proprio
ordinamento, alla generazione, alla conservazione, alla
certificazione ed all'utilizzo delle chiavi pubbliche di
competenza.
2. Col decreto di cui all'art. 3 sono disciplinate le
modalita' di formazione, di pubblicita', di conservazione,
certificazione e di utilizzo delle chiavi pubbliche delle
pubbliche amministrazioni.
3. Le chiavi pubbliche dei pubblici ufficiali non
appartenenti alla pubblica amministrazione sono certificate
e pubblicate autonomamente in conformita' alle leggi ed ai
regolamenti che definiscono l'uso delle firme autografe
nell'ambito dei rispettivi ordinamenti giuridici.
4. Le chiavi pubbliche di ordini ed albi professionali
legalmente riconosciuti e dei loro legali rappresentanti
sono certificate e pubblicate a cura del Ministro di grazia
e giustizia o suoi delegati".

Art. 2.
Campo di applicazione
1. E' ammessa la formazione, la comunicazione e la notificazione di
atti del processo civile mediante documenti informatici nei modi
previsti dal presente regolamento.
2. L'attivita' di trasmissione, comunicazione o notificazione, dei
documenti informatici e' effettuata per via telematica attraverso il
sistema informatico civile, fatto salvo quanto stabilito
dall'articolo 6.
3. Si applicano le disposizioni del decreto del Presidente della
Repubblica 10 novembre 1997, n. 513, ove non diversamente stabilito
dal presente regolamento.

Nota all'art. 2:
- Per il titolo del decreto del Presidente della
Repubblica 10 novembre 1997, n. 513, vedi note alle
premesse.

Art. 3.
Sistema informatico civile
1. Il sistema informatico civile e' strutturato con modalita' che
assicurano:
a) l'individuazione dell'ufficio giudiziario e del procedimento;
b) l'individuazione del soggetto che inserisce, modifica o
comunica l'atto;
c) l'avvenuta ricezione della comunicazione dell'atto;
d) l'automatica abilitazione del difensore e dell'ufficiale
giudiziario.
2. Al sistema informatico civile possono accedere attivamente
soltanto i difensori delle parti e gli ufficiali giudiziari per le
attivita' rispettivamente consentite dal presente regolamento.
3. Con decreto del Ministro della giustizia, sentita l'Autorita'
per l'informatica nella pubblica amministrazione, sono stabilite le
regole tecnico-operative per il funzionamento e la gestione del
sistema informatico civile, nonche' per l'accesso dei difensori delle
parti e degli ufficiali giudiziari. Con il medesimo decreto sono
stabilite le regole tecnico-operative relative alla conservazione e
all'archiviazione dei documenti informatici, conformemente alle
prescrizioni di cui all'articolo 2, comma 15, della legge 24 dicembre
1993, n. 537, e all'articolo 18 del decreto del Presidente della
Repubblica 10 novembre 1997, n. 513.

Note all'art. 3:
- Si trascrive il testo dell'art. 2, comma 15, della
legge 24 dicembre 1993, n. 537 (Interventi correttivi di
finanza pubblica):
"15. Gli obblighi di conservazione e di esibizione di
documenti, per finalita' amministrative e probatorie,
previsti dalla legislazione vigente, si intendono
soddisfatti anche se realizzati mediante supporto ottico
purche' le procedure utilizzate siano conformi a regole
tecniche dettate, entro novanta giorni dalla data di
entrata in vigore della presente legge, dall'Autorita' per
l'informatica nella pubblica amministrazione di cui al
decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39;. Restano in
ogni caso in vigore le norme di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 30 settembre 1963, n. 1409,
relative all'ordinamento e al personale degli Archivi di
Stato, nonche' le norme che regolano la conservazione dei
documenti originali di interesse storico, artistico e
culturale".
- Si trascrive il testo dell'art. 18 del citato decreto
del Presidente della Repubblica 10 novembre 1997, n. 513.
"Art. 18. (Documenti informatici delle pubbliche
amministrazioni). - 1. Gli atti formati con strumenti
informatici, i dati e i documenti informatici delle
pubbliche amministrazioni, costituiscono informazione
primaria ed originale da cui e' possibile effettuare, su
diversi tipi di supporto, riproduzioni e copie per gli usi
consentiti dalla legge.
2. Nelle operazioni riguardanti le attivita' di
produzione, immissione, archiviazione, riproduzione e
trasmissione di dati, documenti ed atti amministrativi con
sistemi informatici e telematici, ivi compresa l'emanazione
degli atti con i medesimi sistemi, devono essere indicati e
resi facilmente individuabili sia i dati relativi alle
amministrazioni interessate sia il soggetto che ha
effettuato l'operazione.
3. Le regole tecniche in materia di formazione e
conservazione di documenti informatici delle pubbliche
amministrazioni sono definite dall'Autorita' per
l'informatica nella pubblica amministrazione, d'intesa con
l'amministrazione degli Archivi di Stato e, per il
materiale classificato, con le amministrazioni della
difesa, dell'interno e delle finanze rispettivamente
competenti".

Art. 4.
Atti e provvedimenti
1. Tutti gli atti e i provvedimenti del processo possono essere
compiuti come documenti informatici sottoscritti con firma digitale
come espressamente previsto dal presente regolamento.
2. Se non e' possibile procedere alla sottoscrizione nella forma di
cui al comma 1, gli atti e i provvedimenti vengono redatti o stampati
su supporto cartaceo, sottoscritti nei modi ordinari e allegati al
fascicolo cartaceo. La copia informatica degli stessi e' inserita nel
fascicolo informatico con le modalita' di cui agli articoli 12 e 13.
3. Ove dal presente regolamento non e' espressamente prevista la
sottoscrizione del documento informatico con la firma digitale,
questa e' sostituita dall'indicazione del nominativo del soggetto
procedente prodotta sul documento dal sistema automatizzato, a norma
dell'articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 12 febbraio 1993,
n. 39.

Note all'art. 4:
- Si trascrive il testo dell'art. 3, comma 2, del
decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Norme in
materia di sistemi informatici automatizzati delle
amministrazioni pubbliche a norma dell'art. 2, comma 1,
lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421):
"2. Nell'ambito delle pubbliche amministrazioni
l'immissione, la riproduzione su qualunque supporto e la
trasmissione di dati, informazioni e documenti mediante
sistemi informatici o telematici, nonche' l'emanazione di
atti amministrativi attraverso i medesimi sistemi, devono
essere accompagnate dall'indicazione della fonte e del
responsabile dell'immissione, riproduzione, trasmissione o
emanazione. Se per la validita' di tali operazioni e degli
atti emessi sia prevista l'apposizione di firma autografa,
la stessa e' sostituita dall'indicazione a stampa, sul
documento prodotto dal sistema automatizzato, del
nominativo del soggetto responsabile".

Art. 5.
Processo verbale
1. Il processo verbale, redatto come documento informatico, e'
sottoscritto con firma digitale da chi presiede l'udienza e dal
cancelliere. Nei casi in cui e' richiesto, le parti e i testimoni
procedono alla sottoscrizione delle dichiarazioni o del verbale
apponendo la propria firma digitale.
2. Se non e' possibile procedere alla sottoscrizione nella forma di
cui al comma 1, il processo verbale viene redatto o stampato su
supporto cartaceo, sottoscritto nei modi ordinari e allegato al
fascicolo cartaceo. La copia informatica del processo verbale e'
allegata al fascicolo informatico con le modalita' di cui agli
arti-coli 12 e 13.

Art. 6.
Comunicazioni e notificazione
1. Le comunicazioni con biglietto di cancelleria, nonche' la
notificazione degli atti, effettuata quest'ultima come documento
informatico sottoscritto con firma digitale, possono essere eseguite
per via telematica, oltre che attraverso il sistema informatico
civile, anche all'indirizzo elettronico dichiarato ai sensi
dell'articolo 7.
2. La parte che richiede la notificazione di un atto trasmette per
via telematica l'atto medesimo all'ufficiale giudiziario, che procede
alla notifica con le medesime modalita'.
3. L'ufficiale giudiziario, se non procede alla notificazione per
via telematica, trae dall'atto ricevuto come documento informatico la
copia su supporto cartaceo, ne attesta la conformita' all'originale e
provvede a notificare la copia stessa unitamente al duplicato del
documento informatico, nei modi di cui agli articoli 138 e seguenti
del codice di procedura civile.
4. Eseguita la notificazione, l'ufficiale giudiziario restituisce
per via telematica l'atto notificato, munito della relazione della
notificazione attestata dalla sua firma digitale.

Art. 7.
Indirizzo elettronico
1. Ai fini delle comunicazioni e delle notificazioni ai sensi
dell'articolo 6, l'indirizzo elettronico del difensore e' unicamente
quello comunicato dal medesimo al Consiglio dell'ordine e da questi
reso disponibile ai sensi del comma 3 del presente articolo. Per gli
esperti e gli ausiliari del giudice l'indirizzo elettronico e' quello
comunicato dai medesimi ai propri ordini professionali o all'albo dei
consulenti presso il tribunale.
2. Per tutti i soggetti diversi da quelli indicati nel comma 1,
l'indirizzo elettronico e' quello dichiarato al certificatore della
firma digitale al momento della richiesta di attivazione della
procedura informatica di certificazione della firma digitale
medesima, ove reso disponibile nel certificato.
3. Gli indirizzi elettronici di cui al comma 1, comunicati
tempestivamente dagli ordini professionali al Ministero della
giustizia, nonche' quelli degli uffici giudiziari e degli uffici
notifiche (UNEP), sono consultabili anche in via telematica secondo
le modalita' operative stabilite dal decreto di cui all'articolo 3,
comma 3.

Art. 8.
Attestazione temporale
1. La comunicazione e la notificazione si ha per eseguita alla data
apposta dal notificatore alla ricevuta di consegna mediante la
procedura di validazione temporale a norma del decreto del Presidente
della Repubblica 10 novembre 1997, n. 513. Per la comunicazione e la
notificazione eseguite dalla cancelleria e dall'ufficiale giudiziario
la data riportata nella ricevuta di consegna tiene luogo della
suddetta procedura di validazione temporale.
2. I dati relativi a quanto previsto dal comma 1, sono conservati
dal notificatore per un periodo non inferiore a cinque anni secondo
le modalita' tecnico-operative stabilite dal decreto di cui
all'articolo 3, comma 3.

Nota all'art. 8:
- Per il titolo del decreto del Presidente della
Repubblica 10 novembre 1997, n. 513, vedi note alle
premesse.

Art. 9.
Costituzione in giudizio e deposito
1. La parte che procede all'iscrizione a ruolo o alla costituzione
in giudizio per via telematica trasmette con il medesimo mezzo i
documenti probatori come documenti informatici o le copie
informatiche dei documenti probatori su supporto cartaceo.

Art. 10.
Procura alle liti
1. Se la procura alle liti e' stata conferita su supporto cartaceo,
il difensore, che si costituisce per via telematica, trasmette la
copia informatica della procura medesima, asseverata come conforme
all'originale mediante sottoscrizione con firma digitale.

Art. 11.
Iscrizione a ruolo
1. La nota di iscrizione a ruolo puo' essere trasmessa per via
telematica come documento informatico sottoscritto con firma
digitale.
2. La nota di iscrizione a ruolo trasmessa per via telematica e'
redatta in modo conforme al modello definito con il decreto di cui
all'articolo 3, comma 3.

Art. 12.
Fascicolo informatico
1. La cancelleria procede alla formazione informatica del fascicolo
d'ufficio, contenente gli atti del processo come documenti
informatici ovvero le copie informatiche dei medesimi atti quando
siano stati depositati su supporto cartaceo.
2. Nel fascicolo informatico sono inseriti, secondo le modalita' di
cui al comma 1, anche i documenti probatori offerti in comunicazione
o prodotti dalle parti o comunque acquisiti al processo. Per i
documenti probatori prodotti o comunque acquisiti su supporto
cartaceo l'inserimento nel fascicolo informatico delle relative copie
informatiche e' effettuato dalla cancelleria, sempre che l'operazione
non sia eccessivamente onerosa.
3. La formazione del fascicolo informatico non elimina l'obbligo di
formazione del fascicolo d'ufficio su supporto cartaceo.

Art. 13.
Formazione del fascicolo informatico
1. Ogni fascicolo informatico riceve la stessa numerazione del
fascicolo cartaceo ed e' formato secondo quanto stabilito
dall'articolo 36 delle norme di attuazione del codice di procedura
civile.
2. L'indice degli atti contiene anche l'indicazione dei documenti
conservati solo nel fascicolo cartaceo ed e' redatto in modo da
consentire la diretta consultazione degli atti e dei documenti
informatici.
3. Gli atti e i documenti probatori depositati dalle parti,
contestualmente alla costituzione in giudizio o successivamente, sono
inseriti in apposite sezioni del fascicolo informatico contenenti
ciascuna l'indicazione del giudizio e della parte cui si riferiscono.
4. Ai sensi dell'articolo 12, comma 2, e' eccessivamente onerosa
l'estrazione della copia informatica di documenti probatori prodotti
o acquisiti su supporto cartaceo, ai fini dell'inserimento nel
fascicolo informatico da parte della cancelleria, quando il formato
del documento da copiare e' diverso da quelli indicati con il decreto
di cui all'articolo 3, comma 3, ovvero se il numero delle pagine da
copiare e' superiore a venti. Con il medesimo decreto il numero delle
pagine e' periodicamente aggiornato.
5. In deroga al comma 4 la cancelleria procede comunque
all'estrazione della copia informatica di documenti probatori
prodotti o acquisiti su supporto cartaceo quando la parte allega ad
essi la copia su supporto informatico.
6. Il fascicolo informatico e' consultabile dalla parte, oltre che
in via telematica, anche nei locali della cancelleria attraverso un
videoterminale.
7. Dopo la precisazione delle conclusioni il responsabile della
cancelleria appone al fascicolo informatico la firma digitale.

Art. 14.
Produzione degli atti e dei documenti probatori su supporto
informatico
1. Gli atti e i documenti probatori offerti in comunicazione dalle
parti dopo la costituzione in giudizio possono essere prodotti, oltre
che per via telematica, anche mediante deposito in cancelleria del
supporto informatico che li contiene. Il supporto informatico deve
essere compatibile con i tipi e i modelli stabiliti al riguardo dal
decreto di cui all'articolo 3, comma 3, e deve contenere anche il
relativo indice, la cui integrita' e' attestata dal difensore con la
firma digitale.
2. Il responsabile della cancelleria procede a duplicare nel
fascicolo informatico gli atti, i documenti probatori e l'indice
indicati nel comma 1.
3. Il supporto informatico e' restituito alla parte dopo la
duplicazione di cui al comma 2.

Art. 15.
Deposito della relazione del C.T.U.
1. La relazione prevista dall'articolo 195 del codice di procedura
civile puo' essere depositata per via telematica come documento
informatico sottoscritto con firma digitale.
2. Con lo stesso mezzo devono essere allegati i documenti e le
osservazioni delle parti o la copia informatica di questi ove gli
originali sono stati prodotti su supporto cartaceo. In tal caso gli
originali sono depositati dal consulente tecnico d'ufficio senza
ritardo, in ogni caso prima dell'udienza successiva alla scadenza del
termine per il deposito della relazione.
3. Il giudice, tenuto conto di un eventuale successivo utilizzo dei
dati contenuti nella consulenza tecnica d'ufficio, puo' disporre che
la relazione o parte di essa sia redatta in modo conforme a modelli
definiti con il decreto di cui all'articolo 3, comma 3.

Nota all'art. 15:
- Si trascrive il testo dell'art. 195 del codice di
procedura civile:
"Art. 195 (Processo verbale e relazione). - Delle
indagini del consulente si forma processo verbale, quando
sono compiute con l'intervento del giudice istruttore, ma
questi puo' anche disporre che il consulente rediga
relazione scritta.
Se le indagini sono compiute senza l'intervento del
giudice, il consulente deve farne relazione, nella quale
inserisce anche le osservazioni e le istanze delle parti.
La relazione deve essere depositata in cancelleria nel
termine che il giudice fissa".

Art. 16.
Trasmissione dei fascicoli
1. Qualora non sia necessario acquisire il fascicolo d'ufficio su
supporto cartaceo, la trasmissione del fascicolo d'ufficio puo'
avvenire, in ogni stato e grado, anche per via telematica con
particolari modalita', stabilite con il decreto di cui all'articolo
3, comma 3, e dirette ad assicurarne l'integrita', l'autenticita' e
la riservatezza.
2. Prima dell'inoltro, il responsabile della cancelleria e' tenuto
a controllare che il contenuto del fascicolo d'ufficio su supporto
cartaceo sia presente nel fascicolo informatico.

Art. 17.
Trasmissione della sentenza
1. La trasmissione per via telematica della minuta della sentenza o
della sentenza stessa, redatte come documenti informatici
sottoscritti con firma digitale, e' effettuata, ai sensi
dell'articolo 119 delle norme di attuazione del codice di procedura
civile, con particolari modalita' stabilite con il decreto di cui
all'articolo 3, comma 3, e dirette ad assicurarne l'integrita',
l'autenticita' e la riservatezza.
2. Il cancelliere, ai fini del deposito della sentenza ai sensi
dell'articolo 133 del codice di procedura civile, sottoscrive la
sentenza stessa con la propria firma digitale.

Note all'art. 17:
- Si trascrive il testo dell'art. 119 delle norme di
attuazione del codice di procedura civile:
"Art. 119 (Redazione della sentenza). - L'estensore
deve consegnare la minuta della sentenza da lui redatta al
presidente del tribunale o della sezione. Il presidente,
datane lettura, quando lo ritiene opportuno, al collegio,
la sottoscrive insieme con l'estensore e la consegna al
cancelliere, il quale scrive il testo originale o ne affida
la scritturazione al dattilografo di ruolo, sotto la sua
direzione, a norma dell'art. 132 del codice.
Il presidente e il relatore, verificata la
corrispondenza dell'originale alla minuta consegnata al
cancelliere, sottoscrivono la sentenza e la fanno
sottoscrivere all'altro giudice.
Il giudice che ha esteso la motivazione aggiunge la
qualifica di estensore alla sua sottoscrizione.
Quando la sentenza e' pronunziata secondo equita' se ne
deve dare atto nel dispositivo".
- Si trascrive il testo dell'art. 133 del codice di
procedura civile:
"Art. 133 (Pubblicazione e comunicazione della
sentenza). La sentenza e' resa pubblica mediante deposito
nella cancelleria del giudice che l'ha pronunciata.
Il cancelliere da' atto del deposito in calce alla
sentenza e vi appone la data e la firma, ed entro cinque
giorni, mediante biglietto contenente il dispositivo, ne
da' notizia alle parti che si sono costituite".

Art. 18.
Informatizzazione del processo amministrativo e contabile
1. Le disposizioni del presente regolamento si applicano, in quanto
compatibili, anche al processo amministrativo e ai processi innanzi
alle sezioni giurisdizionali della Corte dei conti.
2. Con decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, sentita
l'Autorita' per l'informatica nella pubblica amministrazione, sono
stabilite le regole tecnico-operative per il funzionamento e la
gestione del sistema informatico della giustizia amministrativa e
contabile. I decreti sono adottati entro il termine di cui
all'articolo 19, comma 2.

Art. 19.
Disposizioni finali
1. Le disposizioni del presente regolamento si applicano ai giudizi
iscritti a ruolo dopo il 1o gennaio 2002.
2. Il decreto ministeriale previsto dall'articolo 3, comma 3, e'
adottato entro il 30 ottobre 2001.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi' 13 febbraio 2001
CIAMPI
Amato, Presidente del Consiglio dei
Ministri
Fassino, Ministro della giustizia
Bassanini, Ministro per la funzione
pubblica
Visto, il Guardasigilli: Fassino

Registrato alla Corte dei conti il 29 marzo 2001
Ministeri istituzionali, registro n. 3, foglio n. 345


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato