Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 182 del 5 Agosto 2002

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 11 luglio 2002
Accertamento del tasso d'interesse semestrale dei certificati di credito del Tesoro 1 gennaio 1995/2003, 1 gennaio 1996/2006, 1 gennaio 1997/2007, 1 gennaio 1998/1 luglio 2005, 1 gennaio 2000/1 luglio 2007 e 1 gennaio 2001/1 luglio 2008, relativamente alle semestralita' con decorrenza 1 luglio 2002 e scadenza 1 gennaio 2003.

IL DIRETTORE
del Dipartimento del tesoro
Direzione II - Ufficio V
Visti i sottoindicati decreti ministeriali:
n. 398876/C.I. 5 del 22 dicembre 1994, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 304 del 30 dicembre 1994, recante una emissione di
certificati di credito del Tesoro ottennali, con godimento 1 gennaio
1995, attualmente in circolazione per l'importo ridenominato di euro
3.321.203.839,62, ai sensi dell'art. 5 del decreto-legge 23 maggio
1994, n. 307, convertito nella legge 22 luglio 1994, n. 457
(estinzione di crediti d'imposta);
n. 594687/C.I. 6 del 9 novembre 1995, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 270 del 18 novembre 1995, recante una emissione di
certificati di credito del Tesoro decennali, con godimento 1 gennaio
1996, attualmente in circolazione per l'importo ridenominato di euro
68.571.523,60, ai sensi dell'art. 3-bis del decreto-legge 28 giugno
1995, n. 250, convertito nella legge 8 agosto 1995, n. 349
(estinzione di crediti d'imposta);
n. 786812/C.I. 7 del 29 marzo 1996, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 83 del 9 aprile 1996, recante una emissione di
certificati di credito del Tesoro decennali, con godimento 1 gennaio
1996, attualmente in circolazione per l'importo ridenominato di euro
1.113.255.353,00, ai sensi dell'art. 1 del decreto-legge 13 dicembre
1995, n. 526, convertito nella legge 10 febbraio 1996, n. 53
(estinzione di crediti d'imposta);
n. 787053/C.I. 8 del 7 maggio 1996, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 115 del 18 maggio 1996, recante una emissione di
certificati di credito del Tesoro decennali, con godimento 1 gennaio
1997, attualmente in circolazione per l'importo di euro
4.643.211.000,00, ai sensi dell'art. 1-bis del decreto-legge
13 dicembre 1995, n. 526, convertito nella legge 10 febbraio 1996, n.
53 (estinzione di crediti d'imposta);
033958/V.A. 2 del 21 dicembre 2000, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n.8 dell'11 gennaio 2001, recante una emissione dei
certificati di credito del tesoro "settennali" con godimento 1
gennaio 1998 e scadenza 1 luglio 2005, attualmente in circolazione
per l'importo di euro 431.804.000,00, ai sensi dell'art. 8 della
legge 28 ottobre 1999, n. 410 (estinzione crediti consorzi agrari);
n. 475791/C.I. 10 del 22 dicembre 1999, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 305 del 30 dicembre 1999, come modificato dal decreto
ministeriale n. 31818 del 21 gennaio 2000, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2000, con cui e' stata disposta una
emissione di certificati di credito del Tesoro settennali con
godimento 1 gennaio 2000 e scadenza 1 luglio 2007, attualmente in
circolazione per l'importo di euro 513.553.000,00, ai sensi dell'art.
60 del decreto legislativo 13 aprile 1999, n. 112 (rimborsi ai
"concessionari della riscossione");
012649/C.I. 10 del 12 dicembre 2001, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2001, con cui e' stata disposta una
emissione dei certificati di credito del Tesoro "settennali" con
godimento 1 gennaio 2001 e scadenza 1 luglio 2008, attualmente in
circolazione per l'importo di euro 206.081.000,00, ai sensi dell'art.
60 del decreto legislativo 13 aprile 1999, n. 112, e dell'art. 79
della legge 21 novembre 2000, n. 342 (rimborsi ai "concessionari
della riscossione");
i quali, fra l'altro, indicano il procedimento da seguirsi per la
determinazione del tasso d'interesse semestrale da corrispondersi sui
predetti certificati di credito e prevedono che il tasso medesimo
venga accertato con decreto del Ministero dell'economia e delle
finanze.
Ritenuta la necessita' di accertare il tasso d'interesse semestrale
dei succennati certificati di credito, relativamente alle
semestralita' con decorrenza 1 luglio 2002 e scadenza 1 gennaio 2003;
Vista la comunicazione della Banca d'Italia riguardante i tassi
d'interesse delle semestralita', con decorrenza 1 luglio 2002,
relative ai suddetti certificati di credito;
Visto il decreto ministeriale 21 settembre 1998 emanato ai sensi e
per gli effetti dell'art. 41 del decreto legislativo 24 giugno 1998,
n. 213, che stabilisce il rimborso dei titoli con taglio inferiore a
lire cinque milioni;
Decreta
ai sensi e per gli effetti dei decreti ministeriali indicati nelle
premesse, il tasso d'interesse semestrale lordo da corrispondersi sui
certificati di credito del Tesoro, relativamente alle semestralita'
di scadenza 1 gennaio 2003, e' accertato nella misura del:
2,05% per i C.C.T. ottennali 1 gennaio 1995/2003 (codice titolo
IT0000367299), cedola n. 16;
2,05% per i C.C.T. decennali 1 gennaio 1996/2006 (codice titolo
IT0000367422), cedola n. 14;
2,05% per i C.C.T. decennali 1 gennaio 1996/2006 (codice titolo
IT0000367596), cedola n. 14;
2,05% per i C.C.T. decennali 1 gennaio 1997/2007 (codice titolo
IT0000367638), cedola n. 12;
1,85% per i C.C.T. "settennali" 1 gennaio 1998/10 luglio 2005
(codice titolo IT0003057764), cedola n. 10;
1,85% per i C.C.T. "settennali" 1 gennaio 2000/1 luglio 2007
(codice titolo IT0001415402), cedola n. 6;
1,85% per i C.C.T. "settennali" 1 gennaio 2001/1 luglio 2008
(codice titolo IT0003222087), cedola n. 4.
In applicazione dell'art. 8, comma 1, del decreto legislativo 24
giugno 1998, n. 213, gli oneri per interessi ammontano, salvo le
riduzioni dovute alle operazioni di rimborso anticipato effettuate ai
sensi del decreto ministeriale 21 settembre 1998, citato nelle
premesse, a complessivi euro 208.799.558,18 cosi' ripartiti:
euro 68.084.678,71 per i C.C.T. ottennali 1 gennaio 1995/2003
(codice titolo IT0000367299);
euro 1.405.716,23 per i C.C.T. decennali 1 gennaio 1996/2006
(codice titolo IT0000367422);
euro 22.821.734,74 per i C.C.T. decennali 1 gennaio 1996/2006
(codice titolo IT0000367596);
euro 95.185.825,50 per i C.C.T. decennali 1 gennaio 1997/2007
(codice titolo IT0000367638);
euro 7.988.374,00 per i C.C.T. "settennali" 1 gennaio 1998/1
luglio 2005 (codice titolo IT0003057764);
euro 9.500.730,50 per i C.C.T. "settennali" 1 gennaio 2000/1
luglio 2007 (codice titolo IT0001415402);
euro 3.812.498,50 per i C.C.T. "settennali" 1 gennaio 2001/1
luglio 2008 (codice titolo IT0003222087), e faranno carico ad
apposito capitolo dello stato di previsione della spesa del Ministero
dell'economia e delle finanze per l'anno finanziario 2003,
corrispondente al capitolo 2216 (unita' previsionale di base 3.1.7.3)
dell'anno in corso.
Il presente decreto verra' trasmesso per il visto all'Ufficio
centrale di bilancio presso l'ex Ministero del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica e sara' pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 11 luglio 2002
Il direttore: Cannata


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato