Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 182 del 5 Agosto 2002

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 11 luglio 2002
Accertamento del tasso d'interesse semestrale dei certificati di credito del Tesoro 1 luglio 1996/2003, 1 gennaio 1997/2004 e 1 gennaio 2002/1 luglio 2009, relativamente alle semestralita' con decorrenza 1 luglio 2002 e scadenza 1 gennaio 2003.

IL DIRETTORE
del Dipartimento del tesoro
Direzione II - Ufficio V
Visti i sottoindicati decreti ministeriali:
n. 787473/325 dell'11 luglio 1996, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 168 del 19 luglio 1996, recante una emissione di
certificati di credito del Tesoro settennali con godimento 1 luglio
1996, attualmente in circolazione per l'importo ridenominato di euro
8.539.584.561,48;
n. 178031/332 del 13 gennaio 1997, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 16 del 21 gennaio 1997, recante una emissione di
certificati di credito del Tesoro settennali con godimento 1 gennaio
1997, attualmente in circolazione per l'importo ridenominato di euro
7.891.396.522,84;
n. 012807/377 del 21 dicembre 2001, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 1 del 2 gennaio 2002, recante una emissione di
certificati di credito del Tesoro "settennali" con godimento 1
gennaio 2002 e scadenza 1 luglio 2009, attualmente in circolazione
per l'importo di euro 13.783.970.000,00;
i quali, fra l'altro, indicano il procedimento da seguirsi per la
determinazione del tasso d'interesse semestrale da corrispondersi sui
predetti certificati di credito e prevedono che il tasso medesimo
venga accertato con decreto del Ministero dell'economia e delle
finanze;
Ritenuto che occorre accertare il tasso d'interesse semestrale dei
succennati certificati di credito relativamente alle semestralita'
con decorrenza 1 luglio 2002 e scadenza 1 gennaio 2003;
Vista la comunicazione della Banca d'Italia riguardante i tassi
d'interesse delle semestralita' con decorrenza 1 luglio 2002,
relative ai suddetti certificati di credito;
Decreta
ai sensi e per gli effetti dei decreti ministeriali indicati nelle
premesse, il tasso d'interesse semestrale lordo da corrispondersi sui
certificati di credito del Tesoro, relativamente alle semestralita'
di scadenza 1 gennaio 2003, e' accertato nella misura del:
2,05% per i C.C.T. settennali 1 luglio 1996/2003 (codice titolo
IT0000367737), cedola n. 13;
1,90% per i C.C.T. settennali 1 gennaio 1997/2004 (codice titolo
IT0000367885), cedola n. 12;
1,85% per i C.C.T. settennali 1 gennaio 2002/1 luglio 2009
(codice titolo IT0003219711), cedola n. 2.
Gli oneri per interessi ammontano, salvo eventuali future
operazioni di riacquisto sul mercato dei suddetti C.C.T. con le
disponibilita' del "Fondo per l'ammortamento dei titoli di Stato", a
complessivi euro 580.001.462,44, cosi' ripartiti:
euro 175.061.483,51 per i C.C.T. settennali 1 luglio 1996/2003
(codice titolo IT0000367737);
euro 149.936.533,93 per i C.C.T. settennali 1 gennaio 1997/2004
(codice titolo IT0000367885);
euro 255.003.445,00 per i C.C.T. "settennali" 1 gennaio 2002/1
luglio 2009 (codice titolo IT00003219711), e faranno carico ad
apposito capitolo dello stato di previsione della spesa del Ministero
dell'economia e delle finanze per l'anno finanziario 2003,
corrispondente al capitolo 2216 (unita' previsionale di base 3.1.7.3)
dell'anno in corso.
Il presente decreto verra' trasmesso per il visto all'Ufficio
centrale di bilancio presso l'ex Ministero del tesoro, del bilancio e
della programmazione economica e sara' pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 11 luglio 2002
Il direttore: Cannata


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato