Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 185 del 8 Agosto 2002

LEGGE 30 luglio 2002, n.174

Norme per il finanziamento di lavori destinati all'Agenzia per le organizzazioni non lucrative di utilita' sociale, in Milano, ed altri interventi.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Promulga
la seguente legge:
Art. 1.
Ristrutturazione e allestimento della sede dell'Agenzia per le
organizzazioni non lucrative di utilita' sociale in Milano.
1. Per la ristrutturazione e l'allestimento dell'immobile destinato
all'Agenzia per le organizzazioni non lucrative di utilita' sociale,
istituita ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri 26 settembre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
229 del 30 settembre 2000, e' autorizzata a favore del comune di
Milano la spesa di un milione di euro per ciascuno degli anni 2002,
2003 e 2004.
2. Per la copertura degli oneri di cui al comma 1, si provvede
mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai
fini del bilancio triennale 2002-2004, nell'ambito dell'unita'
previsionale di base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato
di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno
2002, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo
al medesimo Ministero.


Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto
dall'amministrazione competente per materia, ai sensi
dell'art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana approvato
con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo, fine di
facilitare la lettura delle disposizioni di legge alle
quali e' operato il rinvio. Restano invariati il e
l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Nota all'art. 1, comma 1:
- Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
in data 26 settembre 2000 reca: "istituzione dell'agenzia
per le organizzazioni non lucrative di utilita' sociale
(ONLUS)".

Art. 2.
Completamento della diga foranea di Molfetta
1. Per la realizzazione dei lavori di completamento, banchinamento,
dragaggio e di raccordo stradale della diga foranea di Molfetta, e'
autorizzato a favore del comune di Molfetta un limite di impegno
ventennale di 2,5 milioni di euro a decorrere dal 2002. A tal fine il
comune medesimo e' autorizzato a contrarre mutui utilizzando le quote
del limite di impegno ad esso attribuito.
2. Per la copertura degli oneri di cui al comma 1, si provvede
mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai
fini del bilancio triennale 2002-2004, nell'ambito dell'unita'
previsionale di base di conto capitale "Fondo speciale" dello stato
di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno
2002, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo
al medesimo Ministero.

Art. 3.
Realizzazione del "Museo della Memoria" in Bologna
1. Al comune di Bologna e' assegnata la somma di 500.000 euro per
l'anno 2002 a titolo di ulteriore contributo da destinare alla
realizzazione del "Museo della Memoria".
2. All'onere derivante dall'attuazione del comma 1, pari a 500.000
euro per il 2002, si provvede mediante corrispondente riduzione dello
stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2002-2004,
nell'ambito dell'unita' previsionale di base di parte corrente "Fondo
speciale" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e
delle finanze per l'anno 2002, allo scopo parzialmente utilizzando
l'accantonamento relativo al Ministero per i beni e le attivita'
culturali.

Art. 4.
Prevenzione del fenomeno del randagismo
1. Al fine della prevenzione del fenomeno del randagismo, per la
realizzazione di un piano nazionale di sterilizzazioni degli animali
d'affezione ai sensi della legge 14 agosto 1991, n. 281, e'
autorizzata la spesa di 750.000 euro per l'anno 2002.
2. Il Ministro della salute, con proprio decreto da emanare entro
trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge,
sentita la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281, individua, tenendo conto dei dati
regionali, le aree maggiormente interessate dal fenomeno del
randagismo e conseguentemente ripartisce, in base alle priorita'
emerse, i fondi di cui al comma 1.
3. Per la copertura degli oneri di cui al comma 1, pari a 750.000
euro per l'anno 2002, si provvede mediante corrispondente riduzione
dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale
2002-2004, nell'ambito dell'unita' previsionale di base di parte
corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero
dell'economia e delle finanze per l'anno 2002, allo scopo
parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero della
salute.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi' 30 luglio 2002
CIAMPI
Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri
Visto, il Guardasigilli: Castelli

LAVORI PREPARATORI

Senato della Repubblica (atto n.1041):
Presentato dal sen. Travaglia ed altri il 23 gennaio
2002.
Assegnato alla 13a commissione (Territorio), in sede
referente, il 6 febbraio 2002 con pareri delle commissioni
1a, 5a, 8a.
Esaminato dalla 13a commissione, in sede referente, il
26-27 febbraio 2002.
Assegnato nuovamente alla 13a commissione, in sede
deliberante, l'8 marzo 2002 con pareri delle commissioni
1a, 5a, 8a.
Esaminato dalla 13a "commissione, in sede deliberante,
ed approvato il 13 marzo 2002.
Camera dei deputati (atto n. 2524):
Assegnato alla V commissione (Bilancio), in sede
referente, il 20 marzo 2002 con pareri delle commissioni I,
VII, VIII, XII e della Commissione parlamentare per le
questioni regionali
Esaminato dalla V commissione, in sede referente, il 14
e 15 maggio 2002.
Assegnato nuovamente alla V commissione, in sede
legislativa, il 13 giugno 2002 con pareri delle commissioni
I, VII, VIII, XII e della Commissione parlamentare per le
questioni regionali.
Esaminato dalla V commissione, in sede legislativa, il
18 giugno 2002 ed approvato il 10 luglio 2002.


Nota all'art. 4, comma 1:
- La legge 14 agosto 1991, n. 281, reca: "legge quadro
in materia di animali di affezione e prevenzione del
randagismo".
Nota all'art. 4, comma 2:
- Il testo dell'art. 8 e del decreto legislativo 28
agosto 1997, n. 281 (Definizione ed ampliamento delle
attribuzioni della conferenza permanente per i rapporti tra
lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano ed unificazione, per le materie ed i compiti di
interesse comune delle regioni, delle province e dei
comuni, con la conferenza Stato-citta' ed autonomie
locali), e' il seguente:
"Art. 8 (Conferenza Stato-citta' ed autonomie locali e
Conferenza unificata). - 1. La Conferenza Stato-citta' ed
autonomie locali e' unificata per le materie ed i compiti
di interesse comune delle regioni, delle province, dei
comuni e delle comunita' montane, con la conferenza
Stato-regioni.
2. La Conferenza Stato-citta' ed autonomie locali e'
presieduta dal Presidente del Consiglio dei Ministri o, per
sua delega, dal Ministro dell'interno o dal Ministro per
gli affari regionali; ne fanno parte altresi' il Ministro
del tesoro e del bilancio e della programmazione economica,
il Ministro delle finanze, il Ministro dei lavori pubblici,
il Ministro della sanita', il presidente dell'associazione
nazionale dei comuni d'Italia - ANCI, il presidente
dell'unione province d'Italia - UPI ed il presidente
dell'Unione nazionale comuni, comunita' ed enti montani -
UNCEM. Ne fanno parte inoltre quattordici sindaci designati
dall'ANCI e sei presidenti di provincia designati dall'UPI.
Dei quattordici sindaci designati dall'ANCI cinque
rappresentano le citta' individuate dall'art. 17 della
legge 8 giugno 1990, n. 142. Alle riunioni possono essere
invitati altri membri del Governo, nonche' rappresentanti
di amministrazioni statali, locali o di enti pubblici.
3. La Conferenza Stato-citta' ed autonomie locali e'
convocata almeno ogni tre mesi, e comunque in tutti i casi
il presidente ne ravvisi la necessita' o qualora ne faccia
richiesta il presidente dell'ANCI, dell'UPI o dell'UNCEM.
4. La Conferenza unificata di cui al comma 1 e'
convocata dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Le
sedute sono presiedute dal Presidente del Consiglio dei
Ministri o, su sua delega, dal Ministro per gli affari
regionali o, se tale incarico non e' conferito, dal
Ministro dell'interno.".


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato