Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 186 del 9 Agosto 2002

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 29 luglio 2002
Disposizioni relative all'autotrasporto di merci in transito sul territorio austriaco. Criteri per l'assegnazione di ecopunti per il 3° quadrimestre dell'anno 2002.

IL DIRETTORE GENERALE
per l'autotrasporto di persone e cose

Visto il decreto ministeriale 22 novembre 1999, n. 521, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 9 del 13 gennaio 2000;
Visto l'accordo stipulato tra la CEE e l'Austria sul traffico di
transito effettuato sia in conto terzi che in conto proprio;
Visto il trattato di adesione dell'Austria, della Finlandia e della
Svezia all'Unione europea ratificato con legge n. 686 del 14 dicembre
1994 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 16 dicembre 1994;
Visto il regolamento (CE) n. 3298/94 della commissione del
21 dicembre 1994 come modificato dal regolamento (CE) n. 1524/96
riguardante il sistema di ecopunti per autocarri in transito
attraverso l'Austria;
Visto il regolamento (CE) n. 609/2000 della commissione del
21 marzo 2000;
Visto il regolamento (CE) n. 2012/2000 della Commissione del
21 settembre 2000;
Visto il decreto dirigenziale 16 novembre 1999 pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 273 del 20 novembre 1999, il decreto
dirigenziale 16 marzo 2000 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 67
del 21 marzo 2000, il decreto dirigenziale 31 marzo 2000 pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 83 dell'8 aprile 2000, il decreto
dirigenziale 12 luglio 2000 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.
166 del 18 luglio 2000, il decreto dirigenziale 20 novembre 2000
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 274 del 23 novembre 2000; il
decreto dirigenziale 29 marzo 2001 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 83 del 9 aprile 2001, il decreto dirigenziale 18 luglio
2001 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 175 del 30 luglio 2001,
il decreto dirigenziale 7 agosto 2001 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 189 del 16 agosto 2001; il decreto dirigenziale
12 novembre 2001 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 267 del
16 novembre 2001; il decreto dirigenziale 28 novembre 2001 pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 283 del 5 dicembre 2001; il decreto
dirigenziale 12 aprile 2002 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 91
del 18 aprile 2002;
Considerato il sistema di ecopunti articolato su quote
quadrimestrali;
Considerato che la Commissione europea conteggia, al fine del
superamento del limite del 108% previsto dal protocollo n. 9
dell'atto di adesione dell'Austria all'Unione europea, anche i
transiti non esenti effettuati senza versamento di ecopunti (c.d.
"transiti in nero");
Considerata l'esigenza, in relazione al fatto che e' attualmente
prevista la vigenza del sistema ecopunti fino al 31 dicembre 2003, di
distribuire una quota pari all'1,8% degli ecopunti dei quadrimestre
anche ad imprese che non ne sono in possesso, in previsione di una
possibile liberalizzazione del sistema a partire dal 1 gennaio 2004;
Considerato opportuno prevedere che le "nuove" imprese abbiano
effettuato attivita' meritevole di considerazione quali il trasporto
combinato accompagnato o che abbiano effettuato attivita' con Paesi
per i quali il transito attraverso il territorio austriaco e'
connaturale;
Considerata l'opportunita' di assicurare alle "vecchie" imprese
un'assegnazione minima di 50 ecopunti al fine di garantire loro
un'attivita' di trasporto attraverso il territorio austriaco che non
sia meramente marginale;
Considerato il fatto che nel mese di dicembre 2000 si e' verificato
l'esaurimento, prima del termine dell'anno, del contingente di
ecopunti spettante all'Italia per l'anno 2000, con conseguenti
difficolta' per l'esecuzione regolare dei trasporti;
Decreta:

Art. 1.
1. Il contingente di ecopunti riservato alle imprese italiane
interessate al transito attraverso il territorio austriaco e', per il
3o quadrimestre 2002, pari a 1.133.895.
2. Alle imprese che effettuano trasporto di merci in conto terzi,
che hanno ricevuto una quota di ecopunti nel corso dell'anno 2001, e'
riservata, per il 3o quadrimestre 2002, una quota pari a 1.078.200
ecopunti (95,1% dell'assegnazione quadrimestrale).
3. Alle imprese che effettuano trasporto di merci in conto proprio
e' riservata, per il 3o quadrimestre 2002, una quota pari a 34.016
ecopunti (3% dell'assegnazione quadrimestrale).
Tale quota affluisce nel fondo nazionale ecopunti conto proprio.
4. Alle imprese che effettuano trasporto di merci in conto terzi
che non hanno ricevuto alcuna assegnazione nel corso dell'anno 2001
e' riservata, per il 3o quadrimestre 2002, una quota pari a 20.679
ecopunti (1,8% dell'assegnazione quadrimestrale). Di tale quota 1750
ecopunti sono destinati alle imprese che, non assegnatarie di
ecopunti nel corso dell'anno 2001, hanno ottenuto un'assegnazione di
50 ecopunti per il primo e/o per il secondo quadrimestre 2002.
5. Alle imprese che effettuano trasporti eccezionali e' riservata,
per il 3o quadrimestre 2002, una quota pari a 1.000 ecopunti (0,1%
dell'assegnazione quadrimestrale).

Autotrasporto di merci in conto terzi
(c.d. imprese vecchie)

Art. 2
Criteri di calcolo dell'assegnazione

1. L'assegnazione degli ecopunti necessari per l'attraversamento
del territorio austriaco alle imprese che effettuano trasporto di
merci in conto terzi indicate all'art. 1, comma 2, del presente
decreto, viene calcolata, a favore di ciascuna impresa, per il 3o
quadrimestre dell'anno 2002, sommando il numero dei transiti
effettuati dall'impresa interessata nel 3o quadrimestre dell'anno
2000 e dell'anno 2001; la cifra cosi' ottenuta viene divisa per due e
moltiplicata per 6,61.
2. Per la determinazione del numero di transiti valutabili ai fini
di quanto previsto dal precedente comma 1 verranno considerati tutti
i viaggi dichiarati di transito effettuati dalle singole imprese nei
periodi indicati con esclusione:
a) dei viaggi dichiarati di transito effettuati senza il
versamento, per intero, degli ecopunti dovuti;
b) dei viaggi dichiarati di transito per i quali risulta che il
posto di frontiera di entrata e il posto di frontiera di uscita si
trovano sulla medesima linea di confine (viaggi bilaterali).
3. La cifra determinata tenendo conto dei criteri indicati ai
precedenti commi viene ridotta di una quota pari alla media degli
ecopunti corrispondenti ai transiti illegittimi effettuati
dall'impresa nel 3o quadrimestre dell'anno 2000 e nel 3o quadrimestre
dell'anno 2001. La riduzione non potra', comunque, essere superiore
al 50% dell'assegnazione calcolata ai sensi del comma 1 del presente
articolo.
4. I viaggi dichiarati di transito rientranti tra quelli indicati
al comma 2, punto a), del presente articolo effettuati nel mese
di dicembre dell'anno 2000, non saranno valutati ai fini della
penalizzazione dell'assegnazione.
5. I dati utilizzati ai fini della quantificazione del numero dei
transiti effettuati da ciascuna impresa nel 3o quadrimestre dell'anno
2000 e nel 3o quadrimestre dell'anno 2001 sono quelli registrati nel
sistema informativo della Kapsch.
6. Le imprese che hanno ottenuto una quota di 50 ecopunti ai sensi
del decreto direttoriale 28 novembre 2001 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 283 del 5 dicembre 2001 e del decreto direttoriale
12 aprile 2002 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 91 del
18 aprile 2002 (c.d. imprese nuove) otterranno per il 3o quadrimestre
2002 una ulteriore quota di 50 ecopunti, nell'ambito della quota
indicata al comma 4 del precedente art. 1, al momento
dell'esaurimento degli ecopunti gia' assegnati.
7. L'amministrazione si riserva di effettuare periodiche verifiche
sul consumo al fine di stabilire eventuali penalizzazioni in caso di
scarso o irregolare utilizzo degli ecopunti.

Art. 3.
1. Nell'eventualita' che la somma totale delle assegnazioni di
ecopunti alle imprese indicate all'art. 1, comma 2, del presente
decreto superi, per il 3o quadrimestre dell'anno 2002, il numero
totale degli ecopunti ad esse riservati, la quota di ecopunti
spettante a ciascuna impresa per il 3o quadrimestre dell'anno 2002,
calcolata in base ai criteri esposti nel precedente art. 2, viene
ridotta di un coefficiente percentuale pari alla differenza tra la
somma totale delle assegnazioni delle singole imprese e il numero
degli ecopunti riservati.
2. Le imprese, che in base ai criteri esposti nell'art. 2 e nel
comma 1 del presente articolo dovrebbero ottenere una quota inferiore
a 50 ecopunti, si vedranno attribuire, secondo le modalita' di
rilascio indicate nel presente decreto, una quota di ecopunti pari a
50, nel caso che il parco veicoli registrato al sistema elettronico
di rilevazione dei transiti, aggiornato al 19 agosto 2002, comprenda
esclusivamente veicoli aventi un Cop-dokument attestante un consumo
pari o inferiore a 7 ecopunti.
3. Le imprese per le quali al 19 agosto 2002 risultano registrati
al sistema elettronico di rilevazione dei transiti veicoli aventi un
Cop-dokument che attesta un consumo di ecopunti superiore a 7 e che
quindi non usufruiscono di quanto indicato al comma precedente
possono presentare, successivamente alla comunicazione
dell'assegnazione loro spettante per il 3o quadrimestre 2002, domanda
di cancellazione dei veicoli in questione secondo l'allegato 6 del
presente decreto.
4. Alle imprese che presentano domanda di cancellazione dei veicoli
ai sensi del comma 3 del presente articolo, verra' attribuita,
secondo le modalita' di rilascio indicate nel presente decreto, una
quota pari a 50 ecopunti.

Art. 4.
Modalita' di richiesta

1. Le imprese indicate all'art. 1, comma 2, del presente decreto
che hanno presentato domanda per l'assegnazione della quota di
ecopunti loro spettante per il 1o quadrimestre 2002 e le imprese
indicate all'art. 2, comma 6, del presente decreto otterranno
automaticamente, secondo le modalita' di rilascio indicate al
successivo art. 5, la quota di ecopunti loro spettante per il 3o
quadrimestre 2002.
2. Le imprese di cui all'art. 1, comma 2, del presente decreto, che
non hanno presentato domanda per l'assegnazione degli ecopunti nel 1o
o nel 2o quadrimestre 2002, dovranno presentare una domanda redatta
secondo l'allegato 1 al presente decreto, corredata dell'attestazione
di un versamento di Euro 10,33 sul c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo).
Tale domanda deve essere inviata al Ministero delle infrastrutture e
dei trasporti - Dipartimento per i trasporti terrestri e per i
sistemi informativi e statistici - Direzione generale per
l'autotrasporto di persone e cose, ex APC3, via Caraci n. 36 -
00157 Roma, entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del
presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
3. Le imprese che presentano domanda, secondo quanto previsto dal
precedente comma, tra il trentunesimo ed il sessantesimo giorno dalla
data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale
vedranno ridotta la propria assegnazione per il 3o quadrimestre 2002
di una quota pari al 30%.
4. Le imprese che presentano domanda, secondo quanto previsto dal
comma 2 del presente decreto, tra il sessantunesimo ed il novantesimo
giorno dalla data di pubblicazione del presente decreto nella
Gazzetta Ufficiale vedranno ridotta la propria assegnazione per il 3o
quadrimestre 2002 di una quota pari al 60%.
5. Le imprese che presentano domanda, secondo quanto previsto dal
comma 2 del presente articolo, oltre il novantesimo giorno dalla data
di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale si
vedranno rifiutata l'assegnazione degli ecopunti loro spettante per
il 3o quadrimestre 2002.

Art. 5.
Modalita' di rilascio

1. La quota di ecopunti, calcolata sulla base dei criteri contenuti
negli articoli 2 e 3 del presente decreto, attribuita per il 3o
quadrimestre 2002 alle imprese indicate all'art. 4, comma 1, del
presente decreto ed alle imprese che presentano domanda ai sensi
dell'art. 4, commi 2 e 3, del presente decreto, sara' rilasciata in
due parti, la prima, per una quantita' pari al 40% dell'assegnazione
spettante, al raggiungimento da parte dell'impresa interessata di una
percentuale di utilizzo pari al 90% degli ecopunti gia' assegnati nel
corso dell'anno 2002, la seconda, a saldo, al momento dell'ulte-riore
raggiungimento di una percentuale di utilizzo pari al 90% degli
ecopunti gia' assegnati nel corso dell'anno 2002 e, comunque,
nell'ambito dei tempi tecnici necessari per l'effettuazione
dell'operazione di assegnazione.
2. In deroga a quanto previsto al precedente comma, l'assegnazione
della quota spettante per il 3o quadrimestre 2002 avverra' in
un'unica soluzione per quelle imprese che si vedranno attribuire una
quantita' di ecopunti pari o inferiore a 250.
3. Le imprese che al 19 agosto 2002 non hanno ancora ottenuto
l'assegnazione della seconda parte della quota di ecopunti loro
spettante per il 1o quadrimestre 2002 perdono titolo ad ottenerla.
4. Le imprese che al 19 agosto 2002 non hanno ancora ottenuto, in
tutto o in parte l'assegnazione di ecopunti per il 2o quadrimestre
2002, riceveranno l'intera quota loro spettante per il 2o
quadrimestre o, per quelle che hanno ricevuto solo la prima parte, la
quota a saldo, al raggiungimento della quota del 90% di utilizzo
degli ecopunti gia' ottenuti.
5. L'effettuazione delle operazioni di attribuzione indicate ai
commi precedenti verra' resa nota a ciascuna impresa mediante
apposita comunicazione.

Art. 6.
Certificati di registrazione

1. La domanda per il rilascio dei certificati di registrazione
necessari per l'installazione delle ecopiastrine sui veicoli che
effettuano autotrasporto di merci attraverso il territorio austriaco
deve essere redatta secondo l'allegato 4 al presente decreto,
corredata dell'attestazione di un versamento di Euro 10,33 sul
c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo) e di un versamento di Euro 5,16 sul
c.c.p. n. 9001 (diritti) per ogni veicolo di cui si chiede il
certificato. La domanda deve essere conforme a quanto indicato ai
successivi commi del presente articolo.
2. La registrazione al sistema informativo della Kapsch di veicoli
in propria disponibilita' da parte delle imprese che rientrano tra
quelle indicate all'art. 1, comma 2, del presente decreto, e'
possibile, unicamente per veicoli che abbiano un Cop-dokument che
attesta un consumo, per ogni transito attraverso il territorio
austriaco, non superiore a 6 ecopunti.
3. La registrazione di veicoli il cui Cop-dokument attesta un
consumo di ecopunti pari a 7 e' condizionata alla cancellazione dal
sistema informativo di un numero pari di veicoli in disponibilita'
alla stessa impresa, gia' registrati, regolarmente inizializzati e
aventi un consumo di ecopunti pari o superiore a 7.
4. Le imprese che rientrano tra quelle indicate all'art. 1,
comma 2, del presente decreto, che per il 3o quadrimestre dell'anno
2002 hanno titolo ad ottenere una quota di ecopunti non superiore a
250, possono essere titolari di un massimo di tre certificati di
registrazione.
5. E' consentita, per le imprese di cui al comma precedente, che al
momento della domanda risultano essere titolari di tre certificati di
registrazione, la registrazione di ulteriori veicoli con Cop-dokument
non superiore a 7 ecopunti, previa cancellazione dal sistema
informativo di un numero pari di veicoli in disponibilita' alla
stessa impresa, gia' registrati e regolarmente inizializzati.
6. E' consentita, per le imprese di cui al comma 4 del presente
articolo, che al momento della domanda risultano essere titolari di
piu' di tre certificati di registrazione, la registrazione di
ulteriori veicoli con Cop-dokument non superiore a 7 ecopunti, previa
cancellazione dal sistema informativo di un numero doppio di veicoli
in disponibilita' alla stessa impresa, gia' registrati e regolarmente
inizializzati.
7. Vengono cancellati d'ufficio, a seguito di periodiche verifiche,
i certificati di registrazione relativi a veicoli che, in base al
sistema informativo del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti, non sono piu' nella disponibilita' dell'impresa che li ha
ottenuti oppure che sono relativi a targhe cessate.
8. L'avvenuta cancellazione dei certificati di registrazione,
secondo quanto indicato al comma precedente verra' comunicata
all'impresa interessata.
9. Le imprese che hanno ottenuto una quota di 50 ecopunti ai sensi
del decreto direttoriale 28 novembre 2001 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 283 del 5 dicembre 2001 e del decreto direttoriale
12 aprile 2002 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 91 del
18 aprile 2002 (c.d. imprese nuove) possono essere titolari di un
massimo di due certificati di registrazione relativi a veicoli aventi
un Cop-dokument pari o inferiore a 6.
10. E' consentita, per le imprese di cui al comma precedente,
nell'ambito del limite sopra indicato, la registrazione di ulteriori
veicoli con Cop-dokument pari o inferiore a 6 ecopunti, previa
cancellazione dal sistema informativo di un numero pari di veicoli in
disponibilita' alla stessa impresa, gia' registrati e regolarmente
inizializzati.

Autotrasporto di merci in conto proprio

Art. 7.
Modalita' di richiesta e di rilascio

1. Le imprese che effettuano trasporto di merci in conto proprio,
interessate ad attraversare il territorio austriaco e che alla data
del presente decreto non hanno ancora presentato domanda ai sensi
dell'art. 8 del decreto direttoriale 28 novembre 2001 pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 283 del 5 dicembre 2001 o dell'art. 7 del
decreto direttoriale 12 aprile 2002 pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 91 del 18 aprile 2002, possono presentare domanda, senza
alcun termine temporale, per accedere al fondo nazionale ecopunti
conto proprio.
2. La domanda di cui al comma precedente redatta secondo
l'allegato 2 al presente decreto, corredata dell'attestazione di un
versamento di Euro 10,33 sul c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo) deve
essere inviata al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti -
Dipartimento per i trasporti terrestri e per i sistemi informativi e
statistici - Direzione generale per l'autotrasporto di persone e cose
- ex APC3, via Caraci n. 36 - 00157 Roma.
3. Le imprese che presentano domanda ai sensi dei precedenti commi
del presente articolo riceveranno una comunicazione contenente
l'autorizzazione ad utilizzare il fondo nazionale ecopunti conto
proprio fino al 31 dicembre 2002, entro i limiti di consistenza del
fondo indicati, per quanto riguarda il 3o quadrimestre 2002, all'art.
1, comma 3, del presente decreto.
4. Le imprese che non sono mai state registrate nel sistema
informativo della Kapsch devono presentare, contestualmente alla
richiesta di cui al precedente comma 2, una domanda per ottenere i
certificati di registrazione necessari per l'installazione
dell'ecopiastrina sui singoli veicoli, redatta ai sensi del
successivo art. 8, comma 1, e conforme a quanto indicato al comma 2
dello stesso articolo.

Art. 8.
Certificati di registrazione

1. La domanda per il rilascio dei certificati di registrazione
necessari per l'installazione delle ecopiastrine sui veicoli che
effettuano autotrasporto di merci attraverso il territorio austriaco
deve essere redatta secondo l'allegato 4 al presente decreto,
corredata dell'attestazione di un versamento di Euro 10,33 sul c.c.p.
n. 4028 (imposta di bollo) e di un versamento di Euro 5,16 sul c.c.p.
n. 9001 (diritti) per ogni veicolo di cui si chiede il certificato.
La domanda deve essere conforme a quanto indicato ai successivi commi
del presente articolo.
2. La registrazione al sistema informativo della Kapsch di veicoli
in propria disponibilita' da parte delle imprese che effettuano
trasporto di merci in conto proprio e' possibile, unicamente per
veicoli che abbiano un Cop-dokument che attesta un consumo, per ogni
transito attraverso il territorio austriaco, non superiore a
6 ecopunti.
3. La registrazione di veicoli il cui Cop-dokument attesta un
consumo di ecopunti pari a 7 e' condizionata alla cancellazione dal
sistema informativo di un numero pari di veicoli in disponibilita'
alla stessa impresa, gia' registrati, regolarmente inizializzati e
aventi un consumo di ecopunti pari o superiore a 7.
4. Vengono cancellati d'ufficio, a seguito di periodiche verifiche,
i certificati di registrazione relativi a veicoli che, in base al
sistema informativo del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti, non sono piu' nella disponibilita' dell'impresa che li ha
ottenuti oppure che sono relativi a targhe cessate.
5. L'avvenuta cancellazione dei certificati di registrazione,
secondo quanto indicato al comma precedente verra' comunicata
all'impresa interessata.

Autotrasporto di merci in conto terzi
(c.d. imprese nuove)

Art. 9.
Modalita' di richiesta e requisiti

1. Le imprese che effettuano trasporto di merci in conto terzi che
rientrano tra quelle indicate all'art. 1, comma 4, del presente
decreto e che sono interessate ad ottenere una quota di ecopunti per
il 3o quadrimestre 2002 debbono presentare apposita domanda entro il
termine perentorio di trenta giorni dalla data di pubblicazione del
presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
2. I requisiti che l'impresa interessata deve possedere sono:
a) licenza comunitaria;
b) possesso alla data di pubblicazione del presente decreto di
almeno un veicolo avente un consumo di ecopunti pari o inferiore a 6;
c) aver effettuato nel corso del periodo aprile-giugno dell'anno
2002 viaggi di transito attraverso il territorio austriaco secondo il
sistema del trasporto combinato accompagnato e/o viaggi, mediante
autorizzazioni a viaggio, per trasporti a destinazione o di transito
verso o attraverso i seguenti Paesi: Repubblica Ceca, Repubblica
Slovacca, Ungheria e Polonia per un totale complessivo di 10.
3. La domanda di cui al comma 1 del presente articolo, redatta
secondo l'allegato 3 al presente decreto, corredata dell'attestazione
di un versamento di Euro 10,33 sul c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo)
deve essere inviata al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
- Dipartimento per i trasporti terrestri e per i sistemi informativi
e statistici - Direzione generale per l'autotrasporto di persone e
cose - ex APC3, via Caraci n. 36 - 00157 Roma.
4. L'effettuazione del trasporto combinato accompagnato di cui al
punto c) del comma 2 del presente decreto deve essere dimostrata, per
un massimo di 10 viaggi, allegando alla domanda la documentazione
dell'effettuazione dei viaggi comprovata dal soggetto erogatore del
servizio in questione.
5. L'impresa interessata, contestualmente alla richiesta di cui al
precedente comma 3, deve presentare una domanda per ottenere i
certificati di registrazione necessari per l'installazione
dell'ecopiastrina sui singoli veicoli, redatta secondo l'allegato 4
al presente decreto, corredata dell'attestazione di un versamento di
Euro 10,33 sul c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo) e di un versamento
di Euro 5,16 sul c.c.p. n. 9001 (diritti) per ogni veicolo di cui si
chiede il certificato. La domanda potra' riguardare un massimo di due
veicoli aventi un Cop-dokument attestante un consumo di ecopunti pari
o inferiore a 6.

Art. 10.
Criteri di attribuzione degli ecopunti

1. Le imprese che hanno presentato le domande indicate ai commi 3
e 5 del precedente art. 9 e che sono inpossesso dei requisiti
indicati al comma 2 dello stesso articolo otterranno per il 3o
quadrimestre 2002 una quota di ecopunti pari al rapporto tra il
numero di ecopunti riservati a queste imprese ai sensi dell'art. 1,
comma 4, del presente decreto e il numero delle domande regolari con
un massimo di 50 ed un minimo di 30 ecopunti.
2. Qualora la quota risultante dall'operazione effettuata ai sensi
del precedente comma fosse inferiore al valore minimo di 30 ecopunti,
si procedera' all'assegnazione a ciascuna impresa di una quota di 30
ecopunti fino ad esaurimento della quota riservata e secondo l'ordine
di protocollazione delle domande.
3. Verranno respinte e archiviate le domande la cui collocazione
nell'ordine di protocollazione non consente di beneficiare, causa
l'esaurimento degli ecopunti della quota riservata, di quanto
previsto al comma precedente.

Art. 11.
Modalita' di rilascio

1. La quota di ecopunti determinata ai sensi del precedente art. 10
spettante alle imprese che hanno presentato domanda ai sensi
dell'art. 9 verra' rilasciata in un'unica soluzione e sara'
disponibile entro il trentesimo giorno successivo alla data di
scadenza della presentazione delle domande.
2. La comunicazione dell'avvenuta assegnazione degli ecopunti
verra' inviata alle imprese interessate insieme ai certificati di
registrazione dei veicoli per i quali e' stata presentata domanda ai
sensi dell'art. 9, comma 4, del presente decreto.

Art. 12.
Certificati di registrazione

1. Le imprese che ottengono una quota di ecopunti ai sensi degli
articoli 9, 10 e 11 del presente decreto non possono essere titolari
di piu' di due certificati di registrazione.
2. E' consentita per le imprese di cui al comma precedente,
nell'ambito del limite sopra indicato, la registrazione di ulteriori
veicoli con Cop-dokument pari o inferiore a 6 ecopunti, previa
cancellazione dal sistema informativo di un numero pari di veicoli in
disponibilita' alla stessa impresa, gia' registrati e regolarmente
inizializzati.

Trasporti eccezionali

Art. 13.
1. Le imprese che hanno necessita' di effettuare trasporti
eccezionali attraverso il territorio austriaco e che non hanno
ottenuto una quota di ecopunti per il 3o quadrimestre 2002 o che,
avendola ottenuta, l'hanno esaurita, debbono presentare una domanda,
redatta secondo l'allegato 5 del presente decreto.
2. La domanda, contenente l'indicazione della data di entrata in
territorio austriaco del veicolo che effettua il trasporto
eccezionale, corredata dell'attestazione di un versamento di
Euro 10,33 sul c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo), deve essere
inviata, inderogabilmente, almeno dieci giorni prima della data di
effettuazione del transito, al Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti - Dipartimento per i trasporti terrestri e per i sistemi
informativi e statistici - Direzione generale per l'autotrasporto di
persone e cose - ex APC3, via Caraci, 36 - 00157 Roma.
3. Le domande che non siano presentate almeno entro il decimo
giorno precedente la data prevista dell'effettuazione del trasporto
eccezionale verranno respinte.
4. Nel caso in cui il trasporto eccezionale sia effettuato con un
veicolo non registrato al sistema elettronico di rilevazione,
l'impresa interessata dovra' provvedere, contemporaneamente alla
domanda di cui al precedente comma, ad inviare una domanda per il
rilascio del certificato di registrazione necessario per
l'installazione dell'ecopiastrina, redatta secondo l'allegato 4 al
presente decreto, corredata dell'attestazione di un versamento di
Euro 10,33 sul c.c.p. n. 4028 (imposta di bollo) e di un versamento
di Euro 5,16 sul c.c.p. n. 9001 (diritti).
5. A seguito della presentazione della domanda di cui al comma 2,
l'ufficio competente dell'unita' operativa APC3 provvedera'
all'assegnazione sul sistema elettronico di rilevazione del numero di
ecopunti necessario per l'effettuazione del transito attraverso il
territorio austriaco, limitatamente alla tratta che viene effettuata
con il carico. Gli ecopunti assegnati all'impresa per l'effettuazione
del transito rimangono a disposizione per i tre giorni successivi
alla data indicata nella richiesta, dopo di che vengono tolti anche
se non utilizzati. L'impresa interessata ricevera' comunicazione
dell'avvenuta assegnazione degli ecopunti ed, eventualmente, avendo
presentato domanda ai sensi del precedente comma 3, il certificato di
registrazione del veicolo.
6. L'impresa che usufruisce degli ecopunti per l'effettuazione del
trasporto eccezionale deve inviare, entro quindici giorni
dall'effettuazione del transito, all'ufficio competente dell'unita'
operativa APC3, al fine di comprovare l'effettivo svolgimento del
trasporto eccezionale, una copia dell'autorizzazione al trasporto
eccezionale o dell'attestazione di transito timbrata dal
concessionario autostradale con la data di esecuzione del viaggio.
7. Nel caso non venga prodotta la documentazione richiesta dal
precedente comma, l'impresa in questione si vedra' rifiutata ogni
altra successiva richiesta di assegnazione di ecopunti per
l'effettuazione di trasporti eccezionali in transito sul territorio
austriaco.

Norme generali

Art. 14.
Infrazioni

1. Reiterati transiti effettuati senza versamento di ecopunti
costituiscono inflazione grave alle normative relative all'esecuzione
dell'autotrasporto internazionale di merci che puo' comportare
l'applicazione delle sanzioni previste dall'art. 7 del decreto
ministeriale 22 novembre 1999, n. 521. La recidiva potra' comportare
anche il ritiro di tutte o di una parte delle copie certificate
conformi della licenza comunitaria in possesso dell'impresa che ha
effettuato i transiti irregolari.

Art. 15.
1. Ai sensi dell'art. 3, comma 2, del decreto ministeriale
18 aprile 1994, n. 594, riguardante i procedimenti di competenza del
Dipartimento trasporti terrestri, le domande devono essere redatte
nelle forme e nei modi stabiliti dall'Amministrazione e pertanto, le
domande presentate senza utilizzare gli appositi schemi allegati al
presente decreto, verranno archiviate.
2. Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e sara' disponibile anche sul sito del
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti all'indirizzo:
www.trasportinavigazione.it. Sullo stesso sito e' disponibile anche
la circolare n. 11 del 15 marzo 2000 del Ministero dei trasporti e
della navigazione - Dipartimento trasporti terrestri - Direzione
generale autotrasporto persone e cose riguardante i certificati di
registrazione.
Roma, 29 luglio 2002

Il direttore generale
per l'autotrasporto di persone e cose
Ricozzi

Allegato 1
IMPRESA CONTO TERZI

Al Dipartimento trasporti terrestri
- Direzione generale autotrasporto
di persone e cose - Autotrasporto
internazionale di merci (APC3) -
Via Caraci, 36 - 00157 Roma

Numero albo trasportatori .... codice Austria .... La
sottoscritta impresa .... sede legale in.... chiede l'assegnazione
degli ecopunti spettanti per l'anno 2002. Ai fini dell'eventuale
elevazione alla quota di 50 ecopunti dell'assegnazione per il 3o
quadrimestre 2002, prevista per le imprese che avrebbero titolo ad
una quantita' inferiore di ecopunti, l'impresa sottoscritta
autorizza/non autorizza (eliminare la voce che non interessa) la
cancellazione dal sistema elettronico di rilevazione di tutti i
veicoli aventi un Cop-dokument superiore a 7 che risultano in
disponibilita' dell'impresa stessa.

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Il sottoscritto .... ha incaricato per la trattazione della
presente domanda la .... .... che accetta.

Firma
(per accettazione)

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Allegare fotocopia del documento di identita' in corso di
validita' del titolare o del legale rappresentante dell'impresa
richiedente.

Allegato 2
IMPRESA CONTO PROPRIO

Al Dipartimento trasporti terrestri
- Direzione generale autotrasporto
di persone e cose - Autotrasporto
internazionale di merci (APC3) -
Via Caraci, 36 - 00157 Roma

Numero albo trasportatori conto proprio .... codice Austria ......
La sottoscritta impresa .... sede legale in.... chiede
l'autorizzazione all'utilizzo del fondo nazionale ecopunti conto
proprio fino al 31 dicembre 2002.

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Il sottoscritto .... ha incaricato per la trattazione della
presente domanda la .... .... che accetta.

Firma
(per accettazione)

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Allegare fotocopia del documento di identita' in corso di
validita' del titolare o del legale rappresentante dell'impresa
richiedente.

Allegato 3
NUOVA IMPRESA

Al Dipartimento trasporti
terrrestri - Direzione generale
autotrasporto di persone e cose -
Autotrasporto internazionale di
merci (APC3) - Via Caraci, 36 -
00157 Roma

Numero albo trasportatori ........................
Il sottoscritto .... quale legale rappresentante dell'impresa
.... sede legale in .... chiede l'assegnazione di una quota di
ecopunti per il 3o quadrimestre dell'anno 2002.
A tal fine dichiara:
a) di essere in possesso di licenza comunitaria;
b) di essere in possesso di veicoli aventi un Cop-dokument
attestante un consumo pari o inferiore a 6 ecopunti;
c) di aver effettuato nel periodo aprile-giugno 2002 viaggi di
transito attraverso il territorio austriaco secondo il sistema del
trasporto combinato accompagnato (documentazione allegata) e/o
viaggi, mediante autorizzazioni a viaggio rilasciate da ....
(indicare l'ufficio/i del Dipartimento dei trasporti terrestri), per
trasporti a destinazione o di transito verso o attraverso i seguenti
Paesi: Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Ungheria e Polonia per
un totale complessivo di 10.
Il sottoscritto sotto la sua responsabilita', dichiara di essere
a conoscenza delle sanzioni penali previste per le ipotesi di
falsita' in atti e dichiarazioni mendaci nonche' di andare incontro
alla sanzione della decadenza dei benefici eventualmente conseguiti a
seguito dell'emanazione del provvedimento favorevole sulla base della
dichiarazione non veritiera.

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Il sottoscritto .... ha incaricato per la trattazione della
presente domanda la .... .... che accetta.

Firma
(per accettazione)

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Allegare fotocopia del documento di identita' in corso di
validita' del titolare o del legale rappresentante dell'impresa
richiedente.

Allegato 4
CERTIFICATI DI REGISTRAZIONE

Al Dipartimento trasporti
terrrestri - Direzione generale
autotrasporto di persone e cose -
Autotrasporto internazionale di
merci (APC3) - Via Caraci, 36 -
00157 Roma

Numero albo trasportatori ............... codice Austria .........
(se impresa gia' registrata)

La sottoscritta impresa .... sede legale in .... chiede il
rilascio dei certificati di registrazione necessari per
l'inizializzazione delle ecopiastrine per i seguenti veicoli: (1) (2)

Targa .... |Targa ....
Targa .... |Targa ....
Targa .... |Targa ....
Targa .... |Targa ....
Targa .... |Targa ....
Targa .... |Targa ....

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Il sottoscritto .... ha incaricato per la trattazione della
presente domanda la .... .... che accetta.

Firma
(per accettazione)

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

(1) Il veicolo deve essere in possesso di Cop-dokument da
richiedersi presso l'ex Ufficio provinciale della M.C.T.C.
(2) Allegare alla pratica copia della carta provvisoria di
circolazione del veicolo ove questo fosse ancora sprovvisto di carta
di circolazione definitiva.
Allegare fotocopia del documento di identita' in corso di
validita' del titolare o del legale rappresentante dell'impresa
richiedente.

Allegato 5
TRASPORTI ECCEZIONALI

Al Dipartimento trasporti
terrrestri - Direzione generale
autotrasporto di persone e cose -
Autotrasporto internazionale di
merci (APC3) - Via Caraci, 36 -
00157 Roma

Numero albo trasportatori ............. Codice Austria ...........
La sottoscritta impresa .... sede legale in .... chiede
l'assegnazione degli ecopunti necessari per l'effettuazione di un
trasporto eccezionale in transito attraverso il territorio austriaco.
A tal fine dichiara:
a) che la targa del veicolo con cui verra' effettuato il
trasporto e' la seguente:....;
b) che la data di entrata in territorio austriaco sara' la
seguente: ....;
c) di essere a conoscenza e di accettare il fatto che
l'Amministrazione provvedera' a conservare gli ecopunti attribuiti
per i 3 (tre) giorni successivi alla data dichiarata al punto b) dopo
di che, se non utilizzati, verranno tolti dalla disponibilita'
dell'impresa al sistema elettronico di rilevazione dei transiti.

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Il sottoscritto .... ha incaricato per la trattazione della
presente domanda la .... .... che accetta.

Firma
(per accettazione)

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Allegare fotocopia del documento di identita' in corso di
validita' del titolare o del legale rappresentante dell'impresa
richiedente.

Allegato 6
CANCELLAZIONE CERTIFICATI

Al Dipartimento trasporti
terrrestri - Direzione generale
autotrasporto di persone e cose -
Autotrasporto internazionale di
merci (APC3) - Via Caraci, 36 -
00157 Roma

Numero albo trasportatori .... codice Austria ....
La sottoscritta impresa .... sede legale in.... autorizza, ai
fini dell'eventuale elevazione alla quota di 50 ecopunti
dell'assegnazione per il 3o quadrimestre 2002, prevista per le
imprese che avrebbero titolo ad una quantita' inferiore di ecopunti,
la cancellazione dal sistema elettronico di rilevazione di tutti i
veicoli aventi un Cop-dokument superiore a 7 che risultano in
disponibilita' dell'impresa stessa.

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Il sottoscritto .... ha incaricato per la trattazione della
presente domanda la .... .... che accetta.

Firma
(per accettazione)

Firma
(del titolare o del legale rappresentante)

Allegare fotocopia del documento di identita' in corso di
validita' del titolare o del legale rappresentante dell'impresa
richiedente.


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato