Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 187 del 10 Agosto 2002

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 2 agosto 2002
Modifica al decreto interdirigenziale 6 giugno 2002, recante norme disciplinanti la ridefinizione delle condizioni economiche delle concessioni per il servizio di raccolta delle scommesse.

IL DIRETTORE GENERALE
dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, il capo
Dipartimento della qualita' dei prodotti agroalimentari e dei servizi
del Ministero delle politiche agricole e forestali, il segretario
generale del Ministero per i beni e le attivita' culturali, il
segretario generale del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI).

Visto il decreto interdirigenziale adottato in data 6 giugno 2002,
ai sensi dell'art. 8 del decreto-legge 28 dicembre 2001, n. 452,
convertito dalla legge 27 febbraio 2002, n. 16, con il quale e' stata
disciplinata la ridefinizione delle condizioni economiche delle
concessioni per il servizio di raccolta delle scommesse;
Rilevato che avverso il predetto decreto interdirigenziale sono
stati proposti numerosi ricorsi innanzi ai Tribunali amministrativi
regionali, in occasione di alcuni dei quali sono state emesse, in
sede cautelare, ordinanze aventi l'effetto di procrastinare il
termine di trenta giorni stabilito, con il predetto decreto del
6 giugno 2002, per l'adesione dei concessionari alle condizioni
ridefinite ovvero per il loro recesso;
Vista altresi' l'ordinanza n. 3266 del Consiglio di Stato, sez. IV,
del 30 luglio 2002, che ha rilevato "che il decreto interdirigenziale
impugnato sembra aver correttamente dato applicazione ai principi
stabiliti dai commi 1 e 2 dell'art. 8 del decreto-legge 28 dicembre
2001, n. 452, convertito, con modificazioni, nella legge 27 febbraio
2002, n. 16";
Ritenuta tuttavia l'opportunita' di procedere ad una ridefinizione
del termine innanzidetto, e cio' al fine di uniformare nei riguardi
della generalita' dei concessionari interessati, nel quadro di una
condotta amministrativa ispirata ai principi di imparzialita' e buon
andamento, i tempi entro i quali i medesimi concessionari possono
effettuare le rispettive scelte, di adesione alle condizioni
ridefinite ovvero di recesso dalla concessione;
Rivalutata in definitiva, alla luce degli accadimenti sopra
riportati, tutta la complessiva vicenda ed attesa l'opportunita' di
promuovere ogni iniziativa ulteriore che assicuri la sempre maggiore
efficienza del servizio pubblico ed il perseguimento dell'interesse
pubblico in esecuzione del disposto normativo;

E m a n a n o

il seguente decreto:
Art. 1.

1. Al decreto interdirigenziale 6 giugno 2002, recante norme
disciplinanti la ridefinizione delle condizioni economiche delle
concessioni per il servizio di raccolta delle scommesse, in
attuazione dell'art. 8 del decreto-legge 28 dicembre 2001, n. 452,
convertito dalla legge 27 febbraio 2002, n. 16, sono apportate le
seguenti modifiche:
nell'art. 3 le parole "entro il 30 settembre 2002 oppure in due
rate di pari importo scadenti rispettivamente il 30 settembre" sono
sostituite con le parole "entro il 31 ottobre 2002 oppure in due rate
di pari importo scadenti rispettivamente il 31 ottobre";
nell'art. 4 le parole "entro il 30 settembre 2002 ovvero secondo
le seguenti modalita':
a) il 10% entro il 30 settembre 2002",
sono sostituite dalle parole "entro il 31 ottobre 2002, ovvero
secondo le seguenti modalita':
a) il 10% entro il 31 ottobre 2002";
nell'art. 6, al comma 1, le parole "trenta giorni dalla
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana"
sono sostituite con le parole "il 15 ottobre 2002"; al comma 4 le
parole "30 settembre 2002" sono sostituite dalle parole "31 ottobre
2002"; al comma 7, le parole "30 settembre 2002" sono sostituite
dalle parole "31 ottobre 2002";
nell'art. 8, al comma 1, le parole "trenta giorni dalla sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana"
sono sostituite con le parole "il 15 ottobre 2002";
nell'allegato C, la lettera e) e' sostituita dalla seguente:
"e) di voler pagare quanto sopra:
1) per quanto concerne le quote di prelievo:
( ) in unica soluzione entro il 31 ottobre 2002
oppure
( ) in due rate di pari importo scadenti il 31 ottobre 2002 e
il 15 dicembre 2002;
2) per quanto concerne l'integrazione ai minimi garantiti:
( ) in unica soluzione entro il 31 ottobre 2002
oppure
( ) in quattro rate annuali per gli importi e con le scadenze
di cui all'art. 4, lettere a), b), c) e d) del decreto
interdirigenziale 6 giugno 2002";
nell'allegato D, la lettera d) e' sostituita dalla seguente:
"d) di pagare gli importi di cui alla lettera c:
1) per quanto concerne le quote di prelievo:
( ) in unica soluzione entro il 31 ottobre 2002
oppure
( ) in due rate di pari importo scadenti il 31 ottobre 2002 e
il 15 dicembre 2002;
2) per quanto concerne l'integrazione ai minimi garantiti:
( ) in unica soluzione entro il 31 ottobre 2002
oppure
( ) in quattro rate annuali per gli importi e con le scadenze
di cui all'art. 4, lettere a), b), c) e d) del decreto
interdirigenziale 6 giugno 2002".
2. Gli effetti del presente decreto decorrono dalla data della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 2 agosto 2002

Il direttore generale dell'Amministrazione autonoma
dei Monopoli di Stato
Tino

Il Capo Dipartimento della qualita' dei prodotti
agroalimentari e dei servizi del Ministero
delle politiche agricole e forestali
Ambrosio

Il Segretario generale del Ministero
per i beni e le attivita' culturali
Graziani

Il Segretario generale del Comitato olimpico
nazionale italiano
Pagnozzi

 


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato