Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 191 del 16 Agosto 2002

LEGGE 2 agosto 2002, n.183
Disciplina degli emolumenti per i componenti di nomina statale delle Commissioni paritetiche previste dagli Statuti delle regioni a statuto speciale.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:
Art. 1.
1. A decorrere dal 1 gennaio 2002, ai componenti di nomina statale
delle Commissioni paritetiche previste dagli Statuti delle regioni a
statuto speciale spetta una indennita' mensile lorda determinata con
decreto dal Ministro per gli affari regionali, di concerto con il
Ministro dell'economia e delle finanze, comprensiva della
partecipazione alle riunioni e delle connesse attivita' di studio e
consulenza. Al segretario delle suddette Commissioni spetta un
gettone di presenza determinato con il medesimo decreto, per ogni
riunione. Ai medesimi spettano altresi' il rimborso delle spese e
l'indennita' di trasferta secondo le disposizioni riguardanti i
pubblici impiegati. Per le finalita' del presente articolo e'
autorizzata la spesa annua di 258.228 euro a decorrere dal 2002.

Art. 2.

1. All'onere derivante dall'attuazione della presente legge,
determinato in 258.228 euro a decorrere dall'anno 2002, si provvede
mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai
fini del bilancio triennale 2002-2004, nell'ambito dell'unita'
previsionale di base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato
di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno
finanziario 2002, allo scopo parzialmente utilizzando
l'accantonamento relativo al medesimo Ministero.
2. Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.

Data a Roma, addi' 2 agosto 2002

CIAMPI

Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri
La Loggia, Ministro per gli affari
regionali
Visto, il Guardasigilli: Castelli

LAVORI PREPARATORI

Camera dei deputati (atto n. 1786):
Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri
(Berlusconi) e dal Ministro per gli affari regionali (La
Loggia) il 18 ottobre 2001.
Assegnato alla I commissione (Affari costituzionali),
in sede referente, il 21 novembre 2001 con pareri delle
commissioni V e Parlamentare per le questioni regionali.
Esaminato dalla I commissione, in sede referente, il
13, 18, 20, 27 giugno 2002; il 3 luglio 2002.
Nuovamente assegnato alla I commissione (Affari
costituzionali), in sede legislativa, il 16 luglio 2002 con
pareri delle commissioni V e Parlamentare per le questioni
regionali.
Esaminato dalla I commissione (Affari costituzionali),
in sede legislativa, e approvato il 24 luglio 2002.
Senato della Repubblica (atto n. 1644):
Assegnato alla 1a commissione (Affari costituzionali),
in sede deliberante, il 25 luglio 2002 con pareri delle
commissioni 5a e Parlamentare per le questioni regionali.
Esaminato dalla 1a commissione (Affari costituzionali),
in sede deliberante, il 30 luglio 2002 e approvato il 1
agosto 2002.


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato