Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 194 del 20 Agosto 2002

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 31 luglio 2002
Consultazione pubblica concernente la distribuzione in forma elettronica dell'elenco generale degli abbonati e l'analisi dei costi e dei benefici dell' inserimento di tale distribuzione nel servizio universale. (Deliberazione n. 257/02/CONS).

L'AUTORITA'

Nella sua riunione di Consiglio del 31 luglio 2002;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante "Istituzione
dell'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo";
Vista la legge 31 dicembre 1996, n. 675, recante "Tutela delle
persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati
personali";
Visto il decreto legislativo 13 maggio 1998, n. 171 recante
"Disposizioni in materia di tutela della vita privata nel settore
delle telecomunicazioni, in attuazione della direttiva 97/66/CE del
Parlamento europeo e del Consiglio, ed in tema di attivita'
giornalistica";
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 1997,
n. 318, recante "Regolamento per l'attuazione di direttive
comunitarie nel settore delle telecomunicazioni";
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 gennaio 2001,
n. 77, recante "Regolamento di attuazione delle direttive 97/51/CE e
98/10/CE, in materia di telecomunicazioni";
Vista la propria delibera n. 287/99 del 20 ottobre 1999, recante
"Procedura per lo svolgimento di consultazioni pubbliche nell'ambito
di ricerche ed indagini conoscitive";
Vista la propria delibera n. 36/02/CONS recante, "Regole e
modalita' organizzative per la realizzazione e l'offerta di un
servizio di elenco telefonico generale e adeguamento del servizio
universale" ed, in particolare, l'art. 6 in cui l'Autorita' segnala
al Ministero delle comunicazioni l'opportunita' di una revisione del
contenuto del servizio universale con riferimento all'inserimento
nello stesso della distribuzione dell'elenco generale in forma
elettronica;
Vista la lettera inviata dal Ministero delle comunicazioni in data
22 luglio 2002, contenente la richiesta di ogni informazione utile
per le valutazioni di competenza del Ministero circa l'opportunita'
di inserire la fornitura del formato elettronico dell'elenco
telefonico generale degli abbonati nell'ambito del servizio
universale;
Considerato che anche al fine di fornire al Ministero le
valutazioni sui costi e sui benefici dell'inserimento dell'elenco
informazioni abbonati in forma elettronica nell'ambito del servizio
universale, anche tenendo conto dei diversi aspetti di carattere
tecnico, giuridico ed economico relativi a tale specifica tematica,
l'Autorita', tramite la consultazione pubblica oggetto del presente
provvedimento, ritiene opportuno acquisire preliminarmente l'opinione
del maggior numero possibile di soggetti interessati;
Visto il documento per la consultazione proposto dal direttore del
Dipartimento regolamentazione;
Udita la relazione del commissario Alfredo Meocci, relatore ai
sensi dell'art. 32 del Regolamento concernente l'organizzazione ed il
funzionamento dell'Autorita';
Delibera:
1. E' indetta la consultazione pubblica concernente la
distribuzione in forma elettronica dell'elenco generale degli
abbonati e l'analisi dei costi e dei benefici dell'inserimento di
tale distribuzione nel servizio universale.
2. Il documento per la consultazione e' riportato nell'allegato A
del presente provvedimento di cui costituisce parte integrante.
3. Ai sensi e per gli effetti della delibera n. 287/99, le
comunicazioni di risposta alla consultazione pubblica dovranno
pervenire entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione del
presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Il presente provvedimento e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana, nel Bollettino ufficiale e sul sito web
dell'Autorita'.
Roma, 31 luglio 2002
Il presidente: Cheli

Allegato A alla delibera n. 257/02/CONS

CONSULTAZIONE PUBBLICA CONCERNENTE LA DISTRIBUZIONE IN FORMA
ELETTRONICA DELL'ELENCO GENERALE DEGLI ABBONATI E L'ANALISI DEI COSTI
E DEI BENEFICI DELL'INSERIMENTO DI TALE DISTRIBUZIONE NEL SERVIZIO
UNIVERSALE

Documento per la consultazione

L'AUTORITA'

Ai sensi della propria delibera n. 287/1999 concernente
"Procedura per lo svolgimento di consultazioni pubbliche nell'ambito
di ricerche ed indagini conoscitive" ed al fine di acquisire elementi
di informazione, spunti conoscitivi e posizioni dei diversi soggetti
interessati alla tematica in oggetto derivante dal percorso
istruttorio delineato dalla propria delibera n. 36/02/CONS, del 6
febbraio 2002, recante "Regole e modalita' organizzative per la
realizzazione e l'offerta di un servizio di elenco telefonico
generale e adeguamento del servizio universale",

Invita:

i soggetti licenziatari;
i soggetti che hanno espresso interesse a candidarsi quali
licenziatari per la prestazione di reti e servizi di
telecomunicazioni;
i produttori di annuari telefonici e categorici, anche on-line;
le associazioni portatrici di interessi pubblici;
tutti i soggetti potenzialmente interessati;
a far pervenire all'Autorita' una comunicazione contenente la
propria posizione in merito al tema oggetto di consultazione.
Le comunicazioni, recanti la dicitura "Consultazione pubblica
concernente la distribuzione in forma elettronica dell'elenco
generale degli abbonati e l'analisi dei costi e dei benefici
dell'inserimento di tale distribuzione nel servizio universale" e
l'indicazione del soggetto rispondente dovranno pervenire entro
sessanta giorni dalla pubblicazione del presente documento nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, tramite raccomandata
con ricevuta di ritorno o raccomandata a mano, al seguente indirizzo:
Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni - Dipartimento
regolamentazione - Centro direzionale - Isola B5 - Torre Francesco
80143 Napoli.
Le comunicazioni potranno essere anticipate, entro il medesimo
termine, anche in formato elettronico al seguente indirizzo
e-mail: regolamentazione@agcom.it, recando in oggetto la dicitura
"consultazione pubblica elenco generale in formato elettronico".
Le comunicazioni pervenute non precostituiscono alcun titolo,
condizione o vincolo rispetto alle decisioni dell'Autorita' stessa,
hanno carattere meramente informativo per i summenzionati fini
conoscitivi e i risultati ottenuti verranno integralmente pubblicate
sul sito web dell'Autorita', salvo espressa e motivata richiesta di
riservatezza del soggetto partecipante.
Introduzione.
L'Autorita', con la delibera n. 36/02/CONS, recante "Regole e
modalita' organizzative per la realizzazione e l'offerta di un
servizio di elenco telefonico generale e adeguamento del servizio
universale", ha disciplinato la costituzione degli elenchi telefonici
generali, le modalita' di gestione delle basi dati, nonche' il
servizio di informazione abbonati. Tale delibera, nell'ambito
relativo al contenuto degli elenchi generali, ha regolato in modo
puntuale l'inclusione dei numeri mobili, sia relativi a contratti
post-pagati, sia pre-pagati, nell'elenco telefonico generale.
La fornitura dell'elenco degli abbonati limitatamente alla rete
urbana di appartenenza rientra nel servizio universale il cui
contenuto, secondo quanto stabilito dal decreto del Presidente della
Repubblica n. 318/1997, puo' evolvere sulla base del progresso
tecnologico e degli sviluppi del mercato e la sua revisione e'
effettuata almeno ogni due anni dal Ministro delle comunicazioni,
sentita l'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni.
Nella citata delibera n. 36/02/CONS, relativa alla formazione
dell'elenco telefonico generale, e' altresi' effettuata la
segnalazione al Ministero delle comunicazioni sull'opportunita' di
inserire nell'ambito del servizio universale anche la fornitura
dell'elenco generale degli abbonati in formato elettronico.
La normativa vigente ed, in particolare, il decreto del
Presidente della Repubblica n. 77/2001, recante "Regolamento di
attuazione delle direttive 97/51/CE e 98/10/CE, in materia di
telecomunicazioni", riconoscendo l'importanza dell'elenco telefonico
in formato elettronico, prevede la messa a disposizione del pubblico
dell'elenco telefonico su supporto cartaceo o elettronico o su
entrambi.
Tenendo conto del grado di alfabetizzazione informatica della
popolazione, la progressiva diffusione di un elenco telefonico in
formato elettronico potrebbe rendere piu' agevole per l'utenza la
fruibilita' delle informazioni relative agli abbonati (sia di rete
fissa, sia di rete mobile) e quindi migliorare l'utilizzo dei servizi
telefonici stessi. Tale diffusione potrebbe anche avvantaggiare le
imprese garantendo una maggiore efficenza nelle modalita' di
costituzione degli elenchi telefonici attraverso una sostanziale
diminuzione dei costi di produzione.
L'importanza della distribuzione di un elenco telefonico in
formato elettronico deriva anche dal fatto che, in caso di assenso di
utenti di rete mobile all'inclusione dei loro dati negli elenchi
generali, questi raggiungerebbero dimensioni ragguardevoli in termini
di numero di dati in esso presenti, e, sempre con riferimento ai
numeri mobili, la costituzione di un elenco telefonico in formato
elettronico permetterebbe di superare il problema relativo alla non
associabilita' dell'utenza di rete mobile ad uno o piu' distretti
telefonici rendendo piu' agevole al contempo, sia l'inserimento dei
dati dell'utente, sia la consultazione dell'elenco stesso.
Quesiti relativi alla consultazione.
1. Relativamente alla situazione attuale in cui l'abbonato puo'
richiedere la fornitura dell'elenco telefonico anche in formato
elettronico, si chiedono considerazioni in merito all'entita' della
domanda da parte dell'utenza con riferimento a tale servizio.
2. Si chiede di valutare quali benefici possono derivare dalla
distribuzione generalizzata in forma elettronica dell'elenco
universale.
3. Considerando che l'elenco telefonico generale conterra' i
numeri degli abbonati ai servizi di tutti gli operatori di telefonia
fissa e mobile attivi sul territorio nazionale, si ritiene che la
fornitura di un elenco telefonico in formato elettronico potrebbe
garantire in maniera ottimale la distribuzione degli elenchi generali
con riferimento, in particolare, all'elenco dei numeri mobili?
4. L'elenco telefonico in formato cartaceo, contenente, allo
stato, esclusivamente i numeri di telefonia fissa, e' riferito a
diverse zone del territorio nazionale corrispondenti alla
suddivisione della rete dell'operatore Telecom Italia. In tale elenco
i numeri telefonici vengono inseriti sulla base del criterio della
residenza che, nel caso della telefonia fissa, risulta il piu'
razionale e semplice da applicare. Dato che l'elenco generale
conterra' anche i numeri di rete mobile, siano essi riferiti a
contratti post-pagati o pre-pagati, si chiedono considerazioni in
merito alle modalita' di distribuzione relativamente anche all'ambito
geografico di riferimento.
5. La fornitura dell'elenco abbonati limitatamente alla rete
urbana di appartenenza rientra tra gli elementi del servizio
universale cioe' quell'insieme minimo di servizi aventi una
determinata qualita' che deve essere fornito a tutti gli utenti a
condizioni economiche accessibili. Considerando che l'utilita'
dell'elenco generale in formato elettronico aumenta all'aumentare del
numero di utenti che richiede di inserire nell'elenco stesso i propri
numeri di telefonia mobile e considerando altresi' che la diffusione
dell'elenco generale in formato elettronico sara' graduale nel tempo,
si richiedono considerazioni in merito alla necessita' di includere
anche la fornitura dell'elenco telefonico in formato elettronico
nell'ambito del servizio universale, assicurandone cosi' la
disponibilita' a tutti gli utenti ad un prezzo accessibile.
6. Quali sono, a vostro avviso, le voci di costo (ed il loro
ammontare) relative alla realizzazione dell'elenco telefonico
generale in formato elettronico?
7. Quali sono le presumibili voci di ricavo relative alla
distribuzione dell'elenco generale in formato elettronico?
8. In base alle risposte fornite ai precedenti punti 5 e 6, se
l'elenco generale in formato elettronico venisse inserito tra gli
elementi del servizio universale sarebbe prevedibile a carico del
fornitore un costo netto iniquo tale da gravare sul fondo del
servizio universale (si prega di sostanziare la risposta con elementi
relativi all'analisi dei costi evitabili, ricavi evitabili ed
eventuali benefici indiretti)?
9. Qualora si volesse affidare mediante procedura competitiva la
fornitura, nell'ambito del servizio universale, dell'elenco generale
in formato elettronico, quali procedure ad evidenza pubblica
dovrebbero essere seguite?
10. Con riferimento alle procedure di cui al punto precedente, si
ravvisano vantaggi nel limitare l'ambito geografico a una o piu'
regioni?
L'Autorita' invita i soggetti interessati ad inviare, ad
integrazione della posizione espressa in risposta alle domande sopra
formulate, contributi in forma di elaborati sull'analisi
costi/benefici dell'eventuale inserimento, nell'ambito degli obblighi
di servizio universale, della distribuzione dell'elenco generale in
forma elettronica.


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato