Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 199 del 26 Agosto 2002

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 28 marzo 2002
Modificazione del regolamento interno di funzionamento della V commissione permanente del CIPE per il coordinamento e l'indirizzo strategico della politica commerciale con l'estero, approvato con delibera 21 aprile 1999, n. 51. (Deliberazione n. 25/2002).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 143, recante
disposizioni in materia di commercio con l'estero e, in particolare,
l'art. 24, comma 1, che costituisce presso questo Comitato una
commissione permanente per il coordinamento e l'indirizzo strategico
della politica commerciale con l'estero e prevede, fra l'altro, che
le delibere adottate da tale Commissione siano sottoposte all'esame
di questo Comitato;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive
modificazioni, recante, tra l'altro, norme per la razionalizzazione,
il riordino, la soppressione e la fusione dei Ministeri e, in
particolare, gli articoli 23 e 27 concernenti, rispettivamente,
l'istituzione e le attribuzioni del Ministero dell'economia e delle
finanze e del Ministero delle attivita' produttive, nonche'
articoli 33 concernente le attribuzioni del Ministero delle politiche
agricole e forestali;
Vista la propria delibera 9 luglio 1998, n. 63 (Gazzetta Ufficiale
n. 199/1998), con la quale questo Comitato ha adeguato il proprio
regolamento interno alle disposizioni di cui al decreto legislativo
5 dicembre 1997, n. 430;
Vista la propria delibera 5 agosto 1998, n. 79 (Gazzetta Ufficiale
n. 241/1998), con la quale questo Comitato ha istituito e
regolamentato le Commissioni previste dalla predetta delibera n.
63/1998;
Vista la propria delibera 21 aprile 1999, n. 51, con la quale e'
stato approvato il regolamento interno di funzionamento della
richiamata V Commissione permanente;
Considerata l'opportunita' di modificare alcune disposizioni del
predetto regolamento, alla luce dei cambiamenti intervenuti nella
composizione della Commissione per effetto degli anzidetti articoli
23, 27 e 33 del decreto legislativo n. 300/1999;
Vista la delibera adottata in proposito dalla predetta Commissione
permanente il 12 marzo 2002, su proposta del Ministro delle attivita'
produttive;
Delibera:
Sono approvate le seguenti modifiche al regolamento interno di
funzionamento della V Commissione permanente del CIPE per il
coordinamento e l'indirizzo strategico della politica commerciale con
l'estero, approvato con la propria delibera n. 51/1999 richiamata in
premessa.
Composizione.
La commissione e' presieduta dal Presidente del Consiglio dei
Ministri o, per sua delega, dal Ministro delle attivita' produttive
ed e' composta, oltre che da quest'ultimo, dal Ministro dell'economia
e delle finanze, dal Ministro degli affari esteri e dal Ministro
delle politiche agricole e forestali.
Alle sedute della Commissione puo' assistere, ai fini del
coordinamento con l'attivita' del CIPE, un vice Ministro del
Ministero dell'economia e delle finanze ovvero, in caso di sua
assenza o impedimento, un Sottosegretario di Stato dello stesso
Ministero.
Quando la Commissione e' presieduta dal Ministro delle attivita'
produttive, partecipa alle riunioni, in rappresentanza del Ministero
delle attivita' produttive, un vice Ministro delle attivita'
produttive ovvero, in caso di sua assenza o impedimento, un
Sottosegretario di Stato dello stesso Ministero.
(Omissis).
(Omissis).
(Omissis).
Svolge le funzioni di segretario della Commissione il direttore
generale del Servizio per il coordinamento degli strumenti e degli
studi in materia di internazionalizzazione delle attivita'
produttive, operante presso il Ministero delle attivita' produttive.
Attivita' istruttoria per le deliberazioni della commissione.
Il supporto tecnico istruttorio e' demandato all'apposita struttura
costituita nell'ambito del Servizio per il coordinamento degli
strumenti e degli studi in materia di internazionalizzazione delle
attivita' produttive, operante presso il Ministero delle attivita'
produttive.
(Omissis).
(Omissis).
Gli schemi dei provvedimenti e degli altri atti di competenza della
Commissione possono essere esaminati in una riunione preparatoria,
presieduta da un vice Ministro del Ministero delle attivita'
produttive ovvero, in caso di sua assenza o impedimento, da un
Sottosegretario di Stato dello stesso Ministero. La riunione, da
convocarsi a cura della Segreteria della Commissione, ha lo scopo di
assicurare l'approfondimento e la definizione degli argomenti da
sottoporre all'esame della Commissione stessa.
(Omissis).
(Omissis).
Atti della commissione.
(Omissis).
Formazione delle delibere e loro trasmissione al CIPE.
(Omissis).
Al fine di facilitare la lettura del regolamento interno di
funzionamento della V Commissione permanente, si unisce il relativo
testo coordinato, come modificato ai sensi della presente delibera.
Roma, 28 marzo 2002
Il Presidente delegato: Tremonti
Registrata alla Corte dei conti il 12 agosto 2002
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n.
5 Economia e finanze, foglio n. 380

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DELLA V
COMMISSIONE PERMANENTE DEL CIPE PER IL COORDINAMENTO E L'INDIRIZZO
STRATEGICO DELLA POLITICA COMMERCIALE CON L'ESTERO.

Composizione.
La Commissione e' presieduta dal Presidente del Consiglio dei
Ministri o, per sua delega, dal Ministro delle attivita' produttive
ed e' composta, oltre che da quest'ultimo, dal Ministro dell'economia
e delle finanze, dal Ministro degli affari esteri e dal Ministro
delle politiche agricole e forestali.
Alle sedute della Commissione puo' assistere, ai fini del
coordinamento con l'attivita' del CIPE, un vice Ministro del
Ministero dell'economia e delle finanze ovvero, in caso di sua
assenza o impedimento, un Sottosegretario di Stato dello stesso
Ministero. Quando la Commissione e' presieduta dal Ministro delle
attivita' produttive, partecipa alle riunioni, in rappresentanza del
Ministero delle attivita' produttive, un vice Ministro delle
attivita' produttive ovvero, in caso di sua assenza o impedimento, un
Sottosegretario di Stato dello stesso Ministero.
In occasione dell'esame di problemi e documenti programmatici di
interesse regionale, su invito del Presidente, assiste alla riunione
il Presidente della Conferenza dei presidenti delle giunte regionali
e delle province autonome.
Qualora figurino all'ordine del giorno argomenti d'interesse
anche di altri Ministeri non rappresentati nella Commissione, ovvero
di una regione o provincia autonoma, assistono alla riunione, su
invito del Presidente, i rispettivi Ministri, ovvero i presidenti
regionali o provinciali interessati.
Puo' assistere alle riunioni, per ognuna delle Amministrazioni
presenti nella Commissione, un funzionario con compiti di supporto
tecnico, oltre ad un rappresentante del Servizio centrale di
segreteria del CIPE.
Svolge le funzioni di segretario della Commissione il Direttore
generale del Servizio per il coordinamento degli strumenti e degli
studi in materia di internazionalizzazione delle attivita'
produttive, operante presso il Ministero delle attivita' produttive.
Attivita' istruttoria per le deliberazioni della commissione.
Il supporto tecnico istruttorio e' demandato all'apposita
struttura costituita nell'ambito del Servizio per il coordinamento
degli strumenti e degli studi in materia di internazionalizzazione
delle attivita' produttive, operante presso il Ministero delle
attivita' produttive.
La segreteria della Commissione puo' richiedere alle
Amministrazioni interessate e/o ad enti pubblici e di ricerca,
Universita', e ad altri soggetti, l'approfondimento di specifiche
tematiche; per questioni di particolare complessita', nella fase
istruttoria, possono essere affidati specifici studi ed
approfondimenti ad esperti di settore.
La predetta segreteria trasmette ai membri della Commissione, in
tempo utile per il loro preventivo esame e per ogni argomento
all'ordine del giorno, la documentazione relativa, ivi inclusa la
relazione istruttoria e lo schema di delibera. Ove necessario,
dovranno essere previamente acquisiti i concerti, le intese ed i
pareri previsti. La trasmissione degli atti e della documentazione
sopra indicati dovra' essere accompagnata da una scheda di
valutazione tecnica, economica e finanziaria che faccia stato, tra
l'altro, del rispetto dei vincoli comunitari.
Gli schemi dei provvedimenti e degli altri atti di competenza
della Commissione possono essere esaminati in una riunione
preparatoria, presieduta da un vice Ministro del Ministero delle
attivita' produttive ovvero, in caso di sua assenza o impedimento, da
un Sottosegretario di Stato dello stesso Ministero. La riunione, da
convocarsi a cura della segreteria della Commissione, ha lo scopo di
assicurare l'approfondimento e la definizione degli argomenti da
sottoporre all'esame della Commissione stessa.
Di tale riunione viene redatto un processo verbale sintetico che
contiene:
a) luogo, data, ora di apertura e chiusura della riunione;
b) ordine del giorno;
c) elenco dei presenti;
d) risultanze della discussione distinte per argomento.
Assiste alle riunioni un rappresentante del Servizio centrale di
segreteria del CIPE.
Atti della commissione.
Gli atti ufficiali della Commissione sono:
a) il processo verbale;
b) le delibere.
Il processo verbale riporta per ciascuna riunione:
a) luogo, data, ora di apertura e di chiusura della riunione;
b) l'ordine del giorno dettagliato;
c) l'elenco dei presenti, con l'indicazione di chi ha
presieduto la riunione e del Segretario;
d) la constatazione espressa della verifica del numero legale;
e) il resoconto succinto della discussione, distinto per
argomenti, con l'esito delle eventuali votazioni, senza indicazione
nominativa dei voti espressi, salvo nel caso di esplicito e motivato
dissenso;
f) il testo integrale degli atti approvati, anche con rinvio ad
allegati.
Il processo verbale e' redatto dal segretario della Commissione,
che lo sottoscrive e lo sottopone alla firma del Presidente.
Il processo verbale si intende approvato con la sottoscrizione
del Presidente che, ove lo reputi opportuno, puo' rimettere
all'approvazione della Commissione l'intero testo, ovvero singoli
punti dello stesso.
Formazione delle delibere e loro trasmissione al CIPE.
Le delibere adottate dalla Commissione, dopo la sottoscrizione
del Presidente, sono numerate in ordine progressivo e, in copia
integrale, raccolte in ordine cronologico.
Ai fini dell'esame da parte del CIPE, ai sensi e per gli effetti
dell'art. 24 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 143, le
delibere devono essere trasmesse a cura della segreteria della
Commissione al Servizio centrale di segreteria del CIPE, correlate
dalla documentazione di supporto.
Trascorsi dieci giorni dal loro ricevimento da parte della
segreteria del CIPE, le delibere, qualora non siano state avanzate
richiese di esame in sede collegiale, vengono iscritte nella prima
parte dell'ordine del giorno della prima riunione utile, a norma
dell'art. 4 della delibera CIPE n. 63 del 9 luglio 1996. Dopo trenta
giorni dal loro ricevimento, le delibere, ove il CIPE non le abbia
esaminate, si considerano comunque approvate ed hanno regolare corso
sempreche', ricorrendone i presupposti, non debbano essere inoltrate
alla Corte dei conti, per il controllo preventivo o successivo, di
cui all'art. 3 della legge n. 20/1994, e successivamente inviate per
la pubblicazione alla Gazzetta Ufficiale, secondo la vigente
normativa.
Per quanto non previsto dal presente regolamento si rinvia alla
predetta delibera CIPE n. 63/1998, recante il regolamento interno del
CIPE, alla delibera CIPE n. 79 del 5 agosto 1998, recante
l'istituzione e il regolamento delle Commissioni previste dalla
stessa delibera CIPE n. 63/1998, nonche' alla delibera CIPE 28 marzo
2002, n. 25, recante modifiche al regolamento interno della
Commissione.


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato