Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 67 del 20 Marzo 2002

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 21 dicembre 2001
Fondo sanitario nazionale 2000 - Parte corrente - Assistenza sanitaria agli stranieri presenti nel territorio nazionale. (Art. 33, legge 6 marzo 1998, n. 40). (Deliberazione n. 117/2001).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio
sanitario nazionale;
Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e
successive modificazioni ed integrazioni, concernente il riordino
della disciplina in materia sanitaria, a norma dell'art. 1 della
legge 23 ottobre 1992, n. 421;
Visto l'art. 1, comma 143, della legge 23 dicembre 1996, n. 662,
in base al quale sono state elevate le misure del concorso, da parte
delle regioni Sicilia e Sardegna, al finanziamento del Servizio
sanitario nazionale previste dall'art. 34, comma 3, della legge
23 dicembre 1994, n. 724, come modificate dall'art. 2, comma 3, della
legge 28 dicembre 1995, n. 549;
Visto l'art. 32, comma 16, della legge 27 dicembre 1997, n. 449,
il quale dispone, tra l'altro, che le province autonome di Trento e
di Bolzano, la regione Valle d'Aosta e la regione Friuli-Venezia
Giulia provvedano al finanziamento del Servizio sanitario nazionale
nei rispettivi territori, ai sensi dell'art. 34, comma 3, della legge
n. 724/1994 e dell'art. 1, comma 144, della citata legge n. 662/1996,
senza alcun apporto a carico del bilancio dello Stato;
Visti il decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e la legge
6 marzo 1998, n. 40, concernenti la disciplina dell'immigrazione e
norme sulla condizione dello straniero;
Visti gli articoli n. 35, del citato decreto legislativo n.
286/1998, e n. 33, della predetta legge n. 40/1998, in base ai quali
si prevede che la copertura degli oneri relativi all'assistenza
sanitaria, per gli stranieri non iscritti al Servizio sanitario
nazionale, sia posta a carico delle disponibilita' del FSN;
Vista la propria delibera in data 25 maggio 2000, n. 53 (Gazzetta
Ufficiale n. 172 del 25 luglio 2000), concernente la quota di parte
corrente del FSN 2000, con la quale e' stata accantonata una somma
pari a 2.139 miliardi di lire in attesa di puntuali proposte da parte
del Ministero della salute;
Tenuto conto di quanto proposto dal Ministero della salute circa
l'assegnazione alle regioni interessate, a valere sulle residue
disponibilita' del Fondo sanitario nazionale 2000, della somma di 60
miliardi di lire per il finanziamento dell'assistenza sanitaria agli
stranieri, temporaneamente presenti nel territorio nazionale;
Considerato che la predetta assegnazione e' effettuata sulla base
delle istanze di regolarizzazione presentate, sul numero minimo
stimato degli stranieri non in regola con le norme relative
all'ingresso ed al soggiorno e sulla spesa per i ricoveri per
gravidanza, parto e puerperio;
Vista l'intesa espressa dalla Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome nella seduta
del 6 dicembre 2001;

Delibera:
A valere sulla disponibilita' di 2.139 miliardi di lire
accantonata con delibera n. 53/2000, richiamata in premessa, e'
assegnata alle regioni, per le finalita' sopra indicate, la somma di
60 miliardi di lire (Meuro 30,987).
La predetta somma e' ripartita come da allegata tabella che fa
parte integrante della presente deliberazione.
Roma, 21 dicembre 2001
Il Presidente delegato: Tremonti

Registrata alla Corte dei conti l'8 marzo 2002
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n.
1 Economia e finanze, foglio n. 365

Tabella


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato