Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 15 del 20 Gennaio 2004

 

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

DECRETO 30 dicembre 2003
Modalita' di iscrizione dei prodotti a denominazione di origine protetta e ad indicazione geografica protetta nell'albo dei prodotti di montagna.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Visto il regolamento (CEE) n. 2081/92 del Consiglio del 14 luglio
1992, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle
denominazioni di origine dei prodotti agricoli e alimentari;
Vista la raccomandazione n. 1575/2002, approvata dal Consiglio
d'Europa il 3 settembre 2002;
Visto l'art. 85 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, recante
disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale
dello Stato (legge finanziaria 2003), che istituisce presso il
Ministero delle politiche agricole e forestali l'albo dei prodotti di
montagna, autorizzati a fregiarsi della menzione aggiuntiva «prodotto
della montagna»;
Considerato che il predetto art. 85 individua quale strumento
idoneo a tutelare l'originalita' del patrimonio storico-culturale dei
territori montani, i riconoscimenti comunitari dei prodotti agricoli
e alimentari ottenuti ai sensi del citato regolamento (CEE) n.
2081/92, autorizzandoli a fregiarsi della menzione aggiuntiva
«prodotto della montagna»;
Considerato altresi' che l'art. 14 della legge 21 dicembre 1999, n.
526, recante disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti
dall'appartenenza dell'Italia alle Comunita' europee - legge
comunitaria 1999 - individua nel Ministero delle politiche agricole e
forestali l'autorita' nazionale preposta al coordinamento
dell'attivita' di controllo, in attuazione di quanto previsto
all'art. 10 del citato regolamento (CEE) n. 2081/92, e responsabile
della vigilanza su detta attivita' di controllo;
Ritenuto di dover individuare le modalita' di iscrizione delle
produzioni agroalimentari originate nei comuni montani individuate
conformemente alle disposizioni di cui al comma 1 del richiamato art.
85 della legge 27 dicembre 2002, n. 289;

Decreta:

Art. 1.
I prodotti registrati in ambito Unione europea, ai sensi del
regolamento (CEE) n. 2081/92 del Consiglio del 14 luglio 1992,
relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle
denominazioni di origine dei prodotti agricoli e alimentari ottenuti
nel rispetto del corrispondente disciplinare di produzione, approvato
con il rispettivo regolamento di registrazione comunitaria, possono
essere iscritti all'albo dei prodotti di montagna, istituito ai sensi
del comma 1 dell'art. 85 della legge 27 dicembre 2002, n. 289,
recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2003).

Art. 2.
1. I prodotti di cui all'art. 1 possono utilizzare la menzione
aggiuntiva «prodotto della montagna» limitatamente all'area di
produzione e/o trasformazione classificata geograficamente come
territorio montano.
2. Le equiparazioni consentite dalla vigente normativa comunitaria,
nazionale e regionale, in assenza del requisito indicato al comma
precedente, non sono utilizzabili ai fini dell'iscrizione all'albo e
del conseguente uso della menzione aggiuntiva.

Art. 3.
1. Sono legittimati a presentare istanza di iscrizione all'albo dei
prodotti della montagna di cui all'art. 85, comma 1 della legge
27 dicembre 2002, n. 289, i Consorzi incaricati dal Ministero delle
politiche agricole e forestali ai sensi dell'art. 14 della legge
21 dicembre 1999, n. 526, recante disposizioni per l'adempimento di
obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunita'
europee - legge comunitaria 1999 - o in loro assenza dalla comunita'
montana territorialmente competente.
2. Sono altresi' legittimati a presentare l'istanza di cui al comma
1 i soggetti, singoli o associati, inseriti nel sistema di controllo
delle denominazioni individuate all'art. 1 che dimostrano il possesso
del requisito riportato al primo comma dell'art. 2 del presente
decreto.
3. L'istanza di cui al comma 2 e' inviata al soggetto indicato al
comma 1 che ha l'onere di trasmetterla al Ministero delle politiche
agricole e forestali ed alla regione competente per territorio,
corredata di motivato parere, entro trenta giorni dalla data di
ricezione.

Art. 4.
1. I soggetti di cui all'art. 3, comma 1, presentano,
contestualmente all'istanza di iscrizione all'albo dei prodotti della
montagna, domanda intesa ad ottenere la modifica del disciplinare di
produzione della corrispondente denominazione di origine protetta o
indicazione geografica protetta, in conformita' delle disposizioni
contenute nel regolamento (CEE) n. 2081/92.
2. I soggetti di cui al comma precedente presentano, ai sensi del
regolamento (CE) n. 535/1997, domanda di protezione transitoria a
livello nazionale delle modifiche richieste ai fini dell'iscrizione
di cui al comma 1 del presente articolo.
3. Il provvedimento di protezione di cui al comma precedente e'
propedeutico al rilascio dell'autorizzazione prevista all'art. 85,
comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

Art. 5.
1. Le istanze, redatte in carta libera e firmate dal legale
rappresentante dei Consorzi di tutela di cui all'art. 3, comma 1,
sentite le Comunita' montane interessate o, in assenza dei primi,
delle Comunita' stesse e adeguatamente documentate, sono inoltrate al
Ministero delle politiche agricole e forestali - Dipartimento della
qualita' dei prodotti agroalimentari e dei servizi - Direzione
generale per la qualita' dei prodotti agroalimentari e la tutela del
consumatore - Ufficio Q.T.C. III - via XX Settembre, 20 - 00187 Roma,
e, per conoscenza, alla regione competente per territorio.
Il presente decreto e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.

Roma, 30 dicembre 2003
Il Ministro: Alemanno


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato

Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative
Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente
Staff redazionale: staff@aesinet.it