Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 80 del 5 Aprile 2004

 

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIRETTIVA 24 marzo 2004
Misure finalizzate al miglioramento del benessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni.

A tutti i Ministeri
Uffici di gabinetto
Uffici del personale,
dell'organizzazione e della formazione
Alle aziende ed amministrazioni
autonome dello Stato
A tutti gli enti pubblici non economici
Al Consiglio di Stato Segretariato
generale
Alla Corte dei conti Segretariato
generale
All'Avvocaura generale dello Stato -
Segretariato ge nerale
Agli organismi di valutazione di cui al
decreto legislativo n. 286/1999
Agli uffici centrali del bilancio
Alla Scuola superiore della pubblica
amministrazione
Al Formez
All'A.R.A.N.
e, per conoscenza:
A tutte le regioni
A tutte le province
A tutti i comuni
Alla Presidenza della Repubblica -
Segretariato generale
Alla Presidenza del Consiglio dei
Ministri - Segretariato generale
All'A.N.C.I.
All'U.P.I.
All'U.N.C.E.M.
Alla Conferenza dei rettori delle
Universita' italiane

IL MINISTRO PER LA FUNZIONE PUBBLICA

Vista la legge 20 maggio 1970, n. 300, recante «Norme sulla tutela
della liberta' e dignita' dei lavoratori, della liberta' sindacale e
dell'attivita' sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul
collocamento»;
Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante «Disciplina
dell'attivita' di Governo e ordinamento della Presidenza del
Consiglio dei Ministri»;
Visto il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, recante
«Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE,
89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE,
93/88/CEE, 97/42/CE e 1999/38/CE riguardanti il miglioramento della
sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro»;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante «Norme
generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche»;
Vista la direttiva del Ministro per la funzione pubblica
13 dicembre 2001, recante «Formazione e valorizzazione del personale
delle pubbliche amministrazioni»;
Vista la direttiva del Ministro per la funzione pubblica 7 febbraio
2002 sulle attivita' di comunicazione delle pubbliche
amministrazioni;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
29 novembre 2002, recante «Delega di funzioni del Presidente del
Consiglio dei Ministri in materia di funzione pubblica al Ministro
senza portafoglio avv. Luigi Mazzella»;

E m a n a
la seguente direttiva:

1. Premessa.
Il Dipartimento della funzione pubblica intende sostenere la
capacita' delle amministrazioni pubbliche di attivarsi, oltre che per
raggiungere obiettivi di efficacia e di produttivita', anche per
realizzare e mantenere il benessere fisico e psicologico delle
persone, attraverso la costruzione di ambienti e relazioni di lavoro
che contribuiscano al miglioramento della qualita' della vita dei
lavoratori e delle prestazioni.
Il Dipartimento ritiene, infatti, che, per lo sviluppo e
l'efficienza delle amministrazioni, le condizioni emotive
dell'ambiente in cui si lavora, la sussistenza di un clima
organizzativo che stimoli la creativita' e l'apprendimento,
l'ergonomia - oltre che la sicurezza - degli ambienti di lavoro,
costituiscano elementi di fondamentale importanza ai fini dello
sviluppo e dell'efficienza delle amministrazioni pubbliche.
Per migliorare le prestazioni e gli effetti delle politiche
pubbliche, e' importante offrire agli operatori la possibilita' di
lavorare in contesti organizzativi che favoriscono gli scambi, la
trasparenza e la visibilita' dei risultati del lavoro, in ambienti
dove esiste un'adeguata attenzione agli spazi architettonici, ai
rapporti tra le persone e allo sviluppo professionale.
Il Dipartimento della funzione pubblica ha collocato tra le
priorita' di cambiamento da sostenere nelle amministrazioni
pubbliche, quella di creare specifiche condizioni che possano
incidere sul miglioramento del sistema sociale interno, delle
relazioni interpersonali e, in generale, della cultura organizzativa.
Il Dipartimento intende cosi' segnalare all'attenzione delle
amministrazioni pubbliche un aspetto rilevante per lo sviluppo delle
motivazioni al lavoro spesso trascurato nella tradizionale gestione
del personale nelle amministrazioni pubbliche. Si tratta, quindi, di
rendere le amministrazioni pubbliche datori di lavoro esemplari
attraverso una rinnovata attenzione ad aspetti non monetari del
rapporto di lavoro, consentendo l'avvio di modelli gestionali delle
risorse umane diretti a favorire il miglioramento degli ambienti di
lavoro, l'aumento dei livelli di produttivita', nel contesto delle
relazioni sindacali.

2. Finalita' della direttiva.
Con questa direttiva il Dipartimento della funzione pubblica, in
linea con la volonta' del Governo di attuare un radicale processo di
cambiamento della pubblica amministrazione, pone l'attenzione sulla
gestione delle risorse umane, dando contenuto a quanto previsto dal
decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e, in particolare,
all'art. 7. La direttiva individua:

a) le motivazioni per l'adozione di misure finalizzate ad
accrescere il benessere organizzativo;
b) le indicazioni da seguire per accrescere il benessere
organizzativo;
c) gli strumenti per l'attuazione della direttiva.
3. Le motivazioni per l'adozione di misure finalizzate ad accrescere
il benessere organizzativo.
Questa direttiva nasce anche dalla necessita' di valutare l'impatto
organizzativo delle riforme legislative degli ultimi anni e delle
trasformazioni legate all'utilizzo delle nuove tecnologie sul
personale delle amministrazioni pubbliche e di responsabilizzare la
dirigenza sulla efficace gestione delle risorse umane.
Le amministrazioni sono invitate, adottando le opportune forme di
relazioni sindacali, a valutare e migliorare il benessere all'interno
della propria organizzazione rilevando le opinioni dei dipendenti
sulle dimensioni che determinano la qualita' della vita e delle
relazioni nei luoghi di lavoro e realizzando opportune misure di
miglioramento per:
valorizzare le risorse umane, aumentare la motivazione dei
collaboratori, migliorare i rapporti tra dirigenti e operatori,
accrescere il senso di appartenenza e di soddisfazione dei lavoratori
per la propria amministrazione;
rendere attrattive le amministrazioni pubbliche per i talenti
migliori;
migliorare l'immagine interna ed esterna e la qualita'
complessiva dei servizi forniti dall'amministrazione;
diffondere la cultura della partecipazione, quale presupposto
dell'orientamento al risultato, al posto della cultura
dell'adempimento;
realizzare sistemi di comunicazione interna;
prevenire i rischi psico-sociali di cui al decreto legislativo n.
626/1994.
Il Dipartimento della funzione pubblica intende richiamare
l'attenzione dei comitati di settore affinche', negli atti di
indirizzo per la stipula dei contratti collettivi del personale delle
aree dirigenziali, venga richiamato con particolare evidenza lo
specifico impegno di tutti ad assicurare, negli ambiti di propria
competenza e secondo le linee sopra indicate, adeguati livelli di
benessere organizzativo, e cio' in diretta correlazione funzionale
con gli obiettivi ed i risultati dell'azione dirigenziale.
4. Le indicazioni da seguire per accrescere il benessere
organizzativo.
I. L'attenzione al benessere organizzativo come elemento di
cambiamento culturale.
In tutte le amministrazioni pubbliche la complessita' dei problemi
da affrontare e' in aumento. L'insoddisfazione per gli strumenti
tradizionali di gestione del personale e' evidente e crescono le
esigenze di individuare nuove politiche di sviluppo e di intervento.
In un sistema ad alta intensita' di lavoro intellettuale, la
convivenza organizzativa non puo' svolgersi soltanto sotto la
dimensione del governo gerarchico e delle scansioni procedurali: una
variabile altrettanto fondamentale e' rappresentata dal sentire
individuale e dalle relazioni informali tra le persone che
interagiscono nello stesso ambiente di lavoro.
II. L'attenzione alle variabili critiche.
Per assicurare il benessere organizzativo le amministrazioni devono
prestare attenzione alle seguenti variabili:
A. Caratteristiche dell'ambiente nel quale il lavoro si svolge:
l'amministrazione allestisce un ambiente di lavoro salubre,
confortevole e accogliente.
B. Chiarezza degli obiettivi organizzativi e coerenza tra enunciati
e pratiche organizzative:
l'amministrazione definisce obiettivi espliciti e chiari ed
assicura coerenza tra enunciati e prassi operative.
C. Riconoscimento e valorizzazione delle competenze:
l'amministrazione riconosce e valorizza le competenze e gli
apporti dei dipendenti e stimola nuove potenzialita', assicurando
adeguata varieta' dei compiti ed autonomia nella definizione dei
ruoli organizzativi nonche' pianificando adeguati interventi di
formazione.
D. Comunicazione intraorganizzativa circolare:
l'amministrazione ascolta le istanze dei dipendenti e stimola il
senso di utilita' sociale del loro lavoro.
E. Circolazione delle informazioni:
l'amministrazione mette a disposizione dei dipendenti le
informazioni pertinenti il loro lavoro.
F. Prevenzione degli infortuni e dei rischi professionali:
l'amministrazione adotta tutte le azioni per prevenire gli
infortuni e i rischi professionali.
G. Clima relazionale franco e collaborativo:
l'amministrazione stimola un ambiente relazionale franco,
comunicativo e collaborativo.
H. Scorrevolezza operativa e supporto verso gli obiettivi:
l'amministrazione assicura la scorrevolezza operativa e la
rapidita' di decisione e supporta l'azione verso gli obiettivi.
I. Giustizia organizzativa:
l'amministrazione assicura, nel rispetto dei contratti collettivi
nazionali di lavoro, equita' di trattamento a livello retributivo, di
assegnazione di responsabilita', di promozione del personale e di
attribuzione dei carichi di lavoro.
L. Apertura all'innovazione:
l'amministrazione e' aperta all'ambiente esterno e
all'innovazione tecnologica e culturale.
M. Stress:
l'amministrazione tiene sotto controllo i livelli percepiti di
fatica fisica e mentale nonche' di stress.
N. Conflittualita':
l'amministrazione gestisce l'eventuale presenza di situazioni
conflittuali manifeste o implicite.

III. Il processo per la rilevazione e il miglioramento del benessere
organizzativo.


Per accrescere il benessere organizzativo le amministrazioni devono
seguire processo articolato nelle seguenti fasi:

a) individuazione dei ruoli nel processo di rilevazione e
miglioramento del benessere;
b) definizione della procedura di rilevazione e d'intervento;
c) predisposizione degli strumenti di rilevazione;
d) raccolta dei dati;
e) elaborazione dei dati;
f) restituzione dei risultati;
g) definizione del piano di miglioramento;
h) monitoraggio e verifica del piano di miglioramento.
IV. Contenuti e strumenti del piano di miglioramento.
Sulla base delle rilevazioni condotte, le amministrazioni, sentite
le organizzazioni sindacali, devono adottare un piano di
miglioramento del benessere organizzativo che puo' riguardare uno o
piu' dei seguenti aspetti:
a) struttura e ruoli organizzativi;
b) innovazione tecnologica;
c) processi organizzativi;
d) cultura organizzativa;
e) politiche di gestione e sviluppo delle risorse umane;
f) comunicazione interna e esterna;
g) modifica di norme e procedure.
5. Strumenti per l'attuazione della direttiva.
Per aiutare operativamente le amministrazioni a pianificare,
condurre ed utilizzare efficacemente le rilevazioni di benessere
organizzativo in attuazione di questa direttiva il Dipartimento della
funzione pubblica ha realizzato il manuale operativo «Benessere
organizzativo. Per migliorare la qualita' del lavoro nelle
amministrazioni pubbliche» (collana Analisi e strumenti per
l'innovazione, del Dipartimento della funzione pubblica). Il manuale
puo' essere acquisito dalle amministrazioni interessate secondo le
modalita' indicate sul sito www.funzionepubblica.it
Il Dipartimento della funzione pubblica dedichera' apposite
riunioni dei direttori generali del personale delle amministrazioni
dello Stato e degli enti pubblici non economici a queste tematiche e
promuovera' il confronto con le organizzazioni sindacali per favorire
l'attuazione di questa direttiva nel piu' ampio contesto delle
politiche di gestione delle risorse umane, anche attraverso idonei
strumenti di monitoraggio.

Roma, 24 marzo 2004
Il Ministro: Mazzella


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato

Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative
Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente
Staff redazionale: staff@aesinet.it