Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 5 Dicembre 2005

 

MINISTERO DELLA SALUTE

DECRETO 21 novembre 2005
Aggiornamento dei sistemi di classificazione adottati per la codifica delle informazioni cliniche, contenute nella scheda di dimissione ospedaliera, e per la remunerazione delle prestazioni ospedaliere.

IL MINISTRO DELLA SALUTE
Visto l'art. 58 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, che
stabilisce di definire con decreto del Ministro della sanita' i
criteri per la rilevazione, la standardizzazione e la comparazione
dei dati del sistema informativo sanitario;
Visto il decreto del Ministro della sanita' del 28 dicembre 1991,
con il quale e' stata istituita, ai sensi dell'art. 58 della legge
23 dicembre 1978, n. 833 la scheda di dimissione ospedaliera quale
strumento ordinario per la raccolta delle informazioni relative ad
ogni paziente dimesso dagli istituti di ricovero pubblici e privati
esistenti sul territorio nazionale;
Visto in particolare l'art. 5 del decreto ministeriale
28 dicembre 1991 con il quale si prevede che con successivi decreti
ministeriali saranno specificati i sistemi di codifica da adottare
per le informazioni contenute nella scheda di dimissione ospedaliera;
Visto il decreto del Ministro della sanita' del 26 luglio 1993,
relativo alla disciplina del flusso informativo sui dimessi dagli
istituti di ricovero e cura pubblici e privati, con il quale sono
stati definiti i tempi e le modalita' della trasmissione delle
informazioni contenute nella scheda di dimissione ospedaliera;
Visto il decreto del Ministro della sanita' del 15 aprile 1994
recante «Determinazione dei criteri generali per la fissazione delle
tariffe delle prestazioni di assistenza specialistica, riabilitativa
e ospedaliera»;
Visto l'art. 8-sexies del decreto legislativo 19 giugno 1999, n.
229 recante «Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario
nazionale, a norma dell'art. 1 della legge 30 novembre 1998, n. 419»,
che al comma 5 demanda al Ministro della sanita' l'individuazione dei
sistemi di classificazione che definiscono l'unita' di prestazione o
di servizio da remunerare e la determinazione delle tariffe massime
da corrispondere alle strutture accreditate e al comma 6 dispone la
revisione periodica del sistema di classificazione delle prestazioni
e l'aggiornamento delle relative tariffe;
Visto il disciplinare tecnico del decreto ministeriale 27 ottobre
2000, n. 380 che prevede l'applicazione della versione italiana 1997
della International Classification of Diseases - 9th revision -
Clinical Modification (ICD9CM) e dei suoi successivi aggiornamenti
per la codifica delle informazioni cliniche contenute nella scheda di
dimissione ospedaliera, quali la diagnosi principale di dimissione,
le diagnosi secondarie, l'intervento chirurgico principale o parto,
gli altri interventi chirurgici o procedure diagnostiche e
terapeutiche;
Visto l'Accordo sancito dalla Conferenza Stato-Regioni il
6 giugno 2002 tra il Ministro della salute, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano sulle linee guida per la codifica
delle informazioni cliniche presenti nella scheda di dimissione
ospedaliera;
Visto l'Accordo sancito dalla Conferenza Stato-Regioni il
16 dicembre 2004 tra il Ministro della salute, le regioni e le
province autonome di Trento e di Bolzano per l'adozione, a partire
dal 1° gennaio 2006, della versione italiana 2002 della International
Classification of Diseases - 9th revision - Clinical Modification
(ICD9CM) ai fini della compilazione della scheda di dimissione
ospedaliera;
Visto l'Accordo sancito dalla Conferenza Stato-Regioni il
16 giugno 2005 tra il Ministro della salute, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano per l'adozione, a partire dal
1° gennaio 2006, della versione 19 della Classificazione Diagnosis
Related Groups (DRG), ai fini della remunerazione delle prestazioni
di assistenza ospedaliera;
Ritenuto di dover aggiornare periodicamente, in conseguenza della
naturale evoluzione dei sistemi di classificazione e codifica, sia il
sistema di classificazione per la codifica delle informazioni
cliniche contenute nella scheda di dimissione ospedaliera, sia il
sistema di classificazione delle prestazioni di assistenza
ospedaliera ai fini della relativa remunerazione;
Considerata la rilevanza che la raccolta di informazioni avvenga
in modo omogeneo ai fini della comparabilita' dei dati e degli
indicatori rilevati, anche ai fini della corretta applicazione del
«Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria»
disciplinato dal decreto del Ministero della salute, di concerto con
il Ministro dell'economia e delle finanze, del 12 dicembre 2001;
Considerato che la omogeneita' delle definizioni informative
assume una specifica rilevanza alla luce del decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri 29 novembre 2001, «Definizione dei livelli
essenziali di assistenza»;
Considerata la necessita' di allineare il sistema di
classificazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera al
relativo sistema di classificazione delle malattie, dei traumatismi,
degli interventi chirurgici e delle procedure diagnostiche e
terapeutiche, ossia alla versione italiana 2002 della International
Classification of Diseases - 9th revision - Clinical Modification
(ICD9CM), e successive modificazioni ed integrazioni, o le eventuali
revisioni;
Considerata inoltre la necessita' di adottare i suddetti sistemi
di classificazione in modo uniforme ed omogeneo su tutto il
territorio nazionale;

Decreta:

Art. 1.
Le informazioni di carattere clinico contenute nella scheda di
dimissione ospedaliera, quali la diagnosi principale, le diagnosi
secondarie, l'intervento chirurgico principale o parto, gli
interventi chirurgici secondari o le procedure diagnostiche e
terapeutiche secondarie devono essere codificate utilizzando la
Classificazione internazionale delle malattie, dei traumatismi, degli
interventi chirurgici e delle procedure diagnostiche e terapeutiche,
versione italiana 2002 della International Classification of Diseases
- 9th revision - Clinical Modification (ICD9CM), e le successive
modificazioni ed integrazioni, o le eventuali revisioni.

Art. 2.
Ai fini della remunerazione delle prestazioni di assistenza
ospedaliera e' adottata la versione 19 del sistema di classificazione
delle prestazioni ospedaliere Diagnosis Related Groups (DRG), e le
successive modificazioni ed integrazioni, o le eventuali revisioni.
Nell'allegato 1, parte integrante del presente decreto, e'
riportato l'elenco dei DRG della versione 19 e per ciascuno di essi,
la definizione, la categoria diagnostica principale (MDC: Major
Diagnostic Category) e la tipologia del DRG, medico (M) o chirurgico
(C).

Art. 3.
Il sistema di classificazione delle malattie, dei traumatismi,
degli interventi chirurgici e delle procedure diagnostiche e
terapeutiche ed il sistema di classificazione delle prestazioni
ospedaliere che vi fa riferimento sono aggiornati con periodicita'
biennale a decorrere dal 1° gennaio 2006.

Art. 4.
Le disposizioni contenute nel presente decreto, di cui l'allegato
1 e' parte integrante, entrano in vigore a decorrere dal 1° gennaio
2006.
Il presente decreto ministeriale sara' pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque
spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Roma, 21 novembre 2005
Il Ministro: Storace

Allegato

 


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato

Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative
Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente
Staff redazionale: staff@aesinet.it