Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 283 del 5 Dicembre 2005

 

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 10 novembre 2005
Disposizioni alla Cassa conguaglio per il settore elettrico in materia di erogazioni di somme, connesse all'attuazione del programma di campagne informative e di sensibilizzazione, a supporto dell'efficienza energetica negli usi finali eseguite dai distributori, ai sensi dell'articolo 13 del decreto ministeriale 20 luglio 2004. (Deliberazione n. 235/05).

L'AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 10 novembre 2005;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481/95;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
i decreti ministeriali 24 aprile 2001;
il decreto ministeriale 20 luglio 2004 recante «nuova
individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento
dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi
dell'art. 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79»
(di seguito: decreto ministeriale 20 luglio 2004);
la legge 23 agosto 2004, n. 239;
la deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas
(di seguito: l'Autorita) 11 luglio 2001, n. 156/01;
la deliberazione dell'Autorita' 13 dicembre 2004, n. 213/04;
la deliberazione dell'Autorita' 30 gennaio 2004, n. 5/04 e
successive modifiche ed integrazioni;
la deliberazione dell'Autorita' 4 agosto 2005, n. 180/05;
la comunicazione 1° marzo 2005 degli uffici dell'Autorita' alla
direzione generale per l'energia e le risorse minerarie del Ministero
delle attivita' produttive (protocollo Autorita' RM/M05/896);
le comunicazioni del Ministero delle attivita' produttive e il
Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio protocollo n.
0018038 e n. 0018036 del 2 novembre 2005;
Considerato che:
l'art. 13, comma 6, del decreto ministeriale 20 luglio 2004,
stabilisce che il 50% delle risorse di cui al comma 1 del medesimo
articolo e' destinato, previo parere favorevole del Ministero delle
attivita' produttive e del Ministero dell'ambiente e della tutela del
territorio, alla copertura dei costi di un programma di campagne
informative e di sensibilizzazione degli utenti finali eseguite dai
distributori;
la ripartizione delle risorse di cui al precedente alinea tra i
distributori di energia elettrica e' stata fatta dal Ministero delle
attivita' produttive, d'intesa con il Ministero dell'ambiente e della
tutela del territorio, tenuto conto dei criteri stabiliti nell'art.
13, comma 6, del decreto ministeriale 20 luglio 2004 e di quanto
comunicato dagli uffici dell'Autorita' con nota del 1° marzo 2005 e
che tale ripartizione e' stata resa nota all'Autorita' e ai
distributori interessati con lettera protocollo n. 7336 del 28 aprile
2005;
l'art. 13, comma 7, del decreto ministeriale 20 luglio 2004,
stabilisce che alla copertura dei costi del programma di campagne
informative e di sensibilizzazione degli utenti finali di cui al
comma 6 dello stesso articolo provvede la cassa conguaglio per il
settore elettrico (di seguito: CCSE);
l'art. 13, comma 8, del decreto ministeriale 20 luglio 2004,
stabilisce che l'Autorita' adotta gli opportuni provvedimenti
affinche' la CCSE possa provvedere all'esecuzione delle attivita' ad
essa assegnate dallo stesso art. 13, nonche' ai fini della copertura,
mediante le risorse di cui al comma 1 del medesimo art. 13, degli
oneri relativi sostenuti dalla stessa CCSE;
con comunicazione protocollo n. 0018038 e n. 0018036 del
2 novembre 2005 il Ministero delle attivita' produttive e il
Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio hanno trasmesso
ai soggetti proponenti (Enel distribuzione S.p.a., Deval S.p.a.,
Federutility per conto di Acegas S.p.a. Trieste, Aem distribuzione
elettrica S.p.a. Milano, Aem Torino distribuzione S.p.a., Enia - ex
Amps S.p.a. - Parma, Asm Brescia Spam, Acea distribuzione S.p.a.
Roma), all'Autorita' e alla CCSE il loro parere favorevole sulle
campagne informative e di sensibilizzazione degli utenti finali
proposte dai medesimi distributori ai sensi dell'art. 13, comma 6,
del decreto ministeriale 20 luglio 2004, comunicando altresi' le
risorse complessivamente disponibili per ciascun distributore, a
valere sulle risorse di cui all'art. 13, comma 1, del medesimo
decreto;
con la stessa comunicazione di cui al precedente alinea, il
Ministero delle attivita' produttive e il Ministero dell'ambiente e
della tutela del territorio hanno richiesto ai distributori di
presentare ai Ministeri stessi, all'Autorita' e alla CCSE, una
relazione contenente la descrizione delle iniziative svolte, le
modalita' di esecuzione e i mezzi utilizzati.
Considerato inoltre che:
l'art. 13, comma 5, del decreto ministeriale 20 luglio 2004,
stabilisce che il 50% delle risorse di cui al comma 1 del medesimo
articolo e' destinato, al netto degli oneri di cui al comma 8 dello
stesso, all'effettuazione di diagnosi energetiche e alla
progettazione esecutiva delle misure e degli interventi definiti nel
programma di cui al comma 2, e che il comma 7 del medesimo art. 13
dispone che la CCSE provveda alla ripartizione tra le regioni e le
province autonome delle risorse per l'esecuzione di tale programma,
tenuto conto di quanto previsto dal programma medesimo e dai relativi
criteri di attuazione.
Ritenuto opportuno:
dare disposizioni alla CCSE per l'erogazione delle somme connesse
all'attuazione del programma di campagne informative e di
sensibilizzazione a supporto dell'efficienza energetica negli usi
finali eseguite dai distributori ai sensi dell'art. 13, comma 6, del
decreto ministeriale 20 luglio 2004;
definire le modalita' di copertura degli oneri sostenuti dalla
stessa CCSE per l'esecuzione delle attivita' ad essa assegnate ai
sensi della presente deliberazione;
richiedere ai distributori interessati la formulazione di un
progetto operativo delle campagne di informazione e sensibilizzazione
coerente con le proposte gia' presentate ai Ministeri competenti;
emanare con successivo provvedimento disposizioni per la CCSE ai
fini dell'attuazione di quanto previsto dall'art. 13, comma 7, del
decreto ministeriale 20 luglio 2004;

Delibera:

Art. 1.
Definizioni

1.1 Ai fini della presente deliberazione si applicano le
definizioni contenute nell'art. 1, comma 1, dell'allegato A, alla
delibera 18 settembre 2003, n. 103/03 e successive modifiche ed
integrazioni e inoltre le seguenti:

a) CCSE e' la cassa conguaglio per il settore elettrico;
b) campagne di informazione e di sensibilizzazione sono le
campagne di informazione e di sensibilizzazione a supporto
dell'efficienza energetica negli usi finali di cui all'art. 13, comma
6, del decreto ministeriale 20 luglio 2004.

Art. 2.
Erogazione delle somme di cui all'art. 13, comma 6
del decreto ministeriale 20 luglio 2004
2.1. Almeno quindici giorni prima dell'avvio delle campagne di
informazione e sensibilizzazione i distributori interessati
trasmettono all'Autorita', ai Ministeri competenti e alla CCSE il
progetto operativo delle campagne di informazione e
sensibilizzazione. I progetti operativi devono essere coerenti con le
proposte gia' presentate ai Ministeri competenti e contenere almeno
le seguenti informazioni:
a) i contenuti tecnici della campagna, con particolare
riferimento alle informazioni di carattere qualitativo e quantitativo
fornite relativamente ai benefici connessi al risparmio energetico
negli usi finali e agli esempi concreti di interventi illustrati
nella campagna;
b) i destinatari della campagna e i canali di comunicazione
utilizzati, eventualmente distinti per i diversi gruppi di
destinatari;
c) l'evoluzione temporale della campagna e delle sue eventuali
diverse fasi;
d) i costi previsti e l'indicazione delle principali voci
unitarie e totali di costo.
2.2. Entro trenta giorni dall'invio del documento previsto al
precedente comma 2.1, la CCSE effettua l'erogazione, a titolo di
acconto, di una somma pari al 30% del totale delle risorse
complessivamente disponibili per il distributore interessato.
2.3. I distributori interessati, al termine delle campagne di
informazione e sensibilizzazione, trasmettono ai Ministeri
competenti, alla CCSE e all'Autorita' una relazione sull'attivita'
svolta; tale relazione deve contenere almeno le informazioni a
consuntivo di cui al precedente comma 2.1, lettere da a) a d).
2.4. Entro trenta giorni dal ricevimento della relazione di cui al
precedente comma 2.3, la CCSE effettua una valutazione di congruita'
delle spese sostenute dai distributori, trasmettendone i risultati ai
Ministeri competenti e all'Autorita'. In tale relazione viene
altresi' verificato il rispetto dei seguenti criteri dettati dai
Ministeri competenti:
a) le campagne devono essere state finalizzate a creare una
sensibilita' alle misure ed interventi previsti in attuazione del
decreto ministeriale 20 luglio 2004 attraverso la diffusione di
informazioni di natura sia qualitativa che quantitativa (economica)
sui benefici connessi al risparmio energetico negli usi finali; a tal
fine devono far riferimento ad esempi concreti di misure di risparmio
energetico;
b) le campagne non possono far riferimento a prodotti, apparecchi
e componenti di specifica provenienza;
c) le campagne devono evidenziare adeguatamente che sono eseguite
in attuazione di provvedimenti governativi, con risorse raccolte
sulle tariffe elettriche. Laddove tecnicamente possibile, devono
essere resi visibili gli stemmi del Ministero delle attivita'
produttive e del Ministero dell'ambiente e della tutela del
territorio.
2.5. L'erogazione delle somme a conguaglio di quanto dovuto al
singolo distributore interessato e' effettuata dalla CCSE a seguito
di delibera dell'Autorita' adottata sulla base della valutazione di
congruita' di cui al precedente comma 2.4.
2.6. Le erogazioni delle somme oggetto della presente deliberazione
sono effettuate dalla CCSE a valere sulle risorse di cui all'art. 13,
comma 6, del conto oneri derivanti da misure ed interventi per la
promozione dell'efficienza energetica negli usi finali di energia
elettrica di cui all'art. 59, comma 1, lettera l), della
deliberazione n. 5/04 (di seguito: conto) e successive modifiche e
integrazioni.
2.7. Il mancato utilizzo da parte dei distributori interessati
delle risorse disponibili entro i termini previsti dai decreti
ministeriali 20 luglio 2004 e successive eventuali modificazioni e
integrazioni comporta la restituzione dell'anticipazione ricevuta
sulla base del precedente comma 2.2 e il pagamento dei relativi
interessi legali maturati.

Art. 3.
Oneri sostenuti da CCSE per l'esecuzione delle attivita'
ad essa assegnate dalla presente deliberazione
3.1. Gli oneri sostenuti da CCSE per l'esecuzione delle attivita'
ad essa assegnate ai sensi dell'art. 13 del decreto ministeriale
20 luglio 2004 e della presente deliberazione sono posti a carico del
conto, a valere sulle risorse di cui all'art. 13, comma 1, del
decreto ministeriale 20 luglio 2004, con separata evidenza contabile
e con un limite massimo pari all'1% delle risorse destinate al
finanziamento di campagne di informazione e di sensibilizzazione.

Art. 4.
Rapporto della CCSE sull'attivita' svolta
in adempimento della presente relazione
4.1. Successivamente alla liquidazione di tutte le partite
economiche di pertinenza del conto in attuazione del disposto
dell'art. 13, comma 6, del decreto ministeriale 20 luglio 2004 e
della presente deliberazione, la CCSE invia all'Autorita' un
resoconto della situazione del predetto conto.

Art. 5.
Disposizioni finali
5.1. Con successivo provvedimento l'Autorita' emanera' le
disposizioni per la CCSE ai fini dell'attuazione di quanto previsto
dall'art. 13, comma 7, primo periodo, del decreto ministeriale
20 luglio 2004.

5.2. Il presente provvedimento e' pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana e nel sito Internet
dell'Autorita' (www.autorita.energia.it) affinche' entri in vigore
dalla data della sua pubblicazione.

Milano, 10 novembre 2005
Il presidente: Ortis

 


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato

Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative
Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente
Staff redazionale: staff@aesinet.it