Comune di Jesi Rete civica Aesinet
Home Mappa E-mail facile Ricerca

scegli la categoria...
Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative - Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente

Gazzetta Ufficiale N. 37 del 14 Febbraio 2006

DECRETO LEGISLATIVO 24 gennaio 2006, n.36

Attuazione della direttiva 2003/98/CE relativa al riutilizzo di documenti nel settore pubblico.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Visto l'articolo 117 della Costituzione;
Vista la legge 18 aprile 2005, n. 62, ed in particolare l'articolo
1 e l'allegato A;
Vista la direttiva 2003/98/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 17 novembre 2003, relativa al riutilizzo
dell'informazione del settore pubblico;
Vista la legge 22 aprile 1941, n. 633;
Vista la legge 24 ottobre 1977, n. 801;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241;
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 157;
Vista la legge 7 giugno 2000, n. 150;
Visto il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
Visto il decreto legislativo 11 novembre 2003, n. 333;
Vista la legge 30 dicembre 2004, n. 311;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82;
Acquisito il parere del Garante per la protezione dei dati
personali;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 28 ottobre 2005;
Sulla proposta del Ministro per le politiche comunitarie e del
Ministro per l'innovazione e le tecnologie, di concerto con i
Ministri degli affari esteri, della giustizia, dell'economia e delle
finanze e per la funzione pubblica;
E m a n a
il seguente decreto legislativo:
Art. 1.

Oggetto ed ambito di applicazione

1. Il presente decreto legislativo disciplina le modalita' di
riutilizzo dei documenti contenenti dati pubblici nella
disponibilita' delle pubbliche amministrazioni e degli organismi di
diritto pubblico.
2. Le pubbliche amministrazioni e gli organismi di diritto pubblico
non hanno l'obbligo di consentire il riutilizzo dei documenti di cui
al comma 1. La decisione di consentire o meno tale riutilizzo spetta
all'amministrazione o all'organismo interessato, salvo diversa
previsione di legge o di regolamento.
3. Il presente decreto si applica altresi' quando i documenti di
cui al comma 1 sono gia' stati diffusi per il loro riutilizzo dai
soggetti ivi indicati. E' in ogni caso assicurata la parita' di
trattamento tra tutti i riutillizzatori, salvo quanto previsto
dall'articolo 11.
4. Nell'esercizio del potere di cui al comma 2 le pubbliche
amministrazioni o gli organismi di diritto pubblico perseguono la
finalita' di rendere riutilizzabile il maggior numero di
informazioni, in base a modalita' che assicurino condizioni eque,
adeguate e non discriminatorie.


Avvertenza:

Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto
dall'amministrazione competente per materia, ai sensi
dell'art. 10, comma 3 del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e' operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Per le direttive CEE vengono forniti gli estremi di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita'
europee (GUCE).

Note alle premesse:

- L'art. 76 della Costituzione stabilisce che
l'esercizio della funzione legislativa non puo' essere
delegato al Governo se non con determinazione di principi e
criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per
oggetti definiti.
- L'art. 87 della Costituzione conferisce, tra l'altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi e di emanare i decreti aventi valore di legge ed i
regolamenti.
- Si riporta il testo dell'art. 117 Cost.:
«Art. 117. - La potesta' legislativa e' esercitata
dallo Stato e dalle regioni nel rispetto della
Costituzione, nonche' dei vincoli derivanti
dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi
internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti
materie:
a) politica estera e rapporti internazionali dello
Stato; rapporti dello Stato con l'Unione europea; diritto
di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non
appartenenti all'Unione europea;
b) immigrazione;
c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni
religiose;
d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato;
armi, munizioni ed esplosivi;
e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari;
tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema
tributario e contabile dello Stato; perequazione delle
risorse finanziarie;
f) organi dello Stato e relative leggi elettorali;
referendum statali; elezione del Parlamento europeo;
g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello
Stato e degli enti pubblici nazionali;
h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della
polizia amministrativa locale;
i) cittadinanza, stato civile e anagrafi;
l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento
civile e penale; giustizia amministrativa;
m) determinazione dei livelli essenziali delle
prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che
devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale;
n) norme generali sull'istruzione;
o) previdenza sociale;
p) legislazione elettorale, organi di governo e
funzioni fondamentali di comuni, province e citta'
metropolitane;
q) dogane, protezione dei confini nazionali e
profilassi internazionale;
r) pesi, misure e determinazione del tempo;
coordinamento informativo statistico e informatico dei dati
dell'amministrazione statale, regionale e locale; opere
dell'ingegno;
s) tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni
culturali.
Sono materie di legislazione concorrente quelle
relative a: rapporti internazionali e con l'Unione europea
delle regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza
del lavoro; istruzione, salva l'autonomia delle istituzioni
scolastiche e con esclusione della istruzione e della
formazione professionale; professioni; ricerca scientifica
e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori
produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento
sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti
e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di
navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione,
trasporto e distribuzione nazionale dell'energia;
previdenza complementare e integrativa; armonizzazione dei
bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e
del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e
ambientali e promozione e organizzazione di attivita'
culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di
credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e
agrario a carattere regionale. Nelle materie di
legislazione concorrente spetta alle regioni la potesta'
legislativa, salvo che per la determinazione dei principi
fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.
Spetta alle regioni la potesta' legislativa in
riferimento ad ogni materia non espressamente riservata
alla legislazione dello Stato.
Le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano, nelle materie di loro competenza, partecipano alle
decisioni dirette alla formazione degli atti normativi
comunitari e provvedono all'attuazione e all'esecuzione
degli accordi internazionali e degli atti dell'Unione
europea, nel rispetto delle norme di procedura stabilite da
legge dello Stato, che disciplina le modalita' di esercizio
del potere sostitutivo in caso di inadempienza.
La potesta' regolamentare spetta allo Stato nelle
materie di legislazione esclusiva, salva delega alle
regioni. La potesta' regolamentare spetta alle regioni in
ogni altra materia. I comuni, le province e le citta'
metropolitane hanno potesta' regolamentare in ordine alla
disciplina dell'organizzazione e dello svolgimento delle
funzioni loro attribuite.
Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che
impedisce la piena parita' degli uomini e delle donne nella
vita sociale, culturale ed economica e promuovono la
parita' di accesso tra donne e uomini alle cariche
elettive.
La legge regionale ratifica le intese della regione con
altre regioni per il migliore esercizio delle proprie
funzioni, anche con individuazione di organi comuni.
Nelle materie di sua competenza la regione puo'
concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali
interni ad altro Stato, nei casi e con le forme
disciplinati da leggi dello Stato.».
- Si riporta il testo dell'art. 1 e l'allegato A, della
legge 18 aprile 2005, n. 62, recante: «Disposizioni per
l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza
dell'Italia alle Comunita' europee. Legge comunitaria 2004:
«Art. 1 (Delega al Governo per l'attuazione di
direttive comuni-tarie). - 1. Il Governo e' delegato ad
adottare, entro il termine di diciotto mesi dalla data di
entrata in vigore della presente legge, i decreti
legislativi recanti le norme occorrenti per dare attuazione
alle direttive comprese negli elenchi di cui agli allegati
A e B.
2. I decreti legislativi sono adottati, nel rispetto
dell'art. 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400, su
proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri o del
Ministro per le politiche comunitarie e del Ministro con
competenza istituzionale prevalente per la materia, di
concerto con i Ministri degli affari esteri, della
giustizia, dell'economia e delle finanze e con gli altri
Ministri interessati in relazione all'oggetto della
direttiva.
3. Gli schemi dei decreti legislativi recanti
attuazione delle direttive comprese nell'elenco di cui
all'allegato B, nonche', qualora sia previsto il ricorso a
sanzioni penali, quelli relativi all'attuazione delle
direttive elencate nell'allegato A, sono trasmessi, dopo
l'acquisizione degli altri pareri previsti dalla legge,
alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica
perche' su di essi sia espresso il parere dei competenti
organi parlamentari. Decorsi quaranta giorni dalla data di
trasmissione, i decreti sono emanati anche in mancanza del
parere. Qualora il termine per l'espressione del parere
parlamentare di cui al presente comma, ovvero i diversi
termini previsti dai commi 4 e 8, scadano nei trenta giorni
che precedono la scadenza dei termini previsti ai commi 1 o
5 o successivamente, questi ultimi sono prorogati di
novanta giorni.
4. Gli schemi dei decreti legislativi recanti
attuazione della direttiva 2003/10/CE, della direttiva
2003/20/CE, della direttiva 2003/35/CE, della direttiva
2003/42/CE, della direttiva 2003/59/CE, della direttiva
2003/85/CE, della direttiva 2003/87/CE, della direttiva
2003/99/CE, della direttiva 2003/122/Euratom, della
direttiva 2004/8/CE, della direttiva 2004/12/CE, della
direttiva 2004/17/CE, della direttiva 2004/18/CE, della
direttiva 2004/22/CE, della direttiva 2004/25/CE, della
direttiva 2004/35/CE, 2004/38/CE, della direttiva
2004/39/CE, della direttiva 2004/67/CE e della direttiva
2004/101/CE sono corredati della relazione tecnica di cui
all'art. 11-ter, comma 2, della legge 5 agosto 1978, n.
468, e successive modificazioni. Su di essi e' richiesto
anche il parere delle Commissioni parlamentari competenti
per i profili finanziari. Il Governo, ove non intenda
conformarsi alle condizioni formulate con riferimento
all'esigenza di garantire il rispetto dell'art. 81, quarto
comma, della Costituzione, ritrasmette alle Camere i testi,
corredati dei necessari elementi integrativi di
informazione, per i pareri definitivi delle Commissioni
competenti per i profili finanziari che devono essere
espressi entro venti giorni.
5. Entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore
di ciascuno dei decreti legislativi di cui al comma 1, nel
rispetto dei principi e criteri direttivi fissati dalla
presente legge, il Governo puo' emanare, con la procedura
indicata nei commi 2, 3 e 4, disposizioni integrative e
correttive dei decreti legislativi emanati ai sensi del
comma 1.
6. In relazione a quanto disposto dall'art. 117, quinto
comma, della Costituzione, i decreti legislativi
eventualmente adottati nelle materie di competenza
legislativa delle regioni e delle province autonome di
Trento e di Bolzano entrano in vigore, per le regioni e le
province autonome nelle quali non sia ancora in vigore la
propria normativa di attuazione, alla data di scadenza del
termine stabilito per l'attuazione della normativa
comunitaria e perdono comunque efficacia a decorrere dalla
data di entrata in vigore della normativa di attuazione
adottata da ciascuna regione e provincia autonoma nel
rispetto dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario
e, nelle materie di competenza concorrente, dei principi
fondamentali stabiliti dalla legislazione dello Stato. A
tale fine i decreti legislativi recano l'esplicita
indicazione della natura sostitutiva e cedevole delle
disposizioni in essi contenute.
7. Il Ministro per le politiche comunitarie, nel caso
in cui una o piu' deleghe di cui al comma 1 non risulti
ancora esercitata trascorsi quattro mesi dal termine
previsto dalla direttiva per la sua attuazione, trasmette
alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica una
relazione che dia conto dei motivi addotti dai Ministri con
competenza istituzionale prevalente per la materia a
giustificazione del ritardo. Il Ministro per le politiche
comunitarie ogni quattro mesi informa altresi' la Camera
dei deputati e il Senato della Repubblica sullo stato di
attuazione delle direttive da parte delle regioni e delle
province autonome.
8. Il Governo, quando non intende conformarsi ai pareri
parlamentari di cui al comma 3, relativi a sanzioni penali
contenute negli schemi di decreti legislativi recanti
attuazione delle direttive comprese negli allegati A e B,
ritrasmette con le sue osservazioni e con eventuali
modificazioni i testi alla Camera dei deputati ed al Senato
della Repubblica per il parere definitivo che deve essere
espresso entro venti giorni.».
«Allegato A (Articolo 1, commi 1 e 3) 2001/83/CE del
Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 novembre 2001,
recante un codice comunitario relativo ai medicinali per
uso umano.
2003/38/CE del Consiglio, del 13 maggio 2003, che
modifica la direttiva 78/660/CEE relativa ai conti annuali
di taluni tipi di societa' per quanto concerne gli importi
espressi in euro.
2003/73/CE della Commissione, del 24 luglio 2003,
recante modifica dell'allegato III della direttiva
1999/94/CE del Parlamento europeo e del Consiglio.
2003/93/CE del Consiglio, del 7 ottobre 2003, che
modifica la direttiva 77/799/CEE relativa alla reciproca
assistenza fra le autorita' competenti degli Stati membri
nel settore delle imposte dirette e indirette.
2003/94/CE della Commissione, dell'8 ottobre 2003, che
stabilisce i principi e le linee direttrici delle buone
prassi di fabbricazione relative ai medicinali per uso
umano e ai medicinali per uso umano in fase di
sperimentazione.
2003/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del
17 novembre 2003, relativa al riutilizzo dell'informazione
del settore pubblico.
2003/122/Euratom del Consiglio, del 22 dicembre 2003,
sul controllo delle sorgenti radioattive sigillate ad alta
attivita' e delle sorgenti orfane.
2004/6/CE della Commissione, del 20 gennaio 2004, che
deroga alla direttiva 2001/15/CE al fine di differire
l'applicazione del divieto di commercio di taluni prodotti.
2004/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del
31 marzo 2004, che modifica la direttiva 2001/82/CE recante
un codice comunitario relativo ai medicinali veterinari.
2004/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del
21 aprile 2004, relativa alla limitazione delle emissioni
di composti organici volatili dovute all'uso di solventi
organici in talune pitture e vernici e in taluni prodotti
per carrozzeria e recante modifica della direttiva
1999/13/CE.».
- La direttiva 2003/98/CE e' pubblicata nella GUCE n.
L. 345 del 31 dicembre 2003.
- La legge 22 aprile 1941, n. 633, reca: «Protezione
del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo
esercizio.».
- La legge 24 ottobre 1977, n. 801, reca: «Istituzione
e ordinamento dei servizi per le informazioni e la
sicurezza e disciplina del Segreto di Stato.».
- La legge 7 agosto 1990, n. 241, reca: «Nuove norme in
materia di procedimento amministrativo e di diritto di
accesso ai documenti amministrativi.».
- Il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 157, reca:
«Attuazione della direttiva 92/50/CEE in materia di appalti
pubblici di servizi.».
- La legge 7 giugno 2000, n. 150, reca: «Disciplina
delle attivita' di informazione e di comunicazione delle
pubbliche amministrazioni.».
- Il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, reca:
«Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti
locali.».
- Il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, reca:
«Codice in materia di protezione dei dati personali.».
- Il decreto legislativo 11 novembre 2003, n. 333,
reca: «Attuazione della direttiva 2000/52/CE, che modifica
la direttiva 80/723/CEE relativa alla trasparenza delle
relazioni finanziarie tra gli Stati membri e le loro
imprese pubbliche, nonche' alla trasparenza finanziaria
all'interno di talune imprese.».
- La legge 30 dicembre 2004, n. 311, reca:
«Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005).».
- Il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, reca:
«Codice dell'amministrazione digitale».

Art. 2.

Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si intende per:
a) pubbliche amministrazioni: le amministrazioni dello Stato, le
regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano, gli enti
pubblici territoriali e le loro unioni, consorzi o associazioni e gli
altri enti pubblici non economici;
b) organismi di diritto pubblico: gli organismi, dotati di
personalita' giuridica, istituiti per soddisfare specifiche finalita'
d'interesse generale non aventi carattere industriale o commerciale,
la cui attivita' e' finanziata in modo maggioritario dallo Stato,
dalle regioni, dagli enti locali, da altri enti pubblici o organismi
di diritto pubblico, o la cui gestione e' sottoposta al loro
controllo o i cui organi d'amministrazione, di direzione o di
vigilanza sono costituiti, almeno per la meta', da componenti
designati dai medesimi soggetti pubblici. Sono escluse le imprese
pubbliche, come definite all'articolo 2, comma 1, lettera b), del
decreto legislativo 11 novembre 2003, n. 333;
c) documento: la rappresentazione di atti, fatti e dati a
prescindere dal supporto nella disponibilita' della pubblica
amministrazione o dell'organismo di diritto pubblico. La definizione
di documento non comprende i programmi informatici;
d) dato pubblico: il dato conoscibile da chiunque;
e) riutilizzo: l'uso del dato di cui e' titolare una pubblica
amministrazione o un organismo di diritto pubblico, da parte di
persone fisiche o giuridiche, a fini commerciali o non commerciali
diversi dallo scopo iniziale per il quale il documento che lo
rappresenta e' stato prodotto nell'ambito dei fini istituzionali;
f) scambio di documenti: la cessione di documenti finalizzata
esclusivamente all'adempimento di compiti istituzionali fra i
soggetti di cui alle lettere a) e b);
g) dati personali: i dati definiti tali dal decreto legislativo
30 giugno 2003, n. 196;
h) licenza standard per il riutilizzo: il contratto, o altro
strumento negoziale, redatto ove possibile in forma elettronica, nel
quale sono definite le modalita' di riutilizzo dei documenti delle
pubbliche amministrazioni o degli organismi di diritto pubblico;
i) titolare del dato: la pubblica amministrazione o l'organismo
di diritto pubblico che ha originariamente formato per uso proprio o
commissionato ad altro soggetto pubblico o privato il documento che
rappresenta il dato.

Note all'art. 2:
- L'art. 2, comma 1, lettera b) del decreto legislativo
11 novembre 2003, n. 333, cosi' recita:
«Art. 2 (Definizioni). - 1. Ai fini del presente
decreto si intendono per:
a) (omissis);
b) «impresa pubblica», ogni impresa nei confronti
della quale i poteri pubblici possono esercitare,
direttamente o indirettamente, un'influenza dominante per
ragioni di proprieta', di partecipazione finanziaria o
della normativa che la disciplina;».
- Per il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196,
vedi note alle premesse.

Art. 3.

Documenti esclusi dall'applicazione del decreto

1. Sono esclusi dall'applicazione del presente decreto i seguenti
documenti:
a) quelli detenuti per finalita' che esulano dall'ambito dei
compiti istituzionali della pubblica amministrazione o dell'organismo
di diritto pubblico;
b) quelli nella disponibilita' delle emittenti di servizio
pubblico e delle societa' da esse controllate e da altri organismi o
loro societa' controllate per l'adempimento di un compito di
radiodiffusione di servizio pubblico;
c) quelli nella disponibilita' di istituti d'istruzione e di
ricerca quali scuole, universita', archivi, biblioteche ed enti di
ricerca, comprese le organizzazioni preposte al trasferimento dei
risultati della ricerca;
d) quelli nella disponibilita' di enti culturali quali musei,
biblioteche, archivi, orchestre, teatri lirici, compagnie di ballo e
teatri;
e) quelli comunque nella disponibilita' degli organismi di cui
agli articoli 3, 4, 5 e 6 della legge 24 ottobre 1977, n. 801;
f) quelli relativi ai dati di cui alla borsa continua nazionale
del lavoro, all'anagrafe del lavoratore ed i dati assunti in materia
di certificazione dei contratti di lavoro, disciplinati dal decreto
legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e dai rispettivi provvedimenti
attuativi;
g) quelli esclusi dall'accesso ai sensi dell'articolo 24 della
legge 7 agosto 1990, n. 241;
h) quelli sui cui terzi detengono diritti di proprieta'
intellettuale ai sensi della legge 22 aprile 1941, n. 633, ovvero
diritti di proprieta' industriale ai sensi del decreto legislativo
10 febbraio 2005, n. 30.

Note all'art. 3:
- Gli articoli 3, 4, 5 e 6 della legge 24 ottobre 1977,
n. 801, cosi' recitano:
«Art. 3. - E' istituito, alla diretta dipendenza del
Presidente del Consiglio dei Ministri, il Comitato
esecutivo per i servizi d'informazione e di sicurezza
(CESIS).
E' compito del Comitato fornire al Presidente del
Consiglio dei Ministri, ai fini del concreto espletamento
delle funzioni a lui attribuite dall'art. 1, tutti gli
elementi necessari per il coordinamento dell'attivita' dei
Servizi previsti dai successivi articoli 4 e 6; l'analisi
degli elementi comunicati dai suddetti Servizi;
l'elaborazione delle relative situazioni. E' altresi'
compito del Comitato il coordinamento dei rapporti con i
servizi di informazione e di sicurezza degli altri Stati.
Il Comitato e' presieduto dal Presidente del Consiglio
dei Ministri o, per sua delega, da un Sottosegretario di
Stato.
La segreteria generale del Comitato e' affidata ad un
funzionario dell'amministrazione dello Stato avente la
qualifica di dirigente generale, la cui nomina e revoca
spettano al Presidente del Consiglio dei Ministri, sentito
il Comitato interministeriale di cui all'art. 2.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri determina la
composizione del Comitato, di cui dovranno essere chiamati
a far parte i direttori dei Servizi di cui ai successivi
articoli 4 e 6, e istituisce gli uffici strettamente
necessari per lo svolgimento della sua attivita'.».
«Art. 4. E' istituito il Servizio per le informazioni e
la sicurezza militare (SISMI). Esso assolve a tutti i
compiti informativi e di sicurezza per la difesa sul piano
militare dell'indipendenza e della integrita' dello Stato
da ogni pericolo, minaccia o aggressione. Il SISMI svolge
inoltre ai tini suddetti compiti di controspionaggio.
Il Ministro per la difesa, dal quale il Servizio
dipende, ne stabilisce l'ordinamento e ne cura l'attivita'
sulla base delle direttive e delle disposizioni del
Presidente del Consiglio dei Ministri ai sensi dell'art. 1.
Il direttore del Servizio e gli altri funzionari
indicati nelle disposizioni sull'ordinamento sono nominati
dal Ministro per la difesa, su parere conforme del comitato
interministeriale di cui all'art. 2.
Il SISMI e' tenuto a comunicare al Ministro per la
difesa e al comitato di cui all'art. 3 tutte le
informazioni ricevute o comunque in suo possesso, le
analisi e le situazioni elaborate, le operazioni compiute e
tutto cio' che attiene alla sua attivita'.».
«Art. 5. - I reparti e gli uffici addetti alla
informazione, sicurezza e situazione esistenti presso
ciascuna forza armata o corpo armato dello Stato hanno
compiti di carattere esclusivamente tecnico-militare e di
polizia militare limitatamente all'ambito della singola
forza armata o corpo. Essi agiscono in stretto collegamento
con il SISMI.
E' abrogata la lettera g) dell'art. 2 del decreto del
Presidente della Repubblica 18 novembre 1965, n. 1477.
6. E' istituito il Servizio per le informazioni e la
sicurezza democratica (SISDE). Esso assolve a tutti i
compiti informativi e di sicurezza per la difesa dello
Stato democratico e delle istituzioni poste dalla
Costituzione a suo fondamento contro chiunque vi attenti e
contro ogni forma di eversione.
Il Ministro per l'interno, dal quale il Servizio
dipende, ne stabilisce l'ordinamento e ne cura l'attivita'
sulla base delle direttive e delle disposizioni del
Presidente del Consiglio dei Ministri ai sensi dell'art. 1.
Il direttore del Servizio e gli altri funzionari
indicati nelle disposizioni sull'ordinamento sono nominati
dal Ministro per l'interno, su parere conforme del Comitato
interministeriale di cui all'art. 2.
Il SISDE e' tenuto a comunicare al Ministro per
l'interno e al Comitato di cui all'art. 3 tutte le
informazioni ricevute o comunque in suo possesso, le
analisi e le situazioni elaborate, le operazioni compiute e
tutto cio' che attiene alla sua attivita'.».
Il decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, reca:
«Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e
mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n.
30.».
- L'art. 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241, cosi'
recita:
«Art. 24 (Esclusione dal diritto di accesso). - 1. Il
diritto di accesso e' escluso:
a) per i documenti coperti da segreto di Stato ai
sensi della legge 24 ottobre 1977, n. 801, e successive
modificazioni, e nei casi di segreto o di divieto di
divulgazione espressamente previsti dalla legge, dal
regolamento governativo di cui al comma 6 e dalle pubbliche
amministrazioni ai sensi del comma 2 del presente articolo;
b) nei procedimenti tributari, per i quali restano
ferme le particolari norme che li regolano;
c) nei confronti dell'attivita' della pubblica
amministrazione diretta all'emanazione di atti normativi,
amministrativi generali, di pianificazione e di
programmazione, per i quali restano ferme le particolari
norme che ne regolano la formazione;
d) nei procedimenti selettivi, nei confronti dei
documenti amministrativi contenenti informazioni di
carattere psicoattitudinale relativi a terzi.
2. Le singole pubbliche amministrazioni individuano le
categorie di documenti da esse formati o comunque
rientranti nella loro disponibilita' sottratti all'accesso
ai sensi del comma 1.
3. Non sono ammissibili istanze di accesso preordinate
ad un controllo generalizzato dell'operato delle pubbliche
amministrazioni.
4. L'accesso ai documenti amministrativi non puo'
essere negato ove sia sufficiente fare ricorso al potere di
differimento.
5. I documenti contenenti informazioni connesse agli
interessi di cui al comma 1 sono considerati segreti solo
nell'ambito e nei limiti di tale connessione. A tale fine
le pubbliche amministrazioni fissano, per ogni categoria di
documenti, anche l'eventuale periodo di tempo per il quale
essi sono sottratti all'accesso.
6. Con regolamento, adottato ai sensi dell'art. 17,
comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, il Governo
puo' prevedere casi di sottrazione all'accesso di documenti
amministrativi:
a) quando, al di fuori delle ipotesi disciplinate
dall'art. 12 della legge 24 ottobre 1977, n. 801, dalla
loro divulgazione possa derivare una lesione, specifica e
individuata, alla sicurezza e alla difesa nazionale,
all'esercizio della sovranita' nazionale e alla continuita'
e alla correttezza delle relazioni internazionali, con
particolare riferimento alle ipotesi previste dai trattati
e dalle relative leggi di attuazione;
b) quando l'accesso possa arrecare pregiudizio ai
processi di formazione, di determinazione e di attuazione
della politica monetaria e valutaria;
c) quando i documenti riguardino le strutture, i
mezzi, le dotazioni, il personale e le azioni strettamente
strumentali alla tutela dell'ordine pubblico, alla
prevenzione e alla repressione della criminalita' con
particolare riferimento alle tecniche investigative, alla
identita' delle fonti di informazione e alla sicurezza dei
beni e delle persone coinvolte, all'attivita' di polizia
giudiziaria e di conduzione delle indagini;
d) quando i documenti riguardino la vita privata o la
riservatezza di persone fisiche, persone giuridiche,
gruppi, imprese e associazioni, con particolare riferimento
agli interessi epistolare, sanitario, professionale,
finanziario, industriale e commerciale di cui siano in
concreto titolari, ancorche' i relativi dati siano forniti
all'amministrazione dagli stessi soggetti cui si
riferiscono;
e) quando i documenti riguardino l'attivita' in corso
di contrattazione collettiva nazionale di lavoro e gli atti
interni connessi all'espletamento del relativo mandato.
7. Deve comunque essere garantito ai richiedenti
l'accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia
necessaria per curare o per difendere i propri interessi
giuridici. Nel caso di documenti contenenti dati sensibili
e giudiziari, l'accesso e' consentito nei limiti in cui sia
strettamente indispensabile e nei termini previsti
dall'art. 60 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n.
196, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e
la vita sessuale.».
- Per la legge 22 aprile 1941, n. 633, vedi note alle
premesse.
- Il decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30, reca:
«Codice della proprieta' industriale, a norma dell'art. 15
della legge 12 dicembre 2002, n. 273.».

Art. 4.

Norma di salvaguardia

1. Sono fatte salve:
a) la disciplina sulla protezione dei dati personali di cui al
decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
b) la disciplina sulla protezione del diritto d'autore di cui
alla legge 22 aprile 1941, n. 633. Gli obblighi previsti dal presente
decreto legislativo si applicano compatibilmente con le disposizioni
di accordi internazionali sulla protezione dei diritti di proprieta'
intellettuale, in particolare la Convenzione di Berna per la
protezione delle opere letterarie ed artistiche, del 1886, ratificata
con legge 20 giugno 1978, n. 399, e l'Accordo TRIPS sugli aspetti dei
diritti di proprieta' intellettuale attinenti al commercio, del 1994,
ratificato con legge 29 dicembre 1994, n. 747;
c) la disciplina in materia di accesso ai documenti
amministrativi, di cui al Capo V della legge 7 agosto 1990, n. 241;
d) le disposizioni in materia di riutilizzazione commerciale dei
documenti, dei dati e delle informazioni catastali ed ipotecarie,
anche con riferimento all'articolo 1, commi da 367 a 373, della legge
30 dicembre 2004, n. 311;
e) le disposizioni in materia di proprieta' industriale di cui al
decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30;
f) la disciplina sul Sistema statistico nazionale di cui al
decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, nonche' la disposizione
sull'accesso ai dati individuali di cui all'articolo 8 della legge
31 dicembre 1996, n. 681.

Note all'art. 4:
- Per il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196,
vedi note alle premesse.
- Per la legge 22 aprile 1941, n. 633, vedi note alle
premesse.
- La legge 20 giugno 1978, n. 399, reca: «Ratifica ed
esecuzione della convenzione di Berna per la protezione
delle opere letterarie ed artistiche, firmata il
9 settembre 1886, completata a Parigi il 4 maggio 1896,
riveduta a Berlino il 13 novembre 1908, completata a Berna
il 20 marzo 1914, riveduta a Roma il 2 giugno 1928, a
Bruxelles il 26 giugno 1948, a Stoccolma il 14 luglio 1967
e a Parigi il 24 luglio 1971, con allegato.».
- La legge 29 dicembre 1994, n. 747, reca: «Ratifica ed
esecuzione degli atti concernenti i risultati dei negoziati
dell'Uruguay Round, adottati a MarraKech il 15 aprile
1994.».
- Il Capo V della legge 7 agosto 1990, n. 241, cosi'
recita:

«Accesso ai documenti amministrativi»

- L'art. 1, commi da 367 a 373, della legge 30 dicembre
2004, n. 311, citata nelle premesse, cosi' recita:
«367. - A fini di contrasto di fenomeni di elusione
fiscale e di tutela della fede pubblica, salvo quanto
previsto nel comma 371, e' vietata la riutilizzazione
commerciale dei documenti, dei dati e delle informazioni
catastali ed ipotecari, che risultino acquisiti, anche per
via telematica in via diretta o mediata, dagli archivi
catastali. o da pubblici registri immobiliari, tenuti dagli
uffici dell'Agenzia del territorio.
368. - Ai sensi dei commi da 367 a 375 si ha
riutilizzazione commerciale quando i predetti documenti,
dati ed informazioni sono ceduti o comunque forniti a
terzi, anche in copia o parzialmente o previa elaborazione
nella forma o nel contenuto, dai soggetti che li hanno
acquisiti, in via diretta o mediata, anche per via
telematica, dagli uffici dell'Agenzia del territorio.
369. - Non si ha riutilizzazione commerciale quando i
predetti documenti, dati ed informazioni sono forniti al
solo soggetto per conto del quale, su preventivo e
specifico incarico, risultante da atto scritto,
l'acquisizione stessa, previo pagamento dei tributi dovuti,
e' stata effettuata. Anche in tale ipotesi, tuttavia, salvo
prova contraria, si ha riutilizzazione commerciale quando
il corrispettivo previsto, o comunque versato, per la
fornitura, risulta inferiore all'ammontare dei tributi
dovuti agli uffici dell'Agenzia del territorio per
l'acquisizione, anche telematica, dei predetti documenti,
dati o informazioni.
370. - Per ciascun atto di riutilizzazione commerciale
sono comunque dovuti tributi speciali catastali e le tasse
ipotecarie, nella misura prevista per l'acquisizione, anche
telematica, dei documenti, dei dati o delle informazioni
catastali o ipotecari direttamente dagli uffici
dell'Agenzia del territorio.
371. - Le attivita' di riutilizzazione commerciale sono
consentite esclusivamente se regolamentate da specifiche
convenzioni stipulate con l'Agenzia del territorio, che
disciplinino, a fronte del preventivo pagamento dei tributi
dovuti anche ai sensi del comma 370, modalita' e termini
della raccolta, della conservazione, della elaborazione dei
dati, nonche' il controllo del limite di riutilizzo
consentito.
372. - Chi pone in essere atti di riutilizzazione
commerciale, non consentiti, e' soggetto altresi' ad una
sanzione amministrativa tributaria di ammontare compreso
fra il triplo ed il quintuplo dei tributi speciali e delle
tasse dovuti ai sensi del comma 370. Si applicano le
disposizioni del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n.
472.
373. - L'accertamento delle violazioni alle
disposizioni dei commi da 367 a 375 e' demandato al Corpo
della guardia di finanza, che esercita, a tal fine, i
poteri previsti dall'art. 32 del decreto del Presidente
della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, avvalendosi
della collaborazione dell'Agenzia del territorio. A tal
fine, per assicurare effettivita' all'indicata azione di
contrasto all'utilizzazione illecita dei documenti, dei
dati e delle informazioni catastali ed ipotecari, a valere
sulle maggiori entrate derivanti dall'attuazione dei commi
da 367 a 375 e nei limiti di spesa di 5 milioni di euro
annui, entro il 30 aprile 2005 e' avviato dalla Scuola
superiore dell'economia e delle finanze un programma
straordinario di qualificazione continua e ricorrente e
formazione mirata e specialistica del personale
dell'amministrazione finanziaria e delle agenzie fiscali
addetto alla predetta attivita' di accertamento. A tale
programma di qualificazione e formazione puo' partecipare,
su base convenzionale, anche il personale designato da enti
locali o altri enti pubblici per le analoghe esigenze di
consolidamento dell'azione di contrasto all'elusione
fiscale, in presenza di coincidenti ragioni di pubblico
interesse.».
- Per il decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30,
vedi note all'art. 3.
- Il decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322,
reca: «Norme sul sistema statico nazionale sulla
riorganizzazione dell'Istituto nazionale di statistica, ai
sensi dell'art. 24 della legge 23 agosto 1988, n. 400».
- Si riporta il testo dell'art. 8 della legge
31 dicembre 1996, n. 681, recante: «Finanziamento del
censimento intermedio dell'industria e dei servizi
nell'anno 1996». Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
11 gennaio 1997, n. 8:
«Art. 8 (Accesso ai dati individuali). - 1. Le
amministrazioni pubbliche, di cui all'art. 1, commi 2 e 3,
del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, nonche' gli
organismi di diritto pubblico e le societa' sulle quali
dette amministrazioni esercitano il controllo in ragione
della partecipazione al capitale sociale, che dispongano di
archivi, anche informatizzati, contenenti dati e notizie
che siano utili ai fini di rilevazioni statistiche, sono
tenuti a consentire all'Istituto nazionale di statistica di
accedere ai detti archivi ed alle informazioni individuali
ivi contenute. L'accesso avverra' secondo modalita'
concordate tra le parti.
2. Modificazioni, integrazioni e nuova impostazione
della modulistica utilizzata dalle amministrazioni ed enti
di cui al comma 1, che contengano le informazioni
utilizzate per fini statistici, sono concordate con
l'Istituto nazionale di statistica.
3. L'Istituto nazionale di statistica potra' acquisire
solo le informazioni necessarie per le proprie finalita'
statistiche, utilizzandole nel rispetto degli articoli 8 e
9 del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322.».

Art. 5.

Richiesta di riutilizzo di documenti

1. Il titolare del dato predispone le licenze standard per il
riutilizzo e le rende disponibili, ove possibile in forma
elettronica, sui propri siti istituzionali.
2. I soggetti che intendono riutilizzare dati delle pubbliche
amministrazioni o degli organismi di diritto pubblico presentano
apposita richiesta secondo le modalita' stabilite dal titolare del
dato con proprio provvedimento.
3. Il titolare del dato esamina le richieste e rende disponibili i
documenti al richiedente, ove possibile in forma elettronica, entro
il termine di trenta giorni, prorogabile di ulteriori trenta giorni
nel caso in cui le richieste siano numerose o complesse. Il titolare
del dato non ha l'obbligo di produrre o di continuare a produrre
documenti al solo fine di permetterne il riutilizzo da parte di un
soggetto privato o pubblico.
4. I poteri e le facolta' connessi al riutilizzo spettano
unicamente al titolare del dato.

Art. 6.

Formati disponibili

1. Il titolare del dato mette a disposizione i documenti richiesti
nella forma in cui sono stati prodotti.
2. Il titolare del dato fornisce i documenti, ove possibile in
formato elettronico, nel rispetto delle regole tecniche di cui
all'articolo 11, e non ha l'obbligo di adeguare i documenti o di
crearne per soddisfare la richiesta, ne' l'obbligo di fornire
estratti di documenti se cio' comporta attivita' eccedenti la
semplice manipolazione.

Art. 7.

T a r i f f e

1. Con decreti dei Ministri competenti, di concerto con il Ministro
dell'economia e delle finanze, da adottarsi entro novanta giorni
dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono
determinate, sulla base dei criteri di cui ai commi 2 e 3, le tariffe
e le relative modalita' di versamento da corrispondere a fronte delle
attivita' di cui agli articoli 5, 6 e 9.
2. L'importo delle tariffe di cui al comma 1, individuato sulla
base dei costi effettivi sostenuti dalle Amministrazioni e aggiornato
ogni due anni, comprende i costi di raccolta, di produzione, di
riproduzione e diffusione maggiorati, nel caso di riutilizzo per fini
commerciali, di un utile da determinare, con i decreti di cui al
comma 1, sulle spese per investimenti sostenute dalle Amministrazioni
nel triennio precedente.
3. Nei casi di riutilizzo a fini non commerciali e' prevista una
tariffa differenziata da determinarsi, con le modalita' di cui ai
commi 1 e 2, secondo il criterio della copertura dei soli costi
effettivi sostenuti dalle Amministrazioni interessate.
4. I decreti di cui al comma 1 sono pubblicati nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana e resi altresi' pubblici, a cura
dell'Amministrazione competente, ove possibile secondo modalita'
informatiche, sul proprio sito istituzionale.
5. Gli introiti delle tariffe di cui al comma 1, sono versati
all'entrata del bilancio dello Stato, per essere riassegnati, ai
sensi dell'articolo 4, comma 2, della legge 18 aprile 2005, n. 62,
allo stato di previsione delle Amministrazioni interessate.
6. Gli enti territoriali e gli altri enti ed organismi pubblici
determinano, rispettivamente con proprie disposizioni o propri atti
deliberativi gli importi delle tariffe e le relative modalita' di
versamento, sulla base dei criteri indicati ai commi 2 e 3.


Note all'art. 7:
- Si riporta il testo dell'art. 4, della legge
18 aprile 2005, n. 62, recante: «Disposizioni per
l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza
dell'Italia alle Comunita' europee. Legge comunitaria
2004.».
«Art. 4 (Oneri relativi a prestazioni e controlli). -
1. Gli oneri per prestazioni e controlli da eseguire da
parte di uffici pubblici nell'attuazione delle normative
comunitarie sono posti a carico dei soggetti interessati,
ove cio' non risulti in contrasto con la disciplina
comunitaria, secondo tariffe determinate sulla base del
costo effettivo del servizio. Le suddette tariffe sono
predeterminate e pubbliche.
2. Le entrate derivanti dalle tariffe di cui al comma
1, qualora riferite all'attuazione delle direttive di cui
agli allegati A e B della presente legge, nonche' di quelle
da recepire con lo strumento regolamentare, sono attribuite
alle amministrazioni che effettuano le prestazioni ed i
controlli, mediante riassegnazione ai sensi del regolamento
di cui al decreto del Presidente della Repubblica
10 novembre 1999, n. 469.».

Art. 8.

Contenuti delle licenze standard per il riutilizzo

1. Gli schemi di licenze standard per il riutilizzo sono
predisposti dal titolare del dato, ove possibile in formato
elettronico e resi disponibili sul proprio sito istituzionale. Gli
schemi possono essere compilati elettronicamente e contengono
eventuali limitazioni o condizioni all'utilizzo dei documenti, in
considerazione delle loro peculiari caratteristiche, nonche'
l'indicazione dei mezzi di impugnazione, secondo criteri individuati
dal titolare medesimo con proprio provvedimento.
2. Le condizioni e le limitazioni poste dal titolare del dato negli
schemi di licenze standard sono individuate per categorie di
documenti secondo criteri di proporzionalita' e nel rispetto della
disciplina sulla protezione dei dati personali e non possono
costituire ostacolo alla concorrenza.

Art. 9.

Strumenti di ricerca di documenti disponibili

1. Le pubbliche Amministrazioni e gli organismi di diritto pubblico
promuovono forme di adeguata informazione e comunicazione
istituzionale relativamente ai documenti oggetto di riutilizzo, anche
attraverso i propri siti istituzionali e prevedono modalita' pratiche
per facilitare la ricerca di documenti disponibili per il riutilizzo
quali elenchi, portali e repertori collegati ad elenchi
decentralizzati.

Art. 10.

Riutilizzo di documenti a fini commerciali da parte
di pubbliche amministrazioni

1. Lo scambio di documenti, come definito dalla lettera f) del
comma 1 dell'articolo 2, non costituisce riutilizzo.
2. Nel caso in cui una pubblica amministrazione riutilizza per fini
commerciali documenti di altra pubblica amministrazione si applicano
le modalita' di riutilizzo anche economico stabilite nel presente
decreto.

Art. 11.

Divieto di accordi di esclusiva

1. I documenti delle pubbliche amministrazioni e degli organismi di
diritto pubblico possono essere riutilizzati da tutti gli operatori
potenziali sul mercato, anche qualora uno o piu' soggetti stiano gia'
procedendo allo sfruttamento di prodotti a valore aggiunto basati su
tali documenti. I contratti o gli altri accordi tra il titolare del
dato in possesso dei documenti e terzi non stabiliscono diritti
esclusivi, salvo che cio' non risulti necessario per l'erogazione di
un servizio di interesse pubblico.
2. La fondatezza del motivo per l'attribuzione del diritto di
esclusiva e' soggetta a riesame periodico da parte
dell'Amministrazione interessata, con cadenza almeno triennale. Gli
accordi di esclusiva conclusi dopo la data di entrata in vigore del
presente decreto, sono resi pubblici dal titolare del dato, ove
possibile in forma elettronica, sui propri siti istituzionali.
3. Gli accordi di esclusiva esistenti, che non rientrano
nell'eccezione di cui al comma 2, terminano alla scadenza negli
stessi stabilita e comunque non oltre il 31 dicembre 2008.

Art. 12.

Regole tecniche
1. La fornitura di documenti ai sensi dell'articolo 5, comma 3,
avviene nel rispetto delle regole tecniche sul sistema pubblico di
connettivita' di cui all'articolo 16 del decreto legislativo
28 febbraio 2005, n. 42, delle regole di cui al disciplinare tecnico
previsto dall'allegato B al decreto legislativo 30 giugno 2003, n.
196, e con quanto previsto dall'articolo 70 del decreto legislativo
7 marzo 2005, n. 82.
2. Eventuali ulteriori regole tecniche sono adottate, previa
notifica alla Commissione europea ai sensi del decreto legislativo
23 novembre 2000, n. 427, con decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri o del Ministro delegato per l'innovazione e le
tecnologie, di concerto con il Ministro per la funzione pubblica.

Note all'art. 12:
- Si riporta il testo dell'art. 16 del decreto
legislativo 28 febbraio 2005, n. 42, recante: «Istituzione
del sistema pubblico di connettivita' e della rete
internazionale della pubblica amministrazione, a norma
dell'art. 10, della legge 29 luglio 2003, n. 229.».
«Art. 16 (Regole tecniche). - 1. Entro nove mesi dalla
data di entrata in vigore del presente decreto, con uno o
piu' decreti, adottati sulla proposta del Presidente del
Consiglio dei Ministri o, per sua delega, del Ministro per
l'innovazione e le tecnologie, d'intesa con la Conferenza
unificata di cui all'art. 8 del decreto legislativo
28 agosto 1997, n. 281, sono adottate le regole tecniche e
di sicurezza per il funzionamento del SPC.».
- L'allegato B del decreto legislativo 30 giugno 2003,
n. 196, cosi' recita:

Allegato B

Disciplinare tecnico in materia di misure minime
di sicurezza
(Articoli da 33 a 36 del codice)

Trattamenti con strumenti elettronici

Modalita' tecniche da adottare a cura del titolare, del
responsabile ove designato e dell'incaricato, in caso di
trattamento con strumenti elettronici:

Sistema di autenticazione informatica

1. Il trattamento di dati personali con strumenti
elettronici e' consentito agli incaricati dotati di
credenziali di autenticazione che consentano il superamento
di una procedura di autenticazione relativa a uno specifico
trattamento o a un insieme di trattamenti.
2. Le credenziali di autenticazione consistono in un
codice per l'identificazione dell'incaricato associato a
una parola chiave riservata conosciuta solamente dal
medesimo oppure in un dispositivo di autenticazione in
possesso e uso esclusivo dell'incaricato, eventualmente
associato a un codice identificativo o a una parola chiave,
oppure in una caratteristica biometrica dell'incaricato,
eventualmente associata a un codice identificativo o a una
parola chiave.
3. Ad ogni incaricato sono assegnate o associate
individualmente una o piu' credenziali per
l'autenticazione.
4. Con le istruzioni impartite agli incaricati e'
prescritto di adottare le necessarie cautele per assicurare
la segretezza della componente riservata della credenziale
e la diligente custodia dei dispositivi in possesso ed uso
esclusivo dell'incaricato.
5. La parola chiave, quando e' prevista dal sistema di
autenticazione, e' composta da almeno otto caratteri
oppure, nel caso in cui lo strumento elettronico non lo
permetta, da un numero di caratteri pari al massimo
consentito; essa non contiene riferimenti agevolmente
riconducibili all'incaricato ed e' modificata da
quest'ultimo al primo utilizzo e, successivamente, almeno
ogni sei mesi. In caso di trattamento di dati sensibili e
di dati giudiziari la parola chiave e' modificata almeno
ogni tre mesi.
6. Il codice per l'identificazione, laddove utilizzato,
non puo' essere assegnato ad altri incaricati, neppure in
tempi diversi.
7. Le credenziali di autenticazione non utilizzate da
almeno sei mesi sono disattivate, salvo quelle
preventivamente autorizzate per soli scopi di gestione
tecnica.
8. Le credenziali sono disattivate anche in caso di
perdita della qualita' che consente all'incaricato
l'accesso ai dati personali.
9. Sono impartite istruzioni agli incaricati per non
lasciare incustodito e accessibile lo strumento elettronico
durante una sessione di trattamento.
10. Quando l'accesso ai dati e agli strumenti
elettronici e' consentito esclusivamente mediante uso della
componente riservata della credenziale per
l'autenticazione, sono impartite idonee e preventive
disposizioni scritte volte a individuare chiaramente le
modalita' con le quali il titolare puo' assicurare la
disponibilita' di dati o strumenti elettronici in caso di
prolungata assenza o impedimento dell'incaricato che renda
indispensabile e indifferibile intervenire per esclusive
necessita' di operativita' e di sicurezza del sistema. In
tal caso la custodia delle copie delle credenziali e'
organizzata garantendo la relativa segretezza e
individuando preventivamente per iscritto i soggetti
incaricati della loro custodia, i quali devono informare
tempestivamente l'incaricato dell'intervento effettuato.
11. Le disposizioni sul sistema di autenticazione di
cui ai precedenti punti e quelle sul sistema di
autorizzazione non si applicano ai trattamenti dei dati
personali destinati alla diffusione.

Sistema di autorizzazione

12. Quando per gli incaricati sono individuati profili
di autorizzazione di ambito diverso e' utilizzato un
sistema di autorizzazione.
13. I profili di autorizzazione, per ciascun incaricato
o per classi omogenee di incaricati, sono individuati e
configurati anteriormente all'inizio del trattamento, in
modo da limitare l'accesso ai soli dati necessari per
effettuare le operazioni di trattamento.
14. Periodicamente, e comunque almeno annualmente, e'
verificata la sussistenza delle condizioni per la
conservazione dei profili di autorizzazione.

Altre misure di sicurezza

15. Nell'ambito dell'aggiornamento periodico con
cadenza almeno annuale dell'individuazione dell'ambito del
trattamento consentito ai singoli incaricati e addetti alla
gestione o alla manutenzione degli strumenti elettronici,
la lista degli incaricati puo' essere redatta anche per
classi omogenee di incarico e dei relativi profili di
autorizzazione.
16. I dati personali sono protetti contro il rischio di
intrusione e dell'azione di programmi di cui all'art.
615-quinquies del codice penale, mediante l'attivazione di
idonei strumenti elettronici da aggiornare con cadenza
almeno semestrale.
17. Gli aggiornamenti periodici dei programmi per
elaboratore volti a prevenire la vulnerabilita' di
strumenti elettronici e a correggerne difetti sono
effettuati almeno annualmente. In caso di trattamento di
dati sensibili o giudiziari l'aggiornamento e' almeno
semestrale.
18. Sono impartite istruzioni organizzative e tecniche
che prevedono il salvataggio dei dati con frequenza almeno
settimanale.

Documento programmatico sulla sicurezza

19. Entro il 31 marzo di ogni anno, il titolare di un
trattamento di dati sensibili o di dati giudiziari redige
anche attraverso il responsabile, se designato, un
documento programmatico sulla sicurezza contenente idonee
informazioni riguardo:
19.1. l'elenco dei trattamenti di dati personali;
19.2. la distribuzione dei compiti e delle
responsabilita' nell'ambito delle strutture preposte al
trattamento dei dati;
19.3. l'analisi dei rischi che incombono sui dati;
19.4. le misure da adottare per garantire l'integrita'
e la disponibilita' dei dati, nonche' la protezione delle
aree e dei locali, rilevanti ai fini della loro custodia e
accessibilita';
19.5. la descrizione dei criteri e delle modalita' per
il ripristino della disponibilita' dei dati in seguito a
distruzione o danneggiamento di cui al successivo punto 23;
19.6. la previsione di interventi formativi degli
incaricati del trattamento, per renderli edotti dei rischi
che incombono sui dati, delle misure disponibili per
prevenire eventi dannosi, dei profili della disciplina
sulla protezione dei dati personali piu' rilevanti in
rapporto alle relative attivita', delle responsabilita' che
ne derivano e delle modalita' per aggiornarsi sulle misure
minime adottate dal titolare. La formazione e' programmata
gia' al momento dell'ingresso in servizio, nonche' in
occasione di cambiamenti di mansioni, o di introduzione di
nuovi significativi strumenti, rilevanti rispetto al
trattamento di dati personali;
19.7. la descrizione dei criteri da adottare per
garantire l'adozione delle misure minime di sicurezza in
caso di trattamenti di dati personali affidati, in
conformita' al codice, all'esterno della struttura del
titolare;
19.8. per i dati personali idonei a rivelare lo stato
di salute e la vita sessuale di cui al punto 24,
l'individuazione dei criteri da adottare per la cifratura o
per la separazione di tali dati dagli altri dati personali
dell'interessato.

Ulteriori misure in caso di trattamento
di dati sensibili o giudiziari

20. I dati sensibili o giudiziari sono protetti contro
l'accesso abusivo, di cui all'art. 615-ter del codice
penale, mediante l'utilizzo di idonei strumenti
elettronici.
21. Sono impartite istruzioni organizzative e tecniche
per la custodia e l'uso dei supporti rimovibili su cui sono
memorizzati i dati al fine di evitare accessi non
autorizzati e trattamenti non consentiti.
22. I supporti rimovibili contenenti dati sensibili o
giudiziari se non utilizzati sono distrutti o resi
inutilizzabili, ovvero possono essere riutilizzati da altri
incaricati, non autorizzati al trattamento degli stessi
dati, se le informazioni precedentemente in essi contenute
non sono intelligibili e tecnicamente in alcun modo
ricostruibili.
23. Sono adottate idonee misure per garantire il
ripristino dell'accesso ai dati in caso di danneggiamento
degli stessi o degli strumenti elettronici, in tempi certi
compatibili con i diritti degli interessati e non superiori
a sette giorni.
24. Gli organismi sanitari e gli esercenti le
professioni sanitarie effettuano il trattamento dei dati
idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale
contenuti in elenchi, registri o banche di dati con le
modalita' di cui all'art. 22, comma 6, del codice, anche al
fine di consentire il trattamento disgiunto dei medesimi
dati dagli altri dati personali che permettono di
identificare direttamente gli interessati. I dati relativi
all'identita' genetica sono trattati esclusivamente
all'interno di locali protetti accessibili ai soli
incaricati dei trattamenti ed ai soggetti specificatamente
autorizzati ad accedervi; il trasporto dei dati all'esterno
dei locali riservati al loro trattamento deve avvenire in
contenitori muniti di serratura o dispositivi equipollenti;
il trasferimento dei dati in formato elettronico e'
cifrato.

Misure di tutela e garanzia

25. Il titolare che adotta misure minime di sicurezza
avvalendosi di soggetti esterni alla propria struttura, per
provvedere alla esecuzione riceve dall'installatore una
descrizione scritta dell'intervento effettuato che ne
attesta la conformita' alle disposizioni del presente
disciplinare tecnico.
26. Il titolare riferisce, nella relazione
accompagnatoria del bilancio d'esercizio, se dovuta,
dell'avvenuta redazione o aggiornamento del documento
programmatico sulla sicurezza.

Trattamenti senza l'ausilio di strumenti elettronici

Modalita' tecniche da adottare a cura del titolare, del
responsabile, ove designato, e dell'incaricato, in caso di
trattamento con strumenti diversi da quelli elettronici:
27. Agli incaricati sono impartite istruzioni scritte
finalizzate al controllo ed alla custodia, per l'intero
ciclo necessario allo svolgimento delle operazioni di
trattamento, degli atti e dei documenti contenenti dati
personali. Nell'ambito dell'aggiornamento periodico con
cadenza almeno annuale dell'individuazione dell'ambito del
trattamento consentito ai singoli incaricati, la lista
degli incaricati puo' essere redatta anche per classi
omogenee di incarico e dei relativi profili di
autorizzazione.
28. Quando gli atti e i documenti contenenti dati
personali sensibili o giudiziari sono affidati agli
incaricati del trattamento per lo svolgimento dei relativi
compiti, i medesimi atti e documenti sono controllati e
custoditi dagli incaricati fino alla restituzione in
maniera che ad essi non accedano persone prive di
autorizzazione, e sono restituiti al termine delle
operazioni affidate.
29. L'accesso agli archivi contenenti dati sensibili o
giudiziari e' controllato. Le persone ammesse, a qualunque
titolo, dopo l'orario di chiusura, sono identificate e
registrate. Quando gli archivi non sono dotati di strumenti
elettronici per il controllo degli accessi o di incaricati
della vigilanza, le persone che vi accedono sono
preventivamente autorizzate.».
- L'art. 70 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n.
82, cosi' recita:
«Art. 70 (Banca dati dei programmi informatici
riutilizzabili). - 1. Il CNIPA, previo accordo con la
Conferenza unificata di cui all'art. 8 del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281, valuta e rende note
applicazioni tecnologiche realizzate dalle pubbliche
amministrazioni, idonee al riuso da parte di altre
pubbliche amministrazioni.
2. Le pubbliche amministrazioni centrali che intendono
acquisire programmi applicativi valutano preventivamente la
possibilita' di riuso delle applicazioni analoghe rese note
dal CNIPA ai sensi del comma 1, motivandone l'eventuale
mancata adozione.».
- Il decreto legislativo 23 novembre 2000, n. 427,
reca: «Modifiche ed integrazioni alla legge 21 giugno 1986,
n. 317, concernenti la procedura di informazione nel
settore delle norme e regolamentazioni tecniche e delle
regole relative ai servizi delle societa'
dell'informazione, in attuazione delle direttive 98/34/CE e
98/48/CE.».

Art. 13.

Disposizione finanziaria

1. Dall'attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o
maggiori oneri, ne' minori entrate per la finanza pubblica.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.

Dato a Roma, addi' 24 gennaio 2006

CIAMPI

Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri
La Malfa, Ministro per le politiche
comunitarie
Stanca, Ministro per l'innovazione e le
tecnologie
Fini, Ministro degli affari esteri
Castelli, Ministro della giustizia
Tremonti, Ministro del-l'economia e
delle finanze
Baccini, Ministro per la funzione
pubblica
Visto, il Guardasigilli: Castelli


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale cartacea. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato

Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative
Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente
Staff redazionale: staff@aesinet.it