Comune di Jesi Rete civica Aesinet

Gazzetta Ufficiale N. 189 del 14 Agosto 2012

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012 , n. 137

Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148. (12G0159)

Capo I

Disposizioni generali

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'articolo 87, comma quinto, della Costituzione;
Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto l'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n.
138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n.
148;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 15 giugno 2012;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione
consultiva per gli atti normativi nell'Adunanza del 5 luglio 2012;
Acquisiti i pareri delle competenti commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 3 agosto 2012;
Sulla proposta del Ministro della giustizia;

Emana


il seguente regolamento:

Art. 1
Definizione e ambito di applicazione

1. Ai fini del presente decreto:
a) per «professione regolamentata» si intende l'attivita', o
l'insieme delle attivita', riservate per espressa disposizione di
legge o non riservate, il cui esercizio e' consentito solo a seguito
d'iscrizione in ordini o collegi subordinatamente al possesso di
qualifiche professionali o all'accertamento delle specifiche
professionalita';
b) per «professionista» si intende l'esercente la professione
regolamentata di cui alla lettera a).
2. Il presente decreto si applica alle professioni regolamentate e
ai relativi professionisti.


Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto
dall'amministrazione competente per materia, ai sensi
dell'art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e' operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
- L'art. 87 della Costituzione conferisce, tra l'altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi e di emanare i decreti aventi valore di legge ed i
regolamenti.
- Si riporta il testo dell'art. 17, comma 2, della
legge 23 agosto 1988, n. 400 (Disciplina dell'attivita' di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri.):
«Art. 17 (Regolamenti). - Comma 1. (Omissis).
2. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa
deliberazione del Consiglio dei ministri, sentito il
Consiglio di Stato e previo parere delle Commissioni
parlamentari competenti in materia, che si pronunciano
entro trenta giorni dalla richiesta, sono emanati i
regolamenti per la disciplina delle materie, non coperte da
riserva assoluta di legge prevista dalla Costituzione, per
le quali le leggi della Repubblica, autorizzando
l'esercizio della potesta' regolamentare del Governo,
determinano le norme generali regolatrici della materia e
dispongono l'abrogazione delle norme vigenti, con effetto
dall'entrata in vigore delle norme regolamentari.
Commi 3. - 4-ter (Omissis).».
- Si riporta il testo dell'art. 3, comma 5, del
decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla
legge 14 settembre 2011, n. 148 (Ulteriori misure urgenti
per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo):
«Art. 3 (Abrogazione delle indebite restrizioni
all'accesso e all'esercizio delle professioni e delle
attivita' economiche). - Commi 1. - 4. (Omissis).
5. Fermo restando l'esame di Stato di cui all'art. 33,
quinto comma, della Costituzione per l'accesso alle
professioni regolamentate secondo i principi della
riduzione e dell'accorpamento, su base volontaria, fra
professioni che svolgono attivita' similari, gli
ordinamenti professionali devono garantire che l'esercizio
dell'attivita' risponda senza eccezioni ai principi di
libera concorrenza, alla presenza diffusa dei
professionisti su tutto il territorio nazionale, alla
differenziazione e pluralita' di offerta che garantisca
l'effettiva possibilita' di scelta degli utenti nell'ambito
della piu' ampia informazione relativamente ai servizi
offerti. Con decreto del Presidente della Repubblica
emanato ai sensi dell'art. 17, comma 2, della legge 23
agosto 1988, n. 400, gli ordinamenti professionali dovranno
essere riformati entro 12 mesi dalla data di entrata in
vigore del presente decreto per recepire i seguenti
principi:
a) l'accesso alla professione e' libero e il suo
esercizio e' fondato e ordinato sull'autonomia e
sull'indipendenza di giudizio, intellettuale e tecnica, del
professionista. La limitazione, in forza di una
disposizione di legge, del numero di persone che sono
titolate ad esercitare una certa professione in tutto il
territorio dello Stato o in una certa area geografica, e'
consentita unicamente laddove essa risponda a ragioni di
interesse pubblico, tra cui in particolare quelle connesse
alla tutela della salute umana, e non introduca una
discriminazione diretta o indiretta basata sulla
nazionalita' o, in caso di esercizio dell'attivita' in
forma societaria, della sede legale della societa'
professionale;
b) previsione dell'obbligo per il professionista di
seguire percorsi di formazione continua permanente
predisposti sulla base di appositi regolamenti emanati dai
consigli nazionali, fermo restando quanto previsto dalla
normativa vigente in materia di educazione continua in
medicina (ECM). La violazione dell'obbligo di formazione
continua determina un illecito disciplinare e come tale e'
sanzionato sulla base di quanto stabilito dall'ordinamento
professionale che dovra' integrare tale previsione;
c) la disciplina del tirocinio per l'accesso alla
professione deve conformarsi a criteri che garantiscano
l'effettivo svolgimento dell'attivita' formativa e il suo
adeguamento costante all'esigenza di assicurare il miglior
esercizio della professione;
[d) il compenso spettante al professionista e' pattuito
per iscritto all'atto del conferimento dell'incarico
professionale. Il professionista e' tenuto, nel rispetto
del principio di trasparenza, a rendere noto al cliente il
livello della complessita' dell'incarico, fornendo tutte le
informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento
del conferimento alla conclusione dell'incarico. In caso di
mancata determinazione consensuale del compenso, quando il
committente e' un ente pubblico, in caso di liquidazione
giudiziale dei compensi, ovvero nei casi in cui la
prestazione professionale e' resa nell'interesse dei terzi
si applicano le tariffe professionali stabilite con decreto
dal Ministro della Giustizia;]
e) a tutela del cliente, il professionista e' tenuto a
stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti
dall'esercizio dell'attivita' professionale. Il
professionista deve rendere noti al cliente, al momento
dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza
stipulata per la responsabilita' professionale e il
relativo massimale. Le condizioni generali delle polizze
assicurative di cui al presente comma possono essere
negoziate, in convenzione con i propri iscritti, dai
Consigli Nazionali e dagli enti previdenziali dei
professionisti;
f) gli ordinamenti professionali dovranno prevedere
l'istituzione di organi a livello territoriale, diversi da
quelli aventi funzioni amministrative, ai quali sono
specificamente affidate l'istruzione e la decisione delle
questioni disciplinari e di un organo nazionale di
disciplina. La carica di consigliere dell'Ordine
territoriale o di consigliere nazionale e' incompatibile
con quella di membro dei consigli di disciplina nazionali e
territoriali. Le disposizioni della presente lettera non si
applicano alle professioni sanitarie per le quali resta
confermata la normativa vigente;
g) la pubblicita' informativa, con ogni mezzo, avente
ad oggetto l'attivita' professionale, le specializzazioni
ed i titoli professionali posseduti, la struttura dello
studio ed i compensi delle prestazioni, e' libera. Le
informazioni devono essere trasparenti, veritiere, corrette
e non devono essere equivoche, ingannevoli, denigratorie.
Commi 5-bis - 12-bis (Omissis).».

Capo I

Disposizioni generali

Art. 2
Accesso ed esercizio dell'attivita' professionale

1. Ferma la disciplina dell'esame di Stato, quale prevista in
attuazione dei principi di cui all'articolo 33 della Costituzione, e
salvo quanto previsto dal presente articolo, l'accesso alle
professioni regolamentate e' libero. Sono vietate limitazioni alle
iscrizioni agli albi professionali che non sono fondate su espresse
previsioni inerenti al possesso o al riconoscimento dei titoli
previsti dalla legge per la qualifica e l'esercizio professionale,
ovvero alla mancanza di condanne penali o disciplinari irrevocabili o
ad altri motivi imperativi di interesse generale.
2. L'esercizio della professione e' libero e fondato sull'autonomia
e indipendenza di giudizio, intellettuale e tecnico. La formazione di
albi speciali, legittimanti specifici esercizi dell'attivita'
professionale, fondati su specializzazioni ovvero titoli o esami
ulteriori, e' ammessa solo su previsione espressa di legge.
3. Non sono ammesse limitazioni, in qualsiasi forma, anche
attraverso previsioni deontologiche, del numero di persone titolate a
esercitare la professione, con attivita' anche abituale e prevalente,
su tutto o parte del territorio dello Stato, salve deroghe espresse
fondate su ragioni di pubblico interesse, quale la tutela della
salute. E' fatta salva l'applicazione delle disposizioni
sull'esercizio delle funzioni notarili.
4. Sono in ogni caso vietate limitazioni discriminatorie, anche
indirette, all'accesso e all'esercizio della professione, fondate
sulla nazionalita' del professionista o sulla sede legale
dell'associazione professionale o della societa' tra professionisti.

Capo I

Disposizioni generali

Art. 3


Albo unico nazionale

1. Gli albi territoriali relativi alle singole professioni
regolamentate, tenuti dai rispettivi consigli dell'ordine o del
collegio territoriale, sono pubblici e recano l'anagrafe di tutti gli
iscritti, con l'annotazione dei provvedimenti disciplinari adottati
nei loro confronti.
2. L'insieme degli albi territoriali di ogni professione forma
l'albo unico nazionale degli iscritti, tenuto dal consiglio nazionale
competente. I consigli territoriali forniscono senza indugio per via
telematica ai consigli nazionali tutte le informazioni rilevanti ai
fini dell'aggiornamento dell'albo unico nazionale.

Capo I

Disposizioni generali

Art. 4


Libera concorrenza e pubblicita' informativa

1. E' ammessa con ogni mezzo la pubblicita' informativa avente ad
oggetto l'attivita' delle professioni regolamentate, le
specializzazioni, i titoli posseduti attinenti alla professione, la
struttura dello studio professionale e i compensi richiesti per le
prestazioni.
2. La pubblicita' informativa di cui al comma 1 dev'essere
funzionale all'oggetto, veritiera e corretta, non deve violare
l'obbligo del segreto professionale e non dev'essere equivoca,
ingannevole o denigratoria.
3. La violazione della disposizione di cui al comma 2 costituisce
illecito disciplinare, oltre a integrare una violazione delle
disposizioni di cui ai decreti legislativi 6 settembre 2005, n. 206,
e 2 agosto 2007, n. 145.


Note all'art. 4:
- Il decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206,
reca: «Codice del consumo, a norma dell'art. 7 della legge
29 luglio 2003, n. 229.».
- Il decreto legislativo 2 agosto 2007, n. 145, reca:
«Attuazione dell'art. 14 della direttiva 2005/29/CE che
modifica la direttiva 84/450/CEE sulla pubblicita'
ingannevole.».
Note all'art. 6:
- Si riporta il testo dell'art. 9, commi 4 e 6, del
decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito dalla legge
24 marzo 2012, n. 27 (Disposizioni urgenti per la
concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la
competitivita'.).
«Art. 9 (Disposizioni sulle professioni regolamentate).
- Commi 1. - 3. (Omissis).
4. Il compenso per le prestazioni professionali e'
pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento
del conferimento dell'incarico professionale. Il
professionista deve rendere noto al cliente il grado di
complessita' dell'incarico, fornendo tutte le informazioni
utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del
conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve
altresi' indicare i dati della polizza assicurativa per i
danni provocati nell'esercizio dell'attivita'
professionale. In ogni caso la misura del compenso e'
previamente resa nota al cliente con un preventivo di
massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e
va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le
voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. Al
tirocinante e' riconosciuto un rimborso spese
forfettariamente concordato dopo i primi sei mesi di
tirocinio.
Comma 5. (Omissis).
6. La durata del tirocinio previsto per l'accesso alle
professioni regolamentate non puo' essere superiore a
diciotto mesi; per i primi sei mesi, il tirocinio puo'
essere svolto, in presenza di un'apposita convenzione
quadro stipulata tra i consigli nazionali degli ordini e il
Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca,
in concomitanza con il corso di studio per il conseguimento
della laurea di primo livello o della laurea magistrale o
specialistica. Analoghe convenzioni possono essere
stipulate tra i consigli nazionali degli ordini e il
Ministro per la pubblica amministrazione e la
semplificazione per lo svolgimento del tirocinio presso
pubbliche amministrazioni, all'esito del corso di laurea.
Le disposizioni del presente comma non si applicano alle
professioni sanitarie, per le quali resta confermata la
normativa vigente.
Commi 7. - 8. (Omissis).».
- Si riporta il testo dell'art. 117 della Costituzione:
«Art. 117 (Testo applicabile fino all'esercizio
finanziario relativo all'anno 2013). - La potesta'
legislativa e' esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel
rispetto della Costituzione, nonche' dei vincoli derivanti
dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi
internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti
materie:
a) politica estera e rapporti internazionali dello
Stato; rapporti dello Stato con l'Unione europea; diritto
di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non
appartenenti all'Unione europea;
b) immigrazione;
c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni
religiose;
d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi,
munizioni ed esplosivi;
e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari;
tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema
tributario e contabile dello Stato; perequazione delle
risorse finanziarie;
f) organi dello Stato e relative leggi elettorali;
referendum statali; elezione del Parlamento europeo;
g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello
Stato e degli enti pubblici nazionali;
h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della
polizia amministrativa locale;
i) cittadinanza, stato civile e anagrafi;
l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento
civile e penale; giustizia amministrativa;
m) determinazione dei livelli essenziali delle
prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che
devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale;
n) norme generali sull'istruzione;
o) previdenza sociale;
p) legislazione elettorale, organi di governo e
funzioni fondamentali di Comuni, Province e Citta'
metropolitane;
q) dogane, protezione dei confini nazionali e
profilassi internazionale;
r) pesi, misure e determinazione del tempo;
coordinamento informativo statistico e informatico dei dati
dell'amministrazione statale, regionale e locale; opere
dell'ingegno;
s) tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni
culturali.
Sono materie di legislazione concorrente quelle
relative a: rapporti internazionali e con l'Unione europea
delle Regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza
del lavoro; istruzione, salva l'autonomia delle istituzioni
scolastiche e con esclusione della istruzione e della
formazione professionale; professioni; ricerca scientifica
e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori
produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento
sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti
e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di
navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione,
trasporto e distribuzione nazionale dell'energia;
previdenza complementare e integrativa; armonizzazione dei
bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e
del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e
ambientali e promozione e organizzazione di attivita'
culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di
credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e
agrario a carattere regionale. Nelle materie di
legislazione concorrente spetta alle Regioni la potesta'
legislativa, salvo che per la determinazione dei principi
fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.
Spetta alle Regioni la potesta' legislativa in
riferimento ad ogni materia non espressamente riservata
alla legislazione dello Stato.
Le Regioni e le Province autonome di Trento e di
Bolzano, nelle materie di loro competenza, partecipano alle
decisioni dirette alla formazione degli atti normativi
comunitari e provvedono all'attuazione e all'esecuzione
degli accordi internazionali e degli atti dell'Unione
europea, nel rispetto delle norme di procedura stabilite da
legge dello Stato, che disciplina le modalita' di esercizio
del potere sostitutivo in caso di inadempienza.
La potesta' regolamentare spetta allo Stato nelle
materie di legislazione esclusiva, salva delega alle
Regioni. La potesta' regolamentare spetta alle Regioni in
ogni altra materia. I Comuni, le Province e le Citta'
metropolitane hanno potesta' regolamentare in ordine alla
disciplina dell'organizzazione e dello svolgimento delle
funzioni loro attribuite.
Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che
impedisce la piena parita' degli uomini e delle donne nella
vita sociale, culturale ed economica e promuovono la
parita' di accesso tra donne e uomini alle cariche
elettive.
La legge regionale ratifica le intese della Regione con
altre Regioni per il migliore esercizio delle proprie
funzioni, anche con individuazione di organi comuni.
Nelle materie di sua competenza la Regione puo'
concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali
interni ad altro Stato, nei casi e con le forme
disciplinati da leggi dello Stato.

(Testo applicabile a decorrere dall'esercizio finanziario
relativo all'anno 2014)

La potesta' legislativa e' esercitata dallo Stato e
dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonche' dei
vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli
obblighi internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti
materie:
a) politica estera e rapporti internazionali dello
Stato; rapporti dello Stato con l'Unione europea; diritto
di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non
appartenenti all'Unione europea;
b) immigrazione;
c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni
religiose;
d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi,
munizioni ed esplosivi;
e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari;
tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema
tributario e contabile dello Stato; armonizzazione dei
bilanci pubblici; perequazione delle risorse finanziarie;
f) organi dello Stato e relative leggi elettorali;
referendum statali; elezione del Parlamento europeo;
g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello
Stato e degli enti pubblici nazionali;
h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della
polizia amministrativa locale;
i) cittadinanza, stato civile e anagrafi;
l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento
civile e penale; giustizia amministrativa;
m) determinazione dei livelli essenziali delle
prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che
devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale;
n) norme generali sull'istruzione;
o) previdenza sociale;
p) legislazione elettorale, organi di governo e
funzioni fondamentali di Comuni, Province e Citta'
metropolitane;
q) dogane, protezione dei confini nazionali e
profilassi internazionale;
r) pesi, misure e determinazione del tempo;
coordinamento informativo statistico e informatico dei dati
dell'amministrazione statale, regionale e locale; opere
dell'ingegno;
s) tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni
culturali.
Sono materie di legislazione concorrente quelle
relative a: rapporti internazionali e con l'Unione europea
delle Regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza
del lavoro; istruzione, salva l'autonomia delle istituzioni
scolastiche e con esclusione della istruzione e della
formazione professionale; professioni; ricerca scientifica
e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori
produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento
sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti
e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di
navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione,
trasporto e distribuzione nazionale dell'energia;
previdenza complementare e integrativa; coordinamento della
finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione
dei beni culturali e ambientali e promozione e
organizzazione di attivita' culturali; casse di risparmio,
casse rurali, aziende di credito a carattere regionale;
enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale.
Nelle materie di legislazione concorrente spetta alle
Regioni la potesta' legislativa, salvo che per la
determinazione dei principi fondamentali, riservata alla
legislazione dello Stato.
Spetta alle Regioni la potesta' legislativa in
riferimento ad ogni materia non espressamente riservata
alla legislazione dello Stato.
Le Regioni e le Province autonome di Trento e di
Bolzano, nelle materie di loro competenza, partecipano alle
decisioni dirette alla formazione degli atti normativi
comunitari e provvedono all'attuazione e all'esecuzione
degli accordi internazionali e degli atti dell'Unione
europea, nel rispetto delle norme di procedura stabilite da
legge dello Stato, che disciplina le modalita' di esercizio
del potere sostitutivo in caso di inadempienza.
La potesta' regolamentare spetta allo Stato nelle
materie di legislazione esclusiva, salva delega alle
Regioni. La potesta' regolamentare spetta alle Regioni in
ogni altra materia. I Comuni, le Province e le Citta'
metropolitane hanno potesta' regolamentare in ordine alla
disciplina dell'organizzazione e dello svolgimento delle
funzioni loro attribuite.
Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che
impedisce la piena parita' degli uomini e delle donne nella
vita sociale, culturale ed economica e promuovono la
parita' di accesso tra donne e uomini alle cariche
elettive.
La legge regionale ratifica le intese della Regione con
altre Regioni per il migliore esercizio delle proprie
funzioni, anche con individuazione di organi comuni .
Nelle materie di sua competenza la Regione puo'
concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali
interni ad altro Stato, nei casi e con le forme
disciplinati da leggi dello Stato.».

Capo I

Disposizioni generali

Art. 5


Obbligo di assicurazione

1. Il professionista e' tenuto a stipulare, anche per il tramite di
convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti
previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni
derivanti al cliente dall'esercizio dell'attivita' professionale,
comprese le attivita' di custodia di documenti e valori ricevuti dal
cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al
momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza
professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva.
2. La violazione della disposizione di cui al comma 1 costituisce
illecito disciplinare.
3. Al fine di consentire la negoziazione delle convenzioni
collettive di cui al comma 1, l'obbligo di assicurazione di cui al
presente articolo acquista efficacia decorsi dodici mesi dall'entrata
in vigore del presente decreto.

Capo I

Disposizioni generali

Art. 6


Tirocinio per l'accesso

1. Il tirocinio professionale e' obbligatorio ove previsto dai
singoli ordinamenti professionali, e ha una durata massima di
diciotto mesi. Resta ferma l'esclusione delle professioni sanitarie
prevista dall'articolo 9, comma 6, del decreto-legge 24 gennaio 2012,
n. 1, convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 27. Il tirocinio
consiste nell'addestramento, a contenuto teorico e pratico, del
praticante, ed e' finalizzato a conseguire le capacita' necessarie
per l'esercizio e la gestione organizzativa della professione.
2. Presso il consiglio dell'ordine o del collegio territoriale e'
tenuto il registro dei praticanti, l'iscrizione al quale e'
condizione per lo svolgimento del tirocinio professionale. Ai fini
dell'iscrizione nel registro dei praticanti e' necessario, salva
l'ipotesi di cui al comma 4, secondo periodo, aver conseguito la
laurea o il diverso titolo di istruzione previsti dalla legge per
l'accesso alla professione regolamentata, ferme restando le altre
disposizioni previste dall'ordinamento universitario.
3. Il professionista affidatario deve avere almeno cinque anni di
anzianita' di iscrizione all'albo, e' tenuto ad assicurare che il
tirocinio si svolga in modo funzionale alla sua finalita' e non puo'
assumere la funzione per piu' di tre praticanti contemporaneamente,
salva la motivata autorizzazione rilasciata dal competente consiglio
territoriale sulla base di criteri concernenti l'attivita'
professionale del richiedente e l'organizzazione della stessa,
stabiliti con regolamento del consiglio nazionale dell'ordine o del
collegio, previo parere vincolante del ministro vigilante.
4. Il tirocinio puo' essere svolto, in misura non superiore a sei
mesi, presso enti o professionisti di altri Paesi con titolo
equivalente e abilitati all'esercizio della professione. Il tirocinio
puo' essere altresi' svolto per i primi sei mesi, in presenza di
specifica convenzione quadro tra il consiglio nazionale dell'ordine o
collegio, il ministro dell'istruzione, universita' e ricerca, e il
ministro vigilante, in concomitanza con l'ultimo anno del corso di
studio per il conseguimento della laurea necessaria. I consigli
territoriali e le universita' pubbliche e private possono stipulare
convenzioni, conformi a quella di cui al periodo precedente, per
regolare i reciproci rapporti. Possono essere stipulate analoghe
convenzioni tra i consigli nazionali degli ordini o collegi e il
ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, per lo
svolgimento del tirocinio presso pubbliche amministrazioni, all'esito
del corso di laurea. Resta ferma l'esclusione delle professioni
sanitarie prevista dall'articolo 9, comma 6, del decreto-legge 24
gennaio 2012, n. 1, convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 27.
5. Il tirocinio puo' essere svolto in costanza di rapporto di
pubblico impiego ovvero di rapporto di lavoro subordinato privato,
purche' le relative discipline prevedano modalita' e orari di lavoro
idonei a consentirne l'effettivo svolgimento. Sul rispetto di tale
disposizione vigila il locale consiglio dell'ordine o collegio.
6. Il tirocinio professionale non determina l'instaurazione di
rapporto di lavoro subordinato anche occasionale, fermo quanto
disposto dall'articolo 9, comma 4, ultimo periodo, del decreto-legge
24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24
marzo 2012, n. 27.
7. L'interruzione del tirocinio per oltre tre mesi, senza
giustificato motivo, comporta l'inefficacia, ai fini dell'accesso, di
quello previamente svolto. Quando ricorre un giustificato motivo,
l'interruzione del tirocinio puo' avere una durata massima di nove
mesi, fermo l'effettivo completamento dell'intero periodo previsto.
8. I praticanti osservano gli stessi doveri e norme deontologiche
dei professionisti e sono soggetti al medesimo potere disciplinare.
9. Il tirocinio, oltre che nella pratica svolta presso un
professionista, puo' consistere altresi' nella frequenza con
profitto, per un periodo non superiore a sei mesi, di specifici corsi
di formazione professionale organizzati da ordini o collegi. I corsi
di formazione possono essere organizzati anche da associazioni di
iscritti agli albi e da altri soggetti, autorizzati dai consigli
nazionali degli ordini o collegi. Quando deliberano sulla domanda di
autorizzazione di cui al periodo precedente, i consigli nazionali
trasmettono motivata proposta di delibera al ministro vigilante al
fine di acquisire il parere vincolante dello stesso.
10. Il consiglio nazionale dell'ordine o collegio disciplina con
regolamento, da emanarsi, previo parere favorevole del ministro
vigilante, entro un anno dall'entrata in vigore del presente decreto:
a) le modalita' e le condizioni per l'istituzione dei corsi di
formazione di cui al comma 9, in modo da garantire la liberta' e il
pluralismo dell'offerta formativa e della relativa scelta
individuale;
b) i contenuti formativi essenziali dei corsi di formazione;
c) la durata minima dei corsi di formazione, prevedendo un carico
didattico non inferiore a duecento ore;
d) le modalita' e le condizioni per la frequenza dei corsi di
formazione da parte del praticante nonche' quelle per le verifiche
intermedie e finale del profitto, affidate a una commissione composta
da professionisti e docenti universitari, in pari numero, e
presieduta da un docente universitario, in modo da garantire
omogeneita' di giudizio su tutto il territorio nazionale. Ai
componenti della commissione non sono riconosciuti compensi,
indennita' o gettoni di presenza.
11. Il ministro vigilante, previa verifica, su indicazione del
consiglio nazionale dell'ordine o collegio, dell'idoneita' dei corsi
organizzati a norma del comma 9 sul territorio nazionale, dichiara la
data a decorrere dalla quale la disposizione di cui al medesimo comma
e' applicabile al tirocinio.
12. Il consiglio dell'ordine o collegio presso il quale e' compiuto
il tirocinio rilascia il relativo certificato. Il certificato perde
efficacia decorsi cinque anni senza che segua il superamento
dell'esame di Stato quando previsto. Quando il certificato perde
efficacia il competente consiglio territoriale provvede alla
cancellazione del soggetto dal registro dei praticanti di cui al
comma 2.
13. Le regioni, nell'ambito delle potesta' a esse attribuite
dall'articolo 117 della Costituzione, possono disciplinare
l'attribuzione di fondi per l'organizzazione di scuole, corsi ed
eventi di tirocinio professionale.
14. Le disposizioni del presente articolo si applicano ai tirocini
iniziati dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del
presente decreto, fermo quanto gia' previsto dall'articolo 9, comma
6, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con
modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27.

Capo I

Disposizioni generali

Art. 7


Formazione continua

1. Al fine di garantire la qualita' ed efficienza della prestazione
professionale, nel migliore interesse dell'utente e della
collettivita', e per conseguire l'obiettivo dello sviluppo
professionale, ogni professionista ha l'obbligo di curare il continuo
e costante aggiornamento della propria competenza professionale
secondo quanto previsto dal presente articolo. La violazione
dell'obbligo di cui al periodo precedente costituisce illecito
disciplinare.
2. I corsi di formazione possono essere organizzati, ai fini del
comma 1, oltre che da ordini e collegi, anche da associazioni di
iscritti agli albi e da altri soggetti, autorizzati dai consigli
nazionali degli ordini o collegi. Quando deliberano sulla domanda di
autorizzazione di cui al periodo precedente, i consigli nazionali
trasmettono motivata proposta di delibera al ministro vigilante al
fine di acquisire il parere vincolante dello stesso.
3. Il consiglio nazionale dell'ordine o collegio disciplina con
regolamento, da emanarsi, previo parere favorevole del ministro
vigilante, entro un anno dall'entrata in vigore del presente decreto:
a) le modalita' e le condizioni per l'assolvimento dell'obbligo di
aggiornamento da parte degli iscritti e per la gestione e
l'organizzazione dell'attivita' di aggiornamento a cura degli ordini
o collegi territoriali, delle associazioni professionali e dei
soggetti autorizzati;
b) i requisiti minimi, uniformi su tutto il territorio nazionale,
dei corsi di aggiornamento;
c) il valore del credito formativo professionale quale unita' di
misura della formazione continua.
4. Con apposite convenzioni stipulate tra i consigli nazionali e le
universita' possono essere stabilite regole comuni di riconoscimento
reciproco dei crediti formativi professionali e universitari. Con
appositi regolamenti comuni, da approvarsi previo parere favorevole
dei ministri vigilanti, i consigli nazionali possono individuare
crediti formativi professionali interdisciplinari e stabilire il loro
valore.
5. L'attivita' di formazione, quando e' svolta dagli ordini e
collegi, puo' realizzarsi anche in cooperazione o convenzione con
altri soggetti.
6. Le regioni, nell'ambito delle potesta' a esse attribuite
dall'articolo 117 della Costituzione, possono disciplinare
l'attribuzione di fondi per l'organizzazione di scuole, corsi ed
eventi di formazione professionale.
7. Resta ferma la normativa vigente sull'educazione continua in
medicina (ECM).


Note all'art. 7:
- Per il testo dell'art. 117 della Costituzione, vedi
nelle note all'art. 6.

Capo I

Disposizioni generali

Art. 8


Disposizioni sul procedimento disciplinare delle professioni
regolamentate diverse da quelle sanitarie

1. Presso i consigli dell'ordine o collegio territoriali sono
istituiti consigli di disciplina territoriali cui sono affidati i
compiti di istruzione e decisione delle questioni disciplinari
riguardanti gli iscritti all'albo.
2. I consigli di disciplina territoriali di cui al comma 1 sono
composti da un numero di consiglieri pari a quello dei consiglieri
che, secondo i vigenti ordinamenti professionali, svolgono funzioni
disciplinari nei consigli dell'ordine o collegio territoriali presso
cui sono istituiti. I collegi di disciplina, nei consigli di
disciplina territoriali con piu' di tre componenti, sono comunque
composti da tre consiglieri e sono presieduti dal componente con
maggiore anzianita' d'iscrizione all'albo o, quando vi siano
componenti non iscritti all'albo, dal componente con maggiore
anzianita' anagrafica.
3. Ferma l'incompatibilita' tra la carica di consigliere
dell'ordine o collegio territoriale e la carica di consigliere del
corrispondente consiglio di disciplina territoriale, i consiglieri
componenti dei consigli di disciplina territoriali sono nominati dal
presidente del tribunale nel cui circondario hanno sede, tra i
soggetti indicati in un elenco di nominativi proposti dai
corrispondenti consigli dell'ordine o collegio. L'elenco di cui al
periodo che precede e' composto da un numero di nominativi pari al
doppio del numero dei consiglieri che il presidente del tribunale e'
chiamato a designare. I criteri in base ai quali e' effettuata la
proposta dei consigli dell'ordine o collegio e la designazione da
parte del presidente del tribunale, sono individuati con regolamento
adottato, entro novanta giorni dall'entrata in vigore del presente
decreto, dai consigli nazionali dell'ordine o collegio, previo parere
vincolante del ministro vigilante.
4. Le funzioni di presidente del consiglio di disciplina
territoriale sono svolte dal componente con maggiore anzianita'
d'iscrizione all'albo o, quando vi siano componenti non iscritti
all'albo, dal componente con maggiore anzianita' anagrafica. Le
funzioni di segretario sono svolte dal componente con minore
anzianita' d'iscrizione all'albo o, quando vi siano componenti non
iscritti all'albo, dal componente con minore anzianita' anagrafica.
5. All'immediata sostituzione dei componenti che siano venuti meno
a causa di decesso, dimissioni o altra ragione, si provvede
applicando le disposizioni del comma 3, in quanto compatibili.
6. I consigli di disciplina territoriale restano in carica per il
medesimo periodo dei consigli dell'ordine o collegio territoriale.
7. Presso i consigli nazionali dell'ordine o collegio che decidono
in via amministrativa sulle questioni disciplinari, sono istituiti
consigli di disciplina nazionali cui sono affidati i compiti di
istruzione e decisione delle questioni disciplinari assegnate alla
competenza dei medesimi consigli nazionali anche secondo le norme
antecedenti all'entrata in vigore del presente decreto.
8. I consiglieri dei consigli nazionali dell'ordine o collegio che
esercitano funzioni disciplinari non possono esercitare funzioni
amministrative. Per la ripartizione delle funzioni disciplinari ed
amministrative tra i consiglieri, in applicazione di quanto disposto
al periodo che precede, i consigli nazionali dell'ordine o collegio
adottano regolamenti attuativi, entro novanta giorni dall'entrata in
vigore del presente decreto, previo parere favorevole del ministro
vigilante.
9. Le funzioni di presidente del consiglio di disciplina nazionale
di cui ai commi 7 e 8 sono svolte dal componente con maggiore
anzianita' d'iscrizione all'albo. Le funzioni di segretario sono
svolte dal componente con minore anzianita' d'iscrizione all'albo.
10. Fino all'insediamento dei consigli di disciplina territoriali e
nazionali di cui ai commi precedenti, le funzioni disciplinari
restano interamente regolate dalle disposizioni vigenti.
11. Restano ferme le altre disposizioni in materia di procedimento
disciplinare delle professioni regolamentate, e i riferimenti ai
consigli dell'ordine o collegio si intendono riferiti, in quanto
applicabili, ai consigli di disciplina.
12. Il ministro vigilante puo' procedere al commissariamento dei
consigli di disciplina territoriali e nazionali per gravi e ripetuti
atti di violazione della legge, ovvero in ogni caso in cui non sono
in grado di funzionare regolarmente. Il commissario nominato
provvede, su disposizioni del ministro vigilante, a quanto necessario
ad assicurare lo svolgimento delle funzioni dell'organo fino al
successivo mandato, con facolta' di nomina di componenti che lo
coadiuvano nell'esercizio delle funzioni predette.
13. Alle professioni sanitarie continua ad applicarsi la disciplina
vigente.
14. Restano altresi' ferme le disposizioni vigenti in materia
disciplinare concernenti la professione di notaio.

Capo II

Disposizioni concernenti gli avvocati

Art. 9


Domicilio professionale

1. L'avvocato deve avere un domicilio professionale nell'ambito del
circondario di competenza territoriale dell'ordine presso cui e'
iscritto, salva la facolta' di avere ulteriori sedi di attivita' in
altri luoghi del territorio nazionale.

Capo II

Disposizioni concernenti gli avvocati

Art. 10


Disposizioni speciali sul tirocinio forense per l'accesso

1. Fermo in particolare quanto disposto dall'articolo 6, commi 3 e
4, il tirocinio puo' essere svolto presso l'Avvocatura dello Stato o
presso l'ufficio legale di un ente pubblico o di ente privato
autorizzato dal ministro della giustizia o presso un ufficio
giudiziario, per non piu' di dodici mesi.
2. Il tirocinio deve in ogni caso essere svolto per almeno sei mesi
presso un avvocato iscritto all'ordine o presso l'Avvocatura dello
Stato o presso l'ufficio legale di un ente pubblico o di un ente
privato autorizzato dal ministro della giustizia.
3. Fermo quanto previsto dal comma 2, il diploma conseguito presso
le scuole di specializzazione per le professioni legali di cui
all'articolo 16 del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, e
successive modificazioni, e' valutato ai fini del compimento del
tirocinio per l'accesso alla professione di avvocato per il periodo
di un anno.
4. Il praticante puo', per giustificato motivo, trasferire la
propria iscrizione presso l'ordine del luogo ove intende proseguire
il tirocinio. Il consiglio dell'ordine autorizza il trasferimento,
valutati i motivi che lo giustificano, e rilascia al praticante un
certificato attestante il periodo di tirocinio che risulta
regolarmente compiuto.
5. In attuazione del presente decreto, l'attivita' di praticantato
presso gli uffici giudiziari e' disciplinata con regolamento del
ministro della giustizia da adottarsi entro un anno dalla data di
entrata in vigore del presente decreto, sentiti gli organi di
autogoverno delle magistrature e il consiglio nazionale forense. I
praticanti presso gli uffici giudiziari assistono e coadiuvano i
magistrati che ne fanno richiesta nel compimento delle loro ordinarie
attivita', anche con compiti di studio, e ad essi si applica
l'articolo 15 del testo unico delle disposizioni concernenti lo
statuto degli impiegati civili dello Stato, di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3. Al termine del
periodo di formazione il magistrato designato dal capo dell'ufficio
giudiziario redige una relazione sull'attivita' e sulla formazione
professionale acquisita, che viene trasmessa al consiglio dell'ordine
competente. Ai soggetti previsti dal presente comma non compete
alcuna forma di compenso, di indennita', di rimborso spese o di
trattamento previdenziale da parte della pubblica amministrazione. Il
rapporto non costituisce ad alcun titolo pubblico impiego. Fino
all'emanazione del decreto di cui al primo periodo, continua ad
applicarsi, al riguardo, la disciplina del praticantato vigente al
momento di entrata in vigore del presente decreto.
6. Il praticante avvocato e' ammesso a sostenere l'esame di Stato
nella sede di corte di appello nel cui distretto ha svolto il maggior
periodo di tirocinio. Quando il tirocinio e' stato svolto per uguali
periodi sotto la vigilanza di piu' consigli dell'ordine aventi sede
in distretti diversi, la sede di esame e' determinata in base al
luogo di svolgimento del primo periodo di tirocinio.


Note all'art. 10:
- Si riporta il testo dell'art. 16 del decreto
legislativo 17 novembre 1997, n. 398 (Modifica alla
disciplina del concorso per uditore giudiziario e norme
sulle scuole di specializzazione per le professioni legali,
a norma dell'art. 17, commi 113 e 114, della L. 15 maggio
1997, n. 127 ):
«Art. 16 (Scuola di specializzazione per le professioni
legali). - 1. Le scuole di specializzazione per le
professioni legali sono disciplinate, salvo quanto previsto
dal presente articolo, ai sensi dell'art. 4, comma 1, della
legge 19 novembre 1990, n. 341.
2. Le scuole di specializzazione per le professioni
legali, sulla base di modelli didattici omogenei i cui
criteri sono indicati nel decreto di cui all'art. 17, comma
114, della legge 15 maggio 1997, n. 127 , e nel contesto
dell'attuazione della autonomia didattica di cui all'art.
17, comma 95, della predetta legge, provvedono alla
formazione comune dei laureati in giurisprudenza attraverso
l'approfondimento teorico, integrato da esperienze
pratiche, finalizzato all'assunzione dell'impiego di
magistrato ordinario o all'esercizio delle professioni di
avvocato o notaio. L'attivita' didattica per la formazione
comune dei laureati in giurisprudenza e' svolta anche da
magistrati, avvocati e notai. Le attivita' pratiche, previo
accordo o convenzione, sono anche condotte presso sedi
giudiziarie, studi professionali e scuole del notariato,
con lo specifico apporto di magistrati, avvocati e notai.
2-bis. La durata delle scuole di cui al comma 1 e'
fissata in due anni per coloro che conseguono la laurea in
giurisprudenza secondo l'ordinamento didattico previgente
all'entrata in vigore degli ordinamenti didattici dei corsi
di laurea e di laurea specialistica per la classe delle
scienze giuridiche, adottati in esecuzione del decreto 3
novembre 1999, n. 509 del Ministro dell'universita' e della
ricerca scientifica e tecnologica.
2-ter. Le disposizioni di cui al comma 2-bis si
applicano anche a coloro che conseguono la laurea
specialistica o magistrale in giurisprudenza sulla base
degli ordinamenti didattici adottati in esecuzione del
regolamento di cui al decreto del Ministro dell'universita'
e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999,
n. 509, e successive modificazioni. Per tali soggetti, a
decorrere dall'anno accademico 2007-2008, con regolamento
del Ministro dell'universita' e della ricerca, di concerto
con il Ministro della giustizia, adottato ai sensi
dell'art. 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400,
l'ordinamento didattico delle Scuole di cui al comma 1 puo'
essere articolato sulla durata di un anno.
3. Le scuole di cui al comma 1 sono istituite, secondo
i criteri indicati nel decreto di cui all'art. 17, comma
114, della legge 15 maggio 1997, n. 127 , dalle
universita', sedi di facolta' di giurisprudenza, anche
sulla base di accordi e convenzioni interuniversitari,
estesi, se del caso, ad altre facolta' con insegnamenti
giuridici.
4. Nel consiglio delle scuole di specializzazione di
cui al comma 1 sono presenti almeno un magistrato
ordinario, un avvocato ed un notaio.
5. Il numero dei laureati da ammettere alla scuola, e'
determinato con decreto del Ministro dell'universita' e
della ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con il
Ministro di grazia e giustizia, in misura non inferiore al
dieci per cento del numero complessivo di tutti i laureati
in giurisprudenza nel corso dell'anno accademico
precedente, tenendo conto, altresi', del numero dei
magistrati cessati dal servizio a qualunque titolo
nell'anno precedente aumentato del venti per cento del
numero di posti resisi vacanti nell'organico dei notai nel
medesimo periodo, del numero di abilitati alla professione
forense nel corso del medesimo periodo e degli altri
sbocchi professionali da ripartire per ciascuna scuola di
cui al comma 1, e delle condizioni di ricettivita' delle
scuole. L'accesso alla scuola avviene mediante concorso per
titoli ed esame. La composizione della commissione
esaminatrice, come pure il contenuto delle prove d'esame ed
i criteri oggettivi di valutazione delle prove, e' definita
nel decreto di cui all'art. 17, comma 114, della legge 15
maggio 1997, n. 127. Il predetto decreto assicura la
presenza nelle commissioni esaminatrici di magistrati,
avvocati e notai.
6. Le prove di esame di cui al comma 5 hanno contenuto
identico sul territorio nazionale e si svolgono in tutte le
sedi delle scuole di cui al comma 3. La votazione finale e'
espressa in sessantesimi. Ai fini della formazione della
graduatoria, si tiene conto del punteggio di laurea e del
curriculum degli studi universitari, valutato per un
massimo di dieci punti.
7. Il rilascio del diploma di specializzazione e'
subordinato alla certificazione della regolare frequenza
dei corsi, al superamento delle verifiche intermedie, al
superamento delle prove finali di esame.
8. Il decreto di cui all'art. 17, comma 114, della L.
15 maggio 1997, n. 127, e' emanato sentito il Consiglio
superiore della magistratura.».
- Si riporta il testo dell'art. 15 del D.P.R. 10
gennaio 1957, n. 3 (Testo unico delle disposizioni
concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato):
«Art. 15 (Segreto d'ufficio). - 1. L'impiegato deve
mantenere il segreto d'ufficio. Non puo' trasmettere a chi
non ne abbia diritto informazioni riguardanti provvedimenti
od operazioni amministrative, in corso o conclusione,
ovvero notizie di cui sia venuto a conoscenza a causa delle
sue funzioni, al di fuori delle ipotesi e delle modalita'
previste dalle norme sul diritto di accesso. Nell'ambito
delle proprie attribuzioni, l'impiegato preposto ad un
ufficio rilascia copie ed estratti di atti e documenti di
ufficio nei casi non vietati dall'ordinamento.».

Capo III

Disposizioni concernenti i notai

Art. 11


Accesso alla professione notarile

1. Possono ottenere la nomina a notaio tutti i cittadini italiani e
i cittadini dell'Unione Europea che siano in possesso dei requisiti
di cui all'articolo 5 della legge 16 febbraio 1913, n. 89, compreso
il superamento del concorso notarile, fermo il diritto dei cittadini
dell'Unione Europea che, in difetto del possesso dei requisiti di cui
ai numeri 4 e 5 dell'articolo 5 della legge 16 febbraio 1913, n. 89,
abbiano superato il concorso notarile al quale abbiano avuto accesso
a seguito di riconoscimento del titolo professionale di notaio
conseguito in altro Stato membro dell'Unione Europea.
2. Il diploma di specializzazione, conseguito presso le scuole di
specializzazione per le professioni legali di cui all'articolo 16 del
decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, e successive
modificazioni, e' valutato ai fini del compimento del periodo di
pratica per l'accesso alla professione di notaio per il periodo di un
anno.


Note all'art. 11:
- Si riporta il testo dell'art. 5 della legge 16
febbraio 1913, n. 89 (Ordinamento del notariato e degli
archivi notarili.).
«Art. 5. - Per ottenere la nomina a notaro e'
necessario:
1° essere cittadino italiano o di un altro Stato membro
dell'Unione europea ed aver compiuto l'eta' di anni 21;
2° essere di moralita' e di condotta sotto ogni
rapporto incensurate;
3° non aver subito condanna per un reato non colposo
punito con pena non inferiore nel minimo a sei mesi,
ancorche' sia stata inflitta una pena di durata minore;
4° essere fornito della laurea in giurisprudenza o
della laurea specialistica o magistrale in giurisprudenza
date o confermate da una universita' italiana o di titolo
riconosciuto equipollente ai sensi della legge 11 luglio
2002, n. 148;
5° avere ottenuto l'iscrizione fra i praticanti presso
un Consiglio notarile ed aver fatto la pratica per diciotto
mesi, di cui almeno per un anno continuativamente dopo la
laurea. La pratica si effettua, dopo l'iscrizione nel
registro dei praticanti, presso un notaro del distretto,
designato dal praticante, col consenso del notaro stesso e
con l'approvazione del Consiglio. Su richiesta
dell'interessato spetta al consiglio notarile la
designazione del notaio presso cui effettuare la pratica.
L'iscrizione nel registro dei praticanti puo' essere
ottenuta dopo l'iscrizione all'ultimo anno del corso di
laurea o di laurea specialistica o magistrale in
giurisprudenza. Il periodo di pratica si deve comunque
completare entro trenta mesi dall'iscrizione nel suddetto
registro. In caso di scadenza del suddetto termine il
periodo effettuato prima del conseguimento della laurea non
e' computato. Il periodo anteriore al conseguimento della
laurea puo' essere computato, ai fini del raggiungimento
dei diciotto mesi di pratica, per un massimo di sei mesi,
indipendentemente dalla sua effettiva durata. Per coloro
che sono stati funzionari dell'ordine giudiziario almeno
per un anno, per gli avvocati in esercizio da almeno un
anno, e' richiesta la pratica per un periodo continuativo
di otto mesi;
6° avere sostenuto con approvazione un esame di
idoneita', dopo compiuta la pratica notarile;
6°-bis aver espletato per almeno centoventi giorni,
dopo l'avvenuto superamento della prova orale, un periodo
di tirocinio obbligatorio presso uno o piu' notai, che
devono certificarne la durata. Tale periodo deve essere
registrato presso i consigli notarili dei distretti in cui
viene effettuato. Il candidato notaio puo' richiedere la
designazione del notaio al presidente del consiglio
notarile del distretto nel quale e' stato ultimato il
periodo di pratica ovvero puo' espletarlo presso notai
dello stesso o di altri distretti, i quali lo abbiano
designato direttamente. L'eventuale periodo di coadiutorato
e' computato quale tirocinio obbligatorio.
I requisiti di cui ai numeri 4° e 5° del primo comma
possono essere sostituiti dal possesso del decreto di
riconoscimento professionale emanato in applicazione del
decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 115.».
- Per il testo dell'art. 16 del citato decreto
legislativo 17 novembre 1997, n. 398, vedi nelle note
all'art. 10.

Capo IV

Disposizioni transitorie e finali

Art. 12


Disposizione temporale

1. Le disposizioni di cui al presente decreto si applicano dal
giorno successivo alla data di entrata in vigore dello stesso.
2. Sono abrogate tutte le disposizioni regolamentari e legislative
incompatibili con le previsioni di cui al presente decreto, fermo
quanto previsto dall'articolo 3, comma 5-bis, del decreto-legge 13
agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14
settembre 2011, n. 148, e successive modificazioni, e fatto salvo
quanto previsto da disposizioni attuative di direttive di settore
emanate dall'Unione europea.


Note all'art. 12:
- Si riporta il testo dell'art. 3, comma 5-bis, del
citato decreto-legge n. 138 del 2011:
«Art. 3 (Abrogazione delle indebite restrizioni
all'accesso e all'esercizio delle professioni e delle
attivita' economiche). - Commi 1. - 5. (Omissis).
5-bis. Le norme vigenti sugli ordinamenti professionali
in contrasto con i principi di cui al comma 5, lettere da
a) a g), sono abrogate con effetto dalla data di entrata in
vigore del regolamento governativo di cui al comma 5 e, in
ogni caso, dalla data del 13 agosto 2012In vigore dal 25
marzo 2012.
Commi 5-ter - 12-bis (Omissis).».

Capo IV

Disposizioni transitorie e finali

Art. 13


Invarianza finanziaria

1. Dall'attuazione del presente provvedimento non derivano nuovi o
maggiori oneri per la finanza pubblica. I soggetti pubblici
interessati operano nell'ambito delle risorse disponibili agli scopi
a legislazione vigente.

Capo IV

Disposizioni transitorie e finali

Art. 14

Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.

Dato a Stromboli, addi' 7 agosto 2012

NAPOLITANO


Monti, Presidente del Consiglio dei
Ministri

Severino, Ministro della giustizia


Visto, il Guardasigilli: Severino

Registrato alla Corte dei conti il 13 agosto 2012
Registro n. 7, foglio n. 372


Il testo di questo provvedimento non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale. La consultazione e' gratuita.
Fonte: Istituto poligrafico e Zecca dello Stato

Il Comune - Relazioni con il pubblico - Informagiovani - Dati statistici - Informacittà - Gazzette leggi e normative
Cultura e tempo libero - Economia e lavoro - Turismo - Portale delle associazioni - Istruzione e formazione - Trasporti e mobilità - Sanità, ambiente
Staff redazionale: staff@aesinet.it